Cerca

"Eto'o disse: se non abortisci, ti uccido"

Bufera sul calciatore neroazzurro, accusato da una modella senegalese

"Eto'o disse: se non abortisci, ti uccido"
"Se non abortisci ti uccido". Sarebbe questa la minacca di Samuel Eto a una modella senegalese che ha avuto una relazione con il calciatore e sostiene di aspettare un figlio da lui. La 31enne ha lanciato pesanti accuse contro il neroazzurro, raccontando la storia farcita di ogni particolare sul Giornale.

Il racconto - "Durante l'autunno scorso sono stata invitata da certi amici ad una cena e mi è stato presentato un giovane camerunense da poco arrivato dalla Spagna. Ha iniziato a telefonarmi con insistenza, una volta si è autoinvitato a casa mia. Ad una mia precisa domanda mi ha risposto di non essere sposato e di non avere figli, e quella sera abbiamo fatto l'amore. Da allora ci siamo visti almeno due volte alla settimana. Lui non voleva mai usare il preservativo".

La situazione è precipitata quando la donna è rimasta incinta: "Lui mi rispondeva infastidito dicendo di non avere tempo, poi mi disse con parole dure di abortire perché questo figlio non doveva nascere. Quando gli ho detto che ero musulmana e che la mia religione non ammette l'aborto, ha detto di avere già 4 figli e di non poterne mantenere un altro. Sono rimasta sbalordita". La modella sostiene anche di aver ricevuto pressioni, insulti ed essere stata mira di minacce di ogni genere, come "tu hai la testa dura, ma se non abortisci te la taglio" e "siamo africani e sai bene in Camerun cosa facciamo alle donne che non vogliono abortire".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sagetebe

    14 Maggio 2010 - 00:12

    IN MANCANZA I ALTRI SCANDALI CI ACCONTENTEREMO DI QUESTO Prima Ballottelli, forse il giovane calciatore piu maleducato della serie A (tranne che Cassano racconta che lui alla sua eta era pure peggio e pure se ne vanta) adesso pure il bieco oppressore dei piu elementari diritti umani: procreare

    Report

    Rispondi

  • aquila azzurra

    13 Maggio 2010 - 17:05

    Avete dimenticato il gossip scatenato ai danni del premier nei mesi scorsi? riflettete sui soggetti che hanno occupato la scena per settimane suonando la grancassa ,concedendo interviste a pagamento ed esibizioni non certo esaltanti. Il motivo? fare cassa e cercare notorietà per fare cassa.

    Report

    Rispondi

  • aquila azzurra

    13 Maggio 2010 - 17:05

    erano già iniziate qualche mese fà, ora siamo nel periodo cruciale. Non importa se dalla spagna o da qualche altro pianeta,importante è destabilizzare l'ambiente nerazzurro prima delle due partite in cui l'inter gioca per il campionato e per la cl. Prima balotelli provocatoriamente intervistato è stato letteralmente lanciato contro la società di appartenenza col rischio di bruciarne la carriera, fortuna ha voluto che il suo" inviso "procuratore abbia saputo gestire intelligentemente la situazione e tutto sembra rientrato, poi le continue provocazioni a cui è stato sottoposto mou coistretto a disertare i post-partita, infine chiacchiere tutte da dimostrare sul miglior giocatore del momento. Tutta la rabbia dei fallimenti calcistici e di tifosi delusi pilotati da media ancora più arrabbiati non basterà a frenare lo slancio dei nerazzurri verso quei traguardi che la società merita: FORZA INTER, AVANTI PER LA TUA STRADA!

    Report

    Rispondi

  • cubano44

    13 Maggio 2010 - 15:03

    Sarebbe stato più corretto accertarsi se il tutto ha un fondamento reale, il virgolettato che senso ha? Un giovanotto che ha voluto divertirsi... ma pure la modella ha voluto divertirsi, o no? E se non usava il preservativo chi dei due è più colpevole? A mio parere la donna doveva rifiutarsi di fare sesso senza preservativo, manco sapeva chi era... così dice lei quindi, perché rischiare ? Ora la cosa viene riportata sicuramente per pubblicità, essendo modella ne avrà bisogno, chi lo sa... e se così fosse? Meglio era aspettare una conferma reale di reato (minacce di morte), se reato c'è!

    Report

    Rispondi

blog