Cerca

Cent'anni di Nazionale: Mazzola, Rossi e Rivera si fanno la squadra del secolo

La prima partita fu il 15 maggio del 1910, Italia-Francia 6-2. Quattro i titoli mondiali, uno solo Europeo

Cent'anni di Nazionale: Mazzola, Rossi e Rivera si fanno la squadra del secolo
Oggi la Nazionale compie un secolo, la prima partita fu il 15 maggio del 1910, Italia-Francia 6-2. Quattro i titoli mondiali, uno solo Europeo, con Sandro Mazzola. “Fu una grande impresa anche se giocavamo in casa, nel 1968 – racconta l’ex bandiera dell’Inter -, furono necessarie due finali”. Mazzola giocò anche la semifinale storica di Messico ’70, 4-3 alla Germania. “E ho commentato gli ultimi due Mondiali vinti, l’82 per Telemontecarlo, nel 2006 alla Rai”.

Questa è la nazionale del secolo per Mazzola: Zoff; Gentile, Facchetti; Tardelli, Maldini, Scirea; Domenghini, Pirlo, Meazza, Ferrari, Riva. A disposizione: Buffon, Burgnich, Rivera, Conti, Baggio, P. Rossi, Piola. “L’Italia ha perso due finali mondiali, nel ’70, con me in campo, e nel ’94 ai rigori. All’Europeo abbiamo perduto nel 2000, con il golden gol, peccato avere raccolto così poco, ai campionati d’Europa, mentre la Germania si è aggiudicata tre titoli, compreso Italia ‘80”.

Per Gianni Rivera sono sei i calciatori più importanti della storia azzurra: “Zoff e Riva, Paolo Rossi e Paolo Maldini, Baresi e Scirea”.
Gli azzurri hanno vinto l’ultimo mondiale ai rigori, nel ’94 la sconfitta dal dischetto con il Brasile. Quattro anni fa sono diventati eroi, mentre Sacchi e i suoi non ebbero la gloria meritata.

“E’ tipico della nostra società – conferma Paolo Rossi – esagerare i successi, anche ai rigori, e denigrare le sconfitte, anche immeritate. Noi dell’82 siamo diventati leggenda perché vincemmo tutte le partite, dalla seconda fase”. Maldini e Del Piero hanno partecipato a sette grandi manifestazioni, Baggio solo a tre Mondiali, eppure è stato molto più grande rispetto a Pinturicchio, fra i principali responsabili dell’eliminazione a Francia ’98 e della finale persa in Belgio nel 2000.

“Del Piero è un grande campione – concordano Mazzola, Rossi e Rivera -, all’Italia però ha dato di più Roberto Baggio, che è stato molto più discusso, anche dagli allenatori di club. Maldini chiuse con la nazionale a 34 anni, dopo la delusione di Corea 2002, gli resta il rammarico di non avere vinto niente, in Nazionale, diversamente avrebbe avuto ogni record”.

Vanni Zagnoli

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • guga

    16 Maggio 2010 - 10:10

    io, sentito i vecchi tifosi negli anni 60', aggiungerei un tale Peppin milanese.Insuperabile. un milanista

    Report

    Rispondi

blog