Cerca

Berlusconi."Lascerei il Milan, ma se perdo popolarità?"

Indiscrezioni del settimanale "A". Arriva però la smentita degli uomini del PdL

Berlusconi."Lascerei il Milan, ma se perdo popolarità?"

Se non fosse per il prestigio, Berlusconi rinuncerebbe al Milan. Secondo il settimanale "A" in edicola domani, infatti, il premier nonché presidente rossonero avrebbe più di una volta pensato di abdicare dalla conduzione del Diavolo. Il problema non sarebbe però l'affetto che lo lega alla società di via Turati da ben 24 anni, bensì le ripercussioni in materia di popolarità che ne conseguerebbero.
"Non è una decisione facile. Quando ho venduto Kakà, ci ho rimesso tre punti alle Europee", avrebbe detto Berlusconi ai suoi uomini durante una delle cene a Palazzo Grazioli.
"Inoltre con questa crisi economica non è facile individuare un acquirente. Ma questo è un aspetto che riguarda tutti. Tutte le squadre europee dovranno avere gestioni austere e anche noi andremo avanti in questo modo. Il mio Milan ha fatto la storia e nessuno lo deve dimenticare".
Ma il futuro?
"Purtroppo io non so che fare dopo il no di Marco Van Basten", confidando anche i dubbi tecnici sulla conduzione della società, la cui panchi potrebbe essere affidata al duo Galli-Tassotti, con Paolo Maldini in un nuovo ruolo da dirigente.

Arriva però immediatamente la rettifica di Silvio Berlusconi, il quale smentisce le frasi trapelate dal settimanale "A".
In una nota il PdL fa sapere che "tutte le frasi del Presidente Berlusconi riportate dal settimanale 'A' e riprese dalle agenzie di stampa sono prodotto di fantasia. Si rileva in particolare che il Milan non ha mai contattato il signor Marco Van Basten per il ruolo di allenatore".  Inoltre, nessuna tentazione di cessione del Milan per il Presidente del Consiglio, saldo alla guida della società di via Turati.

Smentita o no, del futor del Milan si parlerà questa sera durante la cena a Villa Gernetto. In questa occasione, Silvio Berlusconi e l'ad Adriano Galliani approfondiranno il rebus dell'allenatore, oltre alle strategie commerciali per la prossima stagione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • arect57

    13 Settembre 2010 - 18:06

    noooooooooooooooooo lascia la politica, faresti due cose buone, la prima cosa la stampa estera finirebbe di riderci addosso, la seconda e che occupandoti solo del milan i danni che arrecheresti si limiterebbero solo nel mondo del pallone.

    Report

    Rispondi

  • popquatro

    21 Maggio 2010 - 18:06

    Questa dichiarazione si commenta da sola Silvio Lascia il Milan

    Report

    Rispondi

  • emilioq

    19 Maggio 2010 - 07:07

    Va bene che l'Italia vive solo di calcio ma penso che il prestigio il Cavaliere lo rinforzerebbe dedicandosi interamente a tirare fuori l'Italia dal lago di m..... in cui è arenata. Non mancano secoli alla fine della legislatura e non è detto che possa essere riconfermato. Se dovessero cambiare le arie nella materia suaccennata ci sarebbe il naufragio completo, perciò sarà bene non sprecare tempo e dare una scrollata ai parlamentari assenteisti e legiferare con la massima celerità!!!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • delusodasilvio41

    18 Maggio 2010 - 21:09

    Se il nostro Presidente del Consiglio ha tempo di impegnarsi sui problemi del Milan significa che i menagrami rossi, che parlano di grave crisi economica del Paese, sono solo degli imbecilli. Tremonti può fare a meno di darsi tanto da fare,i sindacati, pagati dagli sfascisti comunisti, possono ripiegare le loro bandiere. Commentando l'articolo,non posso fare a meno di riflettere sul fatto che quest'uomo più,per mezzo di azioni e di parole, sputtana la sua immagine,più sembra raccogliere i favori della massa.....!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog