Cerca

Saranno Torino e Brescia a giocarsi la A

Playoff. I granata battono il Sassuolo. I lombardi si salvano con il Cittadella

Saranno Torino e Brescia a giocarsi la A

Il Toro contro le Rondinelle. Da questa doppia sfida uscirà il nome della terza squadra cadetta che raggiungerà Lecce e Cesena nel paradiso della Serie A. Nelle decisive sfide delle semifinali playoff, i pronostici sono stati rispettati in pieno: la squadra di Colantuono ha compiuto l’impresa (tra l’altro alla sua portata) di sbancare Sassuolo con il risultato di 2 a 1, recuperando così il mezzo passo falso (1 – 1) in cui era incappata all’Olimpico di Torino.
Ha fatto più fatica del previsto, invece, il Brescia. Dopo aver vinto di misura il match di andata, al Rigamonti Possanzini e compagni hanno ceduto il passo al Cittadella con il punteggio di 1 a 0. Tuttavia, in virtù del miglior piazzamento al termine del campionato, a passare il turno sono stati proprio i padroni di casa.

Cronache – Sono bastati 50’ al Torino per rimettere a posto le cose dopo l’amarognolo pareggio interno. Al Braglia, infatti, i ragazzi di Colantuono partono forte, trovando già il vantaggio dopo 2’ con Scaglia (assist di Bianchi). Il Sassuolo non molla però la presa e trova al 22’ il gol del pesantissimo pareggio: Zampagna per Consolini il cui cross esalta le doti aeree di Martinetti. L’1 a 1 è un risultato che andrebbe benissimo al Sassuolo, ma al 3’ della ripresa a incornare fatalmente i nero-verdi è il capitano granata Rolando Bianchi, bravo a girare in rete l’invito di Scaglia.
Se il Toro accede alla finale con una grande prova, il Brescia c’arriva col fiatone e tanta paura. Dopo aver dominato la gara di andata al Tombolato di Cittadella, le Rondinelle scendono in campo forse troppo sicure di sé, subendo soprattutto nel secondo tempo l’ardore fisico di Ardemagni e compagni.
Ma gli ospiti mettono paura al Brescia già al 31’, con l’incornata di Iunco che si stampa sul palo. Stesso copione al 10’ della ripresa, anche se in questo caso il palo viene colpito da Iunco con un diagonale rasoterra. Alla fine gli uomini di Foscarini riescono a passare al 45’ con Curiale, ma ormai non c’è più tempo per gli ultimi assalti.

Finale – Ora l’ultimo atto della lunga stagione cadetta. Mercoledì sera all’Olimpico di Torino i granata ospiteranno il Brescia. Il ritorno al Rigamonti è in programma domenica. Come nelle semifinali, in caso di duplice parità risulterà decisiva la posizione in classifica, con il Brescia avvantaggiato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog