Cerca

Il mondiale di Buffon è a rischio

Il problema sciatico è sfociato in una piccola ernia del disco. Marchetti è allertato

7
Il mondiale di Buffon è a rischio
Ecco la tegola tanto temuta in casa azzurra. Nemmeno il tempo per mettere in archivio la discreta prova contro il Paraguay e gustarsi anche il benaccetto pareggio della Nuova Zelanda contro la Slovacchia che sulla compagine di Lippi piomba una brutta notizia.
A dispetto delle dichiarazioni fiduciose del post partita, l’infortunio di Gigi Buffon potrebbe essere molto più grave del previsto.
Ad affermarlo era stato ieri il medico della nazionale Enrico Castellacci, la cui diagnosi (
interessamento sciatico a sinistra) è stata però aggravata dalla risonanza magnetica a cui il portierone Juventino si è sottoposto questo pomeriggio: il risentimento al nervo sciatico (lo stesso subito nel corso dello scorso campionato) è sfociato in una piccola ernia del disco.
Se è cambiato il problema, non sono mutati purtroppo i tempi di recupero: Buffon resterà fuori almeno per due partite; poi si vedrà le sue risposte alle prime cure.
A difendere la porta azzurra nelle prossime due gare contro Nuova Zelanda e Slovacchia, dunque, dovrebbe essere ancora Marchetti, l’estremo difensore del Cagliari che ha esordito ai mondiali contro il Paraguay

Ottimismo post partita – E pensare che era stato lo stesso Buffon a rassicurare tifosi e addetti ai lavori al termine della partita contro il Paraguay.
“All’inizio mi sono spaventato. Pensavo di essermi strappato tutto, ho sentito un gran male, ma il medico mi ha detto che si tratta solo di un risentimento al nervo sciatico: lo ha avuto anche De Rossi, in un paio di giorni dovrei riuscire a recuperare”.
Gli esami del giorno dopo, tuttavia, hanno ipotizzato ben altro scenario: il mondiale del campione del mondo potrebbe già essere finito.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • avezzanese

    17 Giugno 2010 - 09:09

    Ho seguito tutte le partite sin ora disputate e la grave propabile assenza del n.1 non mi peoccupa tanto...dopo aver visto LE FURIE"ROSA" raccolte esamini dalla CROCE ROSSA Svizzera penso addirittura che il buon Lippi ci condurra' alla finale . (ITALIA centro sud-BRASILE 5 a 3dopo i rigori.)

    Report

    Rispondi

  • gasparotto

    16 Giugno 2010 - 17:05

    1-lenire dolorem. Lyrica 50 mg, una cpr due o tre volte al dì. Aumentando a seconda del dolore sino a 300mg/die. 2- Patrol una compresa due volte al giorno.Se non tollerate ,passare a Coefferalgan 1 cpr x 2 il primo giorno ad aumentare sino a due per tre, se il dolore insiste. 3-corsetto steccato rigido e riposo a letto 4-infiltrazioni di cortisone(soldesam 8mg.loco dolenti, a ridosso della radice,per ridurre l'edema del disco e liberare la radice, per almeno 3-4 giorni consecutivi, con le dovute cautele. 5-evitare movimenti di qualsiasi tipo e magari riposare su di un materasso con magnetoterapia, tolto il corsetto naturalemente. Comunque quei giocatori hanno il mondo a disposizione. Io facevo tanto per dire, tanto per chiarire che non siamo degli sprovevduti, come qualcuno in questo forum pensa. A destra tutti fessi, solo a sinistra gli intellettualmente maturi.

    Report

    Rispondi

  • gasparotto

    16 Giugno 2010 - 17:05

    ..la radice dello sciatico e dà sciatalgia. Quindi la piccole ernia è responsabile della sciatalgia. Ed è il dolore lungo il percorso dello sciatico , che provoca grave limitazione funzionale, che ci orienta a fare diagnosi di sciatalgia ,per poi andare a verificarne la causa, come nel caso Buffon, al quale è stata fatta un RMN, molto più indicata di una TAC. Ecco io penso che dire piccola ernia sia riduttivo, perchè a volte esistono grosse ernie asintomatiche e piccole ernie che danno guai. Dipende dove vanno a parare, a proposito di portiere, le ernie. Secondo me, Buffon doveva affrontare da subito l'intervento o almeno tentare con altre metodiche tipo laser oppure ozonoterapia. Ora ci sono centri di microneurochirurgia che ti rimettono in sesto in 4 e 4 =8. L'ernia va eliminata, è una malattia chirurgica.Le altre cure si dicono palliative. Se il disco è protruso, significa che è lesionato e va tolta la parte erniata. La fisoterapia ti potrebbe dare un sollievo, ma momentaneo.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media