Cerca

Prima Roma poi Milano: il rientro della Nazionale / Guarda il video

A Fiumicino alcuni tifosi hanno gridato "vergogna". Il cardinal Bertone dice: "Dobbiamo cercare una nuova squadra e un nuovo allenatore"

Prima Roma poi Milano: il rientro della Nazionale / Guarda il video
È un mesto rientro quello degli Azzurri questa mattina a Fiumicino (Guarda la gallery). Dall’aereo 777 Alitalia sono sbarcati poco dopo le 8 il Presidente federale Abete, il Ct Lippi e alcuni giocatori: il capitano Cannavaro, Pepe, De Santis, Quagliarella, Bonucci, Montolivo, Pazzini, Gilardino e Di Natale. Tra gli ultimi a scendere le scalette dell'aereo De Rossi, l'unico dei quali sotto l'aereo ha ricevuto qualche incitamento da diversi operatori aeroportuali che si erano lì radunati. In totale sono sbarcate circa 40 persone, compreso parte dello staff tecnico, ci sono anche Riva, Peruzzi e Di Livio. Sono rimasti tutti in silenzio: lungo il tragitto dall'aereo alla sala arrivi nessuno ha parlato. Alcuni indossano occhiali da sole per nascondere sguardi tesi e insoddisfazione. Gli unici a dispensare qualche sorriso sono De Rossi e Di Natale. Nella zona del ritiro bagagli si è radunata una piccola folla di viaggiatori in quel momento presenti che ha circondato, incuriosita, la delegazione azzurra, alla quale è stato fatto un piccolo cordone di agenti di polizia e militari della Guardia di Finanza. Qualcuno ha anche scattato foto ricordo.

Ma la tranquillità è terminata presto. All’uscita della sala arrivi una ventina di tifosi hanno accolto i giocatori con ripetute grida: «Vergognatevi, vergogna» e ancora «Vergogna, mandateli a lavorare» e «Troppi soldi». (GUARDA IL VIDEO)

Il tutto è durato qualche minuto. I più colpiti dalle urla sono stati Cannavaro e Gilardino ma anche per Marcello Lippi. In più plotoni di giornalisti e fotografi. In silenzio gli Azzurri son passati in silenzio e via via sono saliti nelle auto che li stavano attendendo.

Gratitudine per Lippi e forte delusione - «Sono grato e riconoscente a Lippi per quello che ha fatto per me». Sono state queste le prime parole pronunciate da Alberto Gilardino all'uscita dell'aeroporto di Fiumicino. «Peccato essere usciti prematuramente, questa è stata la cosa più dolorosa». Anche Leonardo Bonucci poco prima di lasciare l'aeroporto ha detto: «La delusione è forte, non tanto per non aver giocato quanto la conclusione così affrettata dell'avventura. Ero a disposizione del mister - ha aggiunto - che ha ritenute giuste altre scelte: su questo nulla da commentare. Purtroppo è andata male. Ora torno a casa un paio di giorni, poi vado in vacanza. Dopo un anno così tirato ho bisogno di pausa per ricaricarmi bene per il prossimo anno». Poi uno sguardo al futuro: «Bari è una città che porterò sempre nel cuore, mi ha dato tanto così come i tifosi, che saluto con tanto affetto. Spero di fare presto un salto a Bari per poter salutare tutti. La Juventus? Al momento non so ancora nulla: se le notizie arriveranno a breve, ne saprete qualcosa in più in più». Sulel contestazioni Bonucci sottolinea: «Se ci aspettavamo contestazioni in più? Un po’ di apprensione per l'arrivo c'era ma era anche giusto che i tifosi sfogassero la delusione: è andata male ma noi ci abbiamo messo sempre il massimo in tutto».

Eravamo come ipnotizzati - «Non ho ancora rivisto in tv le immagini della partita persa a Johannesburg contro la Slovacchia, ma nella mia testa l'ho rivissuta tante volte come una specie di incubo». Così commenta il rientro dal Sudafrica il centrocampista Riccardo Montolivo. «Eravamo come ipnotizzati, di fronte ai nostri avversari, bloccati, una cosa davvero incredibile», ha aggiunto il calciatore che, come il compagno di squadra Gilardino, è stato avvicinato da parecchi tifosi per le foto e gli autografi di rito. «Siamo distrutti - ha aggiunto a Fiumicino Montolivo - il rammarico è enorme: più passa il tempo e più ci rendiamo conto dell'occasione che abbiamo buttato via, e dispiace».

L’arrivo a Malpensa - È atterrato poco dopo le 10 a Milano Malpensa il volo Alitalia dapprima atterrato a Roma con a bordo la parte di delegazione della Nazionale italiana rientrata da Johannesburg e che non si è fermata nella capitale. All'uscita da un varco lontano dal terminal 2 presidiato dalle forze dell'ordine, si sono potuti riconoscere Gigi Buffon, Andrea Pirlo e Rino Gattuso. Occhiali da sole e telefonino all'orecchio. Ad attenderli una cinquantina di giornalisti, fotografi e cameraman. Si è poi avvicinato qualche curioso che si è limitato a scattare qualche foto. Nessuno si è fermato a parlare con i giornalisti.

Nuova squadra - Il segretario di Stato Vaticano cardinale Tarcisio Bertone, rispondendo a una domanda dei giornalisti sulla Nazionale italiana, prima di parlare al VII Simposio internazionale dei docenti universitari in corso all'Università Lumsa di Roma, ha detto: «Adesso ci sono tanti accusatori, ma noi dobbiamo cercare una nuova squadra e un nuovo allenatore».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ritabi

    28 Giugno 2010 - 08:08

    Sembra che abbiano tirato bombe negli stadi! Sembra che abbiano voluto perdere e che tutti, da Lippi in sù, abbiano lavorato per far perdere l'Italia!!!! Ci riproveremo tra 4 anni.

    Report

    Rispondi

  • angelo.Mandara

    27 Giugno 2010 - 14:02

    Questo Cannavaro che parla...parla (fosse il canto d'un cigno ?) e dichiara che loro giocatori avevano paura... e Montolivo che aggiunge che si sentivano come ipnotizzati...ma di chi, di che cosa ?...delle loro Jaguar e Ferrari...o di quando escono con le loro ragazze da schianto e diventano i classici eroi da copertina...no, il terrore erano i modesti ed anonimi giocatori della Slovacchia...magari, ancora ancora gli armadioni della Nuova Zelanda ...ma queste scusanti non si possono accampare...a fronte di sessanta milioni di tifosi che forse si illudevano, con questi Mondiali, di trovare un'alternativa alla realtà di tutti i giorni. Già Lippi quando si permise di "insultare" il pubblico di Parma in seguito ad uno scialbo risultato della Nazionale...e mai "corretto" o stigmatizzato dalla Federazione. Senza i passati Valori non si può ricostruire. Saluti. Angelo Mandara

    Report

    Rispondi

  • inm

    26 Giugno 2010 - 22:10

    in Italia c'è gente fortunatissima. Si tratta di individui che hanno così pochi problemi nella vita, da potersi permettere di andare ad insultare degli sconosciuti in ritorno dall'Africa. Ma come faranno, mi chiedo curioso. Qual è il loro segreto? Chi ha tempo...diceva mia nonna.

    Report

    Rispondi

  • francogambelli

    26 Giugno 2010 - 15:03

    E' molto facile dire ora, mi assumo tutte le responsabilità, come ha detto Lippi. Egli si crede di essere un padreterno. Senza ombra di dubbio se avesse portato come dicevano tutti gli esperti di calcio, Balotelli.Cassano e Totti ci potete scommettere che le cose non sarebbero andate così, magari si sarebbe perduto alle semifinali ma mai una figura di merda come ci avevte fatto fare. Lippi non ha portato ne Cassano, ne Balotelli non perchè non erano i migliori al momento sulla piazza, ma perchè a lui stavano sul c.......è VERAMENTE UNA COSA VERGOGNOSA QUELLA CHE HANNO FATTO. E la federazione!!!! come si fa un mese prima dei mondiali dire che Lippu sarebbe stato sostituito a fine mondiali perchè!!! non avrebbero potuto aspettare a mondiale finito!!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog