Cerca

Collina non sarà più il designatore degli arbitri italiani

L'ex fischietto ha ottenuto una promozione dall'Uefa. Designerà le giacchette nere nelle competizioni Europee

Collina non sarà più il designatore degli arbitri italiani
Dopo essere stato uno dei migliori arbitri italiani nell’intero panorama calcistico mondiale, Pierluigi Collina incassa un’altra promozione anche nei panni di designatore.
La Uefa di Michel Platini, infatti, ha promosso l’ex fischietto di Viareggio come capo della Commissione arbitri della Federcalcio Europea, ossia la personalità che deciderà le designazioni degli arbitri nelle maggiori competizioni continentali, una su tutte la Champions League.
“Un ruolo importante che prevede un impegno notevole – ha affermato lo stesso Collina illustrando il suo nuovo incarico europeo –. Ringrazio Platini per l’opportunità concessami”.

Addio Italia - Se la promozione a “chief referee officer” rappresenta una grande opportunità per l’ex giacchetta nera, l’altra faccia della medaglia è che il movimento italiano perde uno dei suoi pezzi da 90. Visto il nuovo incarico, Collina ha infatti deciso di dare le dimissioni da designatore degli arbitri di Serie A e di Serie B.
Il progetto di far crescere la classe arbitrale del futuro sia sotto il profilo tecnico-atletico sia per quanto riguarda la personalità in campo, quindi, sarà affidato a qualcun altro, anche se sarà difficile individuare un sostituto in grado di non far rimpiangere Collina.
"Noi proseguiremo il nostro percorso – ha affermato il presidente dell’Aia, Marcello Nicchi, nel corso della conferenza stampa tenutasi nella sede della Figc per la presentazione degli organici della prossima stagione –. Ringrazio Collina per quello che ha fatto nella riorganizzazione del mondo arbitrale. E’ una persona di grande spessore che ci invidia tutto il mondo, tanto che ha deciso di lasciare il suo incarico in Italia per andare a fortificare e a ridare dignità alla nostra federazione nel mondo".

Organico arbitri 2010/11 -
Oltre all'addio di Collina, nella giornata il presidente Aia, Marcello Nicchi, ha anche diramato l’elenco degli arbitri che la prossima stagione faranno parte del gruppo della CAN per la Serie A. Questi i fischietti designati: Luca Banti di Livorno, Mauro Bergonzi di Genova, Christian Brighi di Cesena, Domenico Celi di Campobasso, Antonio Damato di Barletta, Andrea De Marco di Chiavari, Gabriele Gava di Conegliano Veneto, Andrea Gervasoni di Mantova, Danilo Giannoccaro di Lecce, Paolo Silvio Mazzoleni di Bergamo, Emidio Morganti di Ascoli Piceno, Daniele Orsato di Schio, Sebastiano Peruzzo di Schio, Nicola Pierpaoli di Firenze, Nicola Rizzoli di Bologna, Gianluca Rocchi di Firenze, Andrea Romeo di Verona, Roberto Rosetti di Torino, Carmine Russo di Nola, Paolo Valeri di Roma, Paolo Tagliavento di Terni.  Confermato con deroga anche Morganti, mentre tra i dismessi ci sono Massimiliano Saccani di Mantova e Matteo Trefoloni di Siena.
Tra gli arbitri promossi dalla CAN di Lega Pro (l'ex C) alla Serie B: Silvio Baratta di Salerno, Roberto Bagalini di Fermo, Angelo Cervellera di Taranto, Andrea Corletto di Castelfranco Veneto, Piero Giacomelli di Trieste, Davide Massa di Imperia Filippo Merchiori di Ferrara, Emilio Ostinelli di Como, Gennaro Palazzino di Ciampino, Alessandro Ruini di Reggio Emilia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog