Cerca

Si raduna l'Inter, l'obiettivo è sempre lo stesso: vincere

Agli ordini di Benitez con una campagna acquisti ancora da decifrare i neroazzurri iniziano la preparazione

Si raduna l'Inter, l'obiettivo è sempre lo stesso: vincere
Il raduno dell’Inter di Benitez. Si riparte da dove si era finito, anche quest’anno l’obiettivo è vincere tutto il possibile, partendo dalle coppe che mancano in bacheca nel 2010: supercoppa italiana, supercoppa europea e intercontinentale per fare l’en-plein. "Siamo qui per fare ciò che tutto il mondo vuole, vincere, e lo faremo con una società vincente come lo è l'Inter e con una mentalità così forte. Il discorso quest'anno è diverso, ma avremo sempre la stessa idea, quella di vincere dal primo giorno. Porteremo avanti un nuovo progetto, il progetto di un nuovo allenatore, di una società che vuole ripetersi e fare le cose bene". Firmato Rafa Benitez, nuovo allenatore, meno esuberante del suo predecessore Mourinho.

I riflettori sono puntati sul neoallenatore, ma è pur sempre estate, tempo di calciomercato. I tifosi vogliono sapere chi farà battere loro il cuore quest’anno. Per il momento ci sono il fenomeno (almeno così si dice e si spera) Coutinho e il turbo Biabiany, riscattato dal Parma. Poi al posto di Toldo è arrivato Castellazzi, ma i movimenti sono soltanto minori. "Qui io sono un allenatore – dice Benitez – la squadra ha un direttore sportivo e un presidente che hanno delle responsabilità in merito a questo argomento, la mia è quella di lavorare sul campo. È lì che si concentrerà il mio lavoro ed è su questo che io farò attenzione. Coloro che adesso sono qui, sono giocatori dell'Inter e innanzitutto voglio conoscerli e parlarci. Inoltre, saranno di più rispetto allo scorso anno: alcuni sono rientrati dai prestiti e ci saranno anche i ragazzi del settore giovanile, quello nerazzurro è tra i migliori". Tradotto: la porta non è chiusa per nessuno, nemmeno Balotelli, poi spazio a Khrin, Santon e chi ha meno anni di attività nelle gambe. Però il presidente Moratti ha lasciato intendere che qualcosa potrebbe accadere. A lui piacciono Ozil e Robben, e se il primo sarebbe la controfigura di Sneijder, il secondo andrebbe a pennello per il modulo del Rafa. Altri nomi circolano insistentemente, tra i quali quello di Cavani per l’attacco e Mascherano per creare una diga argentina a metà campo con Cambiasso. L’Inter attende di vendere prima di lanciarsi nel mercato, anche se il suo presidente, spinto dalla passione, potrebbe riservare sorprese.

Rosa – Sembrerebbe da sfoltire la squadra. Rincasa anche Burdisso (vuoi vedere che non ritorna utile) ed è difficile piazzare tanti giocatori, come Mancini per intenderci mentre Quaresima ha preso la via turca. Occorrono degli accorgimenti, serve una razionalizzazione che porti a quello che era sempre stato il desiderio di Mourinho: una rosa composta da 25 giocatori, tutti validi, polivalenti, in modo da avere sempre due scelte per ogni ruolo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog