Cerca

Sospeso lo sciopero dei calciatori

La fumata bianca nell'incontro odierno in Figc. Anticipato al 22 dicembre il turno del 6 gennaio

Sospeso lo sciopero dei calciatori
Torna il sereno sulla quinta giornata del massimo campionato italiano di calcio. Al termine della riunione tra l’Associazione Italiana Calciatori e la Lega di A sia iniziata da pochi minuti, è stato confermato come le due parti abbiano raggiunto un accordo per revocare lo sciopero annunciato dagli atleti il 25 e il 26 settembre.

Ottimisti - Del resto l'ottimismo serpeggiava tra i vertici della Lega e della FIGC già prima della riunione, come ha dimostrato il presidente della Lega di A Maurizio Beretta.
"Spero che l’incontro di oggi porti ad un passo in avanti importante, e cioè al rinvio dello sciopero per consentire alle parti di trovare un’intesa senza questa scadenza".
Sulla stessa linea d'onda si erano schierati anche il presidente della Juventus, Andrea Agnelli, e il direttore generale, Beppe Marotta, i quali hanno incontrato il presidente federale Giancarlo Abete.
"Siamo fiduciosi sul rinvio dello sciopero - ha ammesso Andrea Agnelli -. Le cose si muoveranno, adesso li lasciamo lavorare in pace".

Si continuerà a trattare – L'annullamento dello sciopero, tuttavia, non significa che l'accordo tra le parti sul rinnovo sia stato raggiunto. Tutt'altro. Restano le due criticità che avevano provocato la scorsa settimana la fumata grigia e la conferma della minaccia della cancellazione della 5° giornata.
A confermarlo è stato il segretario dell'Aic, Gianni Grazioli.
"Si tratterà fino al 30 novembre purché il presidente Abete si faccia garante sui due punti per i quali ancora non c'è accordo".
Insomma si è semplicemente guadagnato tempo in attesa dello scontro decisivo di novembre. Intanto, però, un'altra decisione le due parti l'hanno raggiunta.
Il contestato turno di campionato del 6 gennaio 2011 (che non è mai piaciuto ai calciatori), infatti, è stato anticipato al 22 dicembre.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • emilioq

    22 Settembre 2010 - 08:08

    Una porcata inaudita!! Una categoria che non dovrebbe neanche fiatare di fronte a qualsiasi angheria! E' uno schifo sentire le cifre legate a questi divi del pallone,dove, contariamente ai ricercatori che proprio perchè miseramente pagati emigrano, regna l'ignoranza più totale!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • peroperi

    21 Settembre 2010 - 21:09

    Ero veramente preoccupato. Da una parte però mi sarebbe piaciuto vedere i Totti ecc. sfasciare le vetrine, incolonnati fra ali di poliziotti in assetto da combattimento, mentre sfilano con le loro Ferrari a passo d'uomo, per le vie della citta' , con i loro Monclair , i jeans firmati ed il notebook alzato verso il cielo a mo' di libretto di Mao. Me li immagino mentre si tolgono le mutande griffate all'urlo di "volete anche queste?" oppure "i piedi sono miei e me li gestisco io" piuttosto che "No tasse sugli spot", magari qualcuno che esibisce grandi foto delle loro mogli veline seminude con scritto "anche noi teniamo famiglia" o con foto dei loro bimbi con quegli strani nomi tipo Chanel, Boozo, Aircraft, Diendgi, Athomic, Pit(bull) Voyager, ecc. E invece di reclamare la pensione a 40 anni, data della loro fine carriera, un gigantesco striscione che chieda “Sherathon per Tutti”. GFP

    Report

    Rispondi

  • gildoscalinci

    21 Settembre 2010 - 19:07

    ORGANIZZIAMO ANCHE UNO SCIOPERO PER I POVERI POLITICANTI E MAGARI ANCHE UNO PER I PRETI TANTO ORMAI GLI SCIOPERI IN ITALIA GLI OPERAI NON LI POSONO PIU' FARE NE PER LEGGE NE PER IL DANNO ECONOMICO

    Report

    Rispondi

  • igna08

    21 Settembre 2010 - 17:05

    Beh, poverini hanno ragione, con quel poco che guadagnano, non arrivano a fine mese.....

    Report

    Rispondi

blog