Cerca

L'Inter stecca; la Lazio al settimo cielo

Il ko dei nerazzurri contro la Roma favorisce anche Milan e Juve. Intanto i ragazzi di Reja ritrovano la vetta

L'Inter stecca; la Lazio al settimo cielo
Sono passati solo due giorni da quando molti affermavano che l'Inter stava già spiccando il volo verso la prima fuga della stagione. Invece è bastato il volo di Vucinic al 92' per riportare sulla terra i nerazzurri di Benitez e, al contempo, permettere a tutte le big del campionato di ridurre il proprio margine dalla vetta della classifica.

Rinascita delle avversarie - Nella quinta giornata di campionato, infatti, le squadre che dovrebbero rappresentare le rivali più quotate dei campioni d'Italia hanno ottenuto vittorie più o meno convincenti. Al Milan è bastata una magata di Ibrahimovic nell'anticipo con il Genoa: certo i ragazzi di Allegri non hanno brillato, soprattutto nel primo tempo. Ma è proprio questo l'aspetto più confortante: se il Diavolo riesce a vincere e a rimanere in corsa pur essendo ancora un cantiere aperto, allora quando la squadra girerà al 100% ci sarà da divertirsi.
Vittoria scacciacrisi e polemiche anche per la Roma, che sempre nel posticipo ha dato un importante segno di vita superando nel finale l'Inter grazie a un colpo di testa di Vucinic. L'ultima big a dare un segnale è stata la Juventus nel posticipo, con i ragazzi di Delneri che hanno superato il Cagliari 4 a 2 (tripletta di Krasic).
Torna alla vittoria anche la Fiorentina (2 a 0 al Parma), mentre la squadra della settimana è senzadubbio la Lazio di Reja, rinata rispetto alla travagliata scorsa stagione. Per superare il Chievo e agguantare l'Inter in vetta alla classifica è bastato ai biancocelesti un diagonale impossibile del redivivo Zarate.

Dopo le batoste interne, il Napoli ritrova il sorriso sulla riviera romagnola. I ragazzi di Mazzarri, infatti, battono in rimonta il Cesena, dilagando con Cavani nel finale (4 a 1). Il sorprendente Brescia di Iachini, invece, ferma la sua corsa sul campo del Bari, bravo a superare le rondinelle per 2 a 1.
Pareggi agrodolci, invece, per Sampdoria e Palermo: i blucerchiati avevano una grande chance, ospitando al Marassi il fanalino di coda Udinese. Cassano e compagni, però, non sono riusciti ad andare oltre lo 0 - 0.
Pareggio interno anche per il Palermo contro il Lecce (2-2). In questo caso, però, i rosanero possono ritenersi tuttosommato soddisfatti, essendo riusciti a raddrizzare la situazione nel finale con Maccarone, dopo che i pugliesi erano andati a riposo avanti per 2 a 0.

Risultati 5° giornata
Milan - Genoa 1 - 0
Roma - Inter 1 - 0
Cesena - Napoli 1 - 4
Bari - Brescia 2 - 1
Catania - Bologna 1 - 1
Chievo - Lazio 0 - 1
Fiorentina - Parma 2 - 0
Palermo - lecce 2 - 2
Sampdoria - Udinese 0 - 0
Juventus - Cagliari 4 - 2

CLASSIFICA
Inter e Lazio 10; Chievo e Brescia 9; Milan, Napoli, Catania e Bari 8; Juventus e Cesena 7; Cagliari, Sampdoria e Bologna 6; Palermo, Fiorentina, Parma, Genoa, Roma e Lecce 5; Udinese 1.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • angelo.Mandara

    28 Settembre 2010 - 12:12

    "Benedetta Società...ma tutto ti devo dire ?". A seguito della partita con il Cagliari...qualche opportuna considerazione...Alla Juventus, fino ad un mese fa c'era un certo Trezeguet, che nell' Alicante spagnola ha già fatto tre gol... già...David...la Juve pur di mandarlo gli avrebbe pagato lo stipendio fino al 2011, data di scadenza del contratto (...e senza troppi incensamenti di riconoscenza). Chi non boccerebbe il comportamento della Società, sicuramente dettato da ruggini mai ricomposte..capirei fosse arrivato un Dzeko..ma qui s'è aggiustato il Dzeko con l'arrivo di Quagliarella !? E' vero,poi,che quel furbone del Sig. Zamparini ci aveva dato un'altra punta di sfondamento (Amauri), purtroppo, però, che l'italo-brasiliano sia entrato in una fase di involuzione (anche grazie ad un evidente sovrappeso(?) che mi ha fatto ricordare il recente Adriano ) dalla quale stenta a venirne fuori . Quell'Amauri che non ci ha mai fatto dimenticare la cifra d'acquisto (25 milioni), soprattutto se accostata ai 15 ml. spesi per Krasic, sul quale si potrebbero parametrare tutti gli altri. E' vero condizioni ed anni diversi...ma Amauri visto col Cagliari mi ha fatto tanta tristezza e tenerezza. Cara Juve...il secondo gol del Cagliari è stato un vero regalo (di Legrottaglie) che fa molto riflettere...per poter essere una grande squadra. Saluti. Angelo Mandara

    Report

    Rispondi

  • reds

    27 Settembre 2010 - 23:11

    La pacchia per i milanesi, sponda inter è gia' finita, mia figlia undicenne, vedra' i sudetti festeg-giare qualcosaltro, quando avra' superato i cinquanta..(forse), perche' il ciclo si è chiuso. Senza un ottimo specialista come il sig. Moggi da massacrare, e una lobby ai piani alti, che non condanna mai il clan moratti/tronchetti...(cosa avranno piu' degli altri..?) capeggiata da un socio..il rossi, che ha fatto e disfatto a suo piacimento il calcio, i valori espressi dal calcio. La risposta del sistema calcio/arbitrale, sara' come da logica conseguente... auguri interisti..sic!

    Report

    Rispondi

blog