Cerca

Calcio e religione

L'islam: "Emulate Muntari, ha onorato Allah"

L'islam: "Emulate Muntari, ha onorato Allah"

I precetti della religione islamica arrivano anche negli stadi della serie A. È stata manifestata attraverso il web la gioia dei musulmani italiani che hanno festeggiato per il gol decisivo segnato dal calciatore dell’Inter, Sulley Ali Muntari, nella partita di sabato contro la Juventus. In questo caso però la passione calcistica c’entra solo fino a un certo punto. La foto del giocatore nerazzurro, che campeggia infatti sul sul sito Islam-online.it, il più frequentato dalla comunità islamica italiana, lo ritrae mentre esulta dopo il gol segnato, inginocchiandosi per ringraziare Allah. Quello del calciatore ghanese è un gesto piuttosto raro sui campi di calcio italiani e che ha suscitato soddisfazione nella comunità musulmana. Come spiega il sito Islam-online.it «non perché siamo interisti, ma piuttosto musulmani non possiamo che esultare per il “sujud ash shukr” di Sulley Ali Muntari che ha ricordato a tutti noi come si onora Allah anche su un campo di calcio». 
Il “sujud ash shukr” è infatti una preghiera di ringraziamento, come dice la stessa parola araba “shukr” che vuol dire “grazie”, al proprio Signore per una vittoria ottenuta, così come si evince dalla Sunna (tradizione) di Maometto...

Hamza Boccolini su Libero di martedì

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • opinione-critica

    30 Settembre 2014 - 17:05

    Dialogate cattolici, dialogate e provate a dire a Muntari di convertirsi al cristianesimo. Ma, attenzione! Potreste trovarvi con la gola tagliata. In questo caso avreste qualche difficolta fisica al dialogo. Non offendete gli islamici facendovi il segno della croce durante una partita: roba da miscredenti.

    Report

    Rispondi

  • opinione-critica

    30 Settembre 2014 - 17:05

    Queste scene da superstizione le dobbiamo grazie anche alla stupidità di alcune gerarchie cattoliche. Accogli chi ti ordina di togliere i crocefissi dai luoghi pubblici e aprrezza chi induce in tentazione i gay. La prossima partita sarà gestita da un Imam che ci romperà i coglioni con le prediche per handicappati mentali e superstiziosi cronici.

    Report

    Rispondi

  • opinione-critica

    30 Settembre 2014 - 17:05

    Se i crocifissi devono stare fuori dai luoghi pubblici le manifestazioni religiose devono essere vietate in luoghi pubblici, puniti con ammende economiche; trattandosi poi di Islam ci andrebbe una maggiorazione economica, in considerazione di ciò che stanno facendo nel mondo. Ma forse in quella posizione voleva esibirsi a favore dei gay. Questi sono i risultati della crisi di laicità in Italia.

    Report

    Rispondi

  • opinione-critica

    30 Settembre 2014 - 17:05

    La superstizione è dura a morire

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog