Cerca

Azzurrini choc. 0 a 3 a Borisov e addio agli Europei

La squadra di Casiraghi rovina contro la Bielorussia. Il ko ci esclude anche dalle Olimpiadi

Azzurrini choc. 0 a 3 a Borisov e addio agli Europei
Doveva essere la gara che sugellava la crescita e la rinascita degli azzurrini, al termine di un biennio difficile che li ha costretti a un recupero incredibile nel girone di qualificazione agli Europei del 2011.
Invece la trasferta a Borisov si è trasformata nella Caporetto calcistica del gruppo di Casiraghi. Perdendo 3 a 0 contro la Bielorussia, infatti, l'Italia Under 21 ha detto addio sia alla rassegna continentale del prossimo anno, sia alle Olimpiadi londinesi del 2012.
Insomma una tragedia sportiva per una federazione che fino a qualche anno fa sfornava campioncini  e inanellava successi con una costanza impressionante; una tragedia anche inaspettata, visto che il match di andata si era concluso con la vittoria per 2 a 0 di Ranocchia e compagni.

Disfatta - Da salvare c'è davvero poco. Bastano 5' per gettare alle ortiche il cospicuo vantaggio  accumulato nella gara di Rieti. Protagonisti in negativo di questo inizio orrendo il portiere Mannone e tutto il pacchetto arretrato italiano, perforati al 4' e al 5' dal veloce Yurchenko.
Una doccia fredda che scombussola la squadra azzurra, ma che non la stende. I ragazzi di Casiraghi, infatti, pian pianino si rimettono in sesto, riprendendo timidamente in mano le redini del gioco. Nella ripresa l'Italia sembra ritrovare il piglio giusto, arrivando a sfiorare anche il gol qualificazione con Okaka. Ma è un fuoco di paglia. I 90' terminano 2 a 0. Si va quindi ai supplementari, dove l'errore di posizionamento di Santon spiana la strada verso il 3 a 0 a Veretilo. A stroncare le speranze degli azzurrini ci pensa anche la sfortuna, con il pallonetto di Okaka che si appoggia sulla traversa prima di spegnersi sul fondo.
Ma guai ad trincerarsi dietro la sfortuna: la verità è che gli azzurrini sono stati davvero inguardabili. Ora, a distanza di dodici anni dall'ultima flop della compagine giovanile, avremo due anni per provare a mettere le pezze a questa deficienza di gioco e di giocatori.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • angelo.Mandara

    13 Ottobre 2010 - 19:07

    CASIRAGHI NON DOVEVA PIU' ESSERE CONFERMATO !!! ... Anche se questi giovani non sembrano all'altezza della scelta. Da anni ormai, quando vedo (Ciccino per mia figlia) CASIRAGHI a bordo campo...mi fa tanta tenerezza...da identificarlo come splendido "bamboccione" di Brunettiana memoria. Tale signore doveva già essere lasciato a casa con il PRECEDENTE FALLIMENTO, lui e l'altro ALBERTINI. Saluti. Angelo Mandara

    Report

    Rispondi

  • mab

    13 Ottobre 2010 - 12:12

    grandissimo calciatore e grandissimo allenatore, visto che l'under era sempre vincente. Poi un giorno, come da lui comunicato in un'intervista, l'esonero senza motivazione e senza preavviso...... Ed ecco il risultato ottenuto, chissà se per qualche raccomandazione......

    Report

    Rispondi

  • mmenaguale

    13 Ottobre 2010 - 12:12

    Dopo tutto quello che è accaduto, da un pò di anni a questa parte, una serie interminabile di figuracce, propongo di assegnare un premio prezioso a Petrucci ed Abete.

    Report

    Rispondi

  • petrolio

    petrolio

    12 Ottobre 2010 - 20:08

    Ormai tutto il mondo calcistico sa come affrontare l'Italia, under 21 e nazionale. Basta pressare il portatore di palla e il gioco è fatto. Se poi si gioca sempre con la paura ed i soliti lunghi passaggi, perchè pressati ed incapaci di fare quattro passaggi elementari, allora la frittata è fatta!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog