Cerca

Rissa tra Ibrahimovic e Onyewu a Milanello

Uno scontro di gioco degenera durante l'allenamento. Intervengono in 10 per separare lo svedese e lo statunitense

Rissa tra Ibrahimovic e Onyewu a Milanello
Rissa sul campo di Milanello tra Zlatan Ibrahimovic e Oguchi Onyewu. I due calciatori rossoneri sono arrivati alle mani durante l'allenamento di venerdì pomeriggio. Uno scontro di gioco durante la partita tra compagni, un brutto fallo dell'attacante, qualche parola di troppo e la situazione è degenerata. Secondo le prime indiscrezioni per dividere lo svedese e il difensore statunitense sarebbe servito l'intervento di una decina di persone, tra calciatori e membri dello staff tecnico del Milan.

Massimiliano Allegri
ha interrotto la partita e ripreso i due giocatori. Ma sembra che dopo qualche minuto la seduta di allenamento sia ripresa.

Galliani - Da parte sua l'amministratore delegato del Milan ha spiegato: "È stato uno scontro molto vivace ma nulla di drammatico, tutto si è risolto e poi l'allenamento è ripreso. Ho parlato con Ibra e Onyewu e ho la certezza che per entrambi l'incidente è chiuso. È successa una cosa che capita spesso in una squadra di calcio: a volte le notizie non escono ma questa volta sì perché i ragazzi si allenavano sul campo esterno e c'erano un po' di tifosi. Comunque non è nulla di drammatico. Dopo 25 anni di Milan, so che questi episodi sono di buon auspicio, vuol dire che c'è la carica giusta. Meglio certo che allenamenti alla camomilla...".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Marinaccio

    06 Novembre 2010 - 11:11

    Mi dispiace che sia toccato a Oguchi Onyewu replicare alle entrate scomposte di Ibrahimovic, perché il giocatore statunitense non merita il trattamento riservatogli dal suo allenatore, che addirittura gli preferisce Sokratis Papastathopoulos, una frana. Non so chi abbia ragione della lite di ieri, ma non credo che stabilirlo possa essere di grande aiuto alla squadra. Piuttosto mi preoccuperei che Ibrahimovic sia e rimanga sereno, dato che il sistema di gioco approssimativo che il Milan adotta, non solo risulta poco efficace per lui, ma anche per gli altri attaccanti. A mio modesto avviso, il denaro speso per il greco e lo svedese, per Boateng e Robinho si poteva impiegare in modo migliore acquistando Bale, Krasic e Dzeko che avrebbero fatto decollare veramente il Milan. L'allenatore poi o è in grado di far giocare la squadra con schemi moderni e fruttuosi o è meglio per tutti che abbandoni e la squadra sia affidata all'unico tecnico che tutti ritengono il più bravo in assoluto: Guus Hiddink.

    Report

    Rispondi

blog