Cerca

Calcio: mondiali a Russa e Quatar. La rabbia di Obama

Doppia sorpresa a Zurigo: la Fifa sceglie le sedi dei tornei del 2018 e 2022 e ribalta i pronostici

Calcio: mondiali a Russa e Quatar. La rabbia di Obama
Doppia sorpresa a Zurigo. L'esecutivo della Fifa ha scelto le sedi dei Campionati Mondiali di calcio del 2018 e del 2022. Il presidente Joseph Blatter ha annunciato che i Mondiali del 2018 si terranno in Russia, mentre nel 2022 saranno ospitati dal Qatar. Per entrambi gli Stati sarà la prima volta nell'organizzazione del massimo torneo planetario di calcio. Il Qatar, inoltre, sarà il primo Paese arabo.

Stando alle rivelazioni apparse su Twitter, la grande favorita Inghilterra sarebbe stata eliminata al "primo turno" delle votazioni per i Mondiali del '18.
Ancora non sono giunte notizie ufficiali circa il percorso delle votazioni, ma secondo la Bbc Mosca l'avrebbe spuntata alla seconda votazione, conquistando 12 voti, ossia la maggioranza del comitato. Comunque, è enorme la delusione tra i sudditi di Sua Maestà: si rifaranno, però, con le Olimpiadi del 2012, già assegnate da alcuni anni a Londra.

OBAMA: "QATAR, DECISIONE SBAGLIATA" - Ed è già polemica per la dichiarazione del presidente americano Barack Obama. Commentando la sconfitta americana nella corsa per l'organizzazione dei Mondiali 2022, il Presidente ha parlato di "decisione sbagliata". Obama, interpellato dai giornalisti all'uscita dalla Casa Bianca, non ha precisato il senso delle sue parole, ma in Qatar non la prenderanno certamente bene.

Il punto è che poco più di un anno fa il presidente degli Stati Uniti ricevette uno schiaffo dal Comitato Olimpioco Internazionale, che bocciò malamente la sua Chicago per assegnare i giochi del 2016 a Rio de Janeiro. La Fifa, gioveì,  ha tirato la seconda "mazzata sportiva" a Obama. Se però a sconfiggere la candidatura Usa è il microscopioco Quatar - e non la superpotenza nascente brasiliana, come avvenne lo scorso anno - il rammarico del presidente è comprensibile.

LA CORSA DELLE CANDIDATE - Tra le due edizioni, in pratica, c'era mezzo mondo candidato: per i Mondiali del 2018 erano in lizza Inghilterra, Russia e le coppie Belgio-Olanda e Spagna-Portogallo; per quelli del 2022 si sfidavano Australia, Giappone, Corea del Sud, Qatar e Usa.
Diverse le star e i "vip" che sono accorse in Svizzera per sostenere le candidature dei rispettivi Paesi: i più attesi erano David Beckham e il principe William per l'Inghilterra; Iker Casillas e Luis Figo per l'accoppiata Spagna-Portogallo; l'attaccante dell'Arsenal Andrey Arshavin e la campionessa di salto in alto Yelena Isinbayeva per la Russia, per la quale alla vigilia era stata smentita la presenza di Vladimir Putin, che non ha voluto esercitare alcuna pressione sui membri del comitato esecutivo della Fifa. La splendida Elle Macpherson è accorsa invece per supportare l'Australia.

Per la prima volta i "ministri" del calcio mondiale hanno scelto due sedi nella stessa giornata. Delusi i bookmakers, che davano per favorite Inghilterra e Australia, quotate rispettivamente a 2,20 e 3,05.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • italopolacco

    05 Dicembre 2010 - 22:10

    DA QUANDO C'E' BLATTER IL CALCIO STA SCENDENDO SEMPRE PIU' IN BASSO. QUESTO SIGNORE, CHE FA TANTO IL "MORALISTA" CON NOI ITALIANI, STA GESTENDO IL CALCIO MONDIALE SOLO PER I SUOI "SPORCHI" FINI PERSONALI. L' ASSEGNAZIONE DI DUE EDIZIONI DEI MONDIALI IN CONTEMPORANEA C'E' STATA SOLO PERCHE' FRA POCO CI SARANNO LE ELEZIONI PER LA PRESIDENZA DELLA FIFA. PER BLATTER ASSEGNARE IL MONDIALE ALLA RUSSIA E AL QATAR SIGNIFICA AVERE LA CERTEZZA DI VEDERSI RINNOVATO IL MANDATO PRESIDENZIALE. SE NON E' VOTO DI SCAMBIO QUESTO...

    Report

    Rispondi

  • giuseppe57

    03 Dicembre 2010 - 16:04

    Lo dice lui, che è un esaltato, e si crede il protagonista del mondo. Ad Obama di certo non è piaciuto che "il miglior amico degli Usa" preferisca Putin a lui. Ma si sa che Silvio B. ha un debole per i comunisti, e dove sono rimasti lui li cerca e li trova. L'ultimo capo del kgb comunista, Putin, e il presidente a vita del kazakistan. Che bella compagnia... Poi non meravigliatevi che i diplomatici esprimano quei giudizi, sono ovvi. Meno che Silvio tradisca la tradizionale collocazione internazionale italiana preferendo il compagno Putin e l'amico Gheddafi. Forse per affari, chissà ? Ma per certo è così...

    Report

    Rispondi

  • cadlonia

    03 Dicembre 2010 - 15:03

    Non capisco tutta questa rabbia...la Russia a quanto mi consta non ha mai organizzato i campionati del mondo....e allora cosa c'è di tanto strano? O devono organizzarlo solo e sempre le solite nazioni come Inghilterra, Germania, Italia, Stati Uniti, Brasile e altri? Quindi ottima la scelta Russia e per quanto riguarda il Qatar si tratta pure di un'ottima sceltache servirà a far conoscere il gioco del calcio anche nelle cosiddette nazioni minori del continente asiatico. Basta vedere i progressi fatti dalle nazioni Africane!!!!

    Report

    Rispondi

  • simo70

    03 Dicembre 2010 - 12:12

    Non esistono solo la vecchia europa e l'america.. Avremo modo di vedere altri paesi e conoscere altre culture. Se in Qatar sarà troppo caldo, che ve ne importa? I calciatori sn professionisti, si adatteranno. Anche l'operaio chiuso in fabbrica a una fresa in luglio, non se la passa bene..

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog