Cerca

Rugby, Sei Nazioni: Italia beffata dall'Irlanda

Flaminio, esordio amaroper la squadra di Nick Mallett beffata a due minuti dalla fine. Termina 13-11

Rugby, Sei Nazioni: Italia beffata dall'Irlanda
Ko con onore. E con beffa finale. La solita sconfitta a testa alta per l'Italrugby stavolta ha un sapore particolarmente amaro. Gli azzurri cedono 13-11 all'Irlanda, davanti al commovente pubblico dello stadio Flaminio, nella prima giornata del Sei Nazioni, dopo aver accarezzato il sogno di una vittoria storica dopo 80 minuti poco spettacolari.

A far calare il gelo, a un paio di minuti dalla fine, è il drop di Ronan O'Gara: il pallone vola tra i pali e l'impresa nostrana sfuma. Il Sei Nazioni 2011, secondo le ambizioni azzurre, dovrebbe essere quello della svolta. Basta pacche sulle spalle, ci vogliono le vittorie. Per adesso, però, bisogna accontentarsi ancora dei complimenti. Il primo round del torneo lascia tanti rimpianti al "quindici" del ct Nick Mallett, che resta a mani vuote dopo un ottimo avvio di partita.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • tigrin della sassetta

    06 Febbraio 2011 - 11:11

    fosse nell’aria si è capito non appena O’Gara, malgrado sia in una forma da vomito, si è tolto la tuta: in quel momento Mirco, che non è scemo come Lo Chiacchiera (che zavorra la cosiddetta geopolitica!) o Martin Mani di fata (mi chiedo sempre chi gli allacci le scarpe), ha cominciato a piangere. Quanto al resto della partita, la triste realtà è che abbiamo una prima linea di buoi erculei ma ottusi, un’apertura di rincalzo che è una pantegana da pece e piume (più prevedibile di così si muore) ed un capitano che si ostina in scelte presuntuose fino all’autolesionismo suicida (3 ruck invece di altrettanti piazzati un milione di volte più agevoli di quella trasformazione angolata al limite del sortilegio). Una nota sul pubblico. Quello del Flaminio è commovente solo per la sua capacità di assistere ad un’intera partita e per giunta di infervorarsi, nonostante circa l’80 % degli spettatori non capisca assolutamente quel che accade in campo: sembrano tanti Giuseppe 57 seduti sugli spalti invece che alla tastiera. Infine il commentatore de La 7: dico soltanto che appena inizia il match escludo l’audio. Anima cattiva

    Report

    Rispondi

  • pasquino69

    06 Febbraio 2011 - 08:08

    avete mai vinto una partita in vita vostra. Ci costate anche , Forse l'unica partita che avete vinto e' stata con la "parrocchietta di Filumena da cassano"

    Report

    Rispondi

blog