Cerca

Riccò choc, è grave: si era fatto autoemotrasfusione

Il ciclista ancora in prognosi riservata. Rivelazione del medico che l'ha soccorso. Capo Fci: "Lasci lo sport"

Riccò choc, è grave: si era fatto autoemotrasfusione
E' ancora in condizioni critiche e la prognosi resta riservata. Il ciclista Riccardo Riccò, sebbene sia lucido ma molto stanco, resta ricoverato in reparto ad alta intensità di cura nel Nuovo Ospedale Civile Sant'Agostino Estense di Baggiovara, vicino Modena. Ora, però, si apprende la motivazione che sarebbe alla base del grave malore che ha colpito il ciclista 27enne di Formigine: si sarebbe fatto un'autoemotrasfusione di sangue. Lo ha rivelato al sostituto procuratore Pasquale Mazzei il medico del nosocomio di Pavullo, vicino Modena, che per primo ha soccorso il corridore. Secondo quanto riferisce il sito de La Gazzetta dello Sport, il medico ha affermato di aver visitato il ciclista mentre era in stato di choc. In quei minuti convulsi avrebbe confessato di "aver fatto da solo un'autotrasfusione di sangue che conservava nel frigo da 25 giorni", temendo "per la cattiva conservazione del sangue che si era rimesso".

SOSPETTA VIOLAZIONE DELLA LEGGE ANTIDOPING - In seguito a tali rivelazioni, la Procura di Modena ha aperto un fascicolo per sospetta violazione della legge antidoping. Appena la situazione medica lo consentirà, Riccardo Riccò verrà interrogato dai giudici. In ospedale, insieme al ciclista, ci sono i familiari più stretti e la moglie Vania Rossi, anch'essa professionista sulle due ruote.

ERA GIA' RISULTATO POSITIVO AL TOUR 2008 - Riccò era già risultato positivo nel Tour de France 2008. Alla partenza della dodicesima tappa Lavelanet-Narbonne, la gendarmeria francese gli aveva notificato una positività al Cera, Epo di terza generazione, che non figurava ancora nell'elenco delle sostanze dopanti di molte federazioni - tra cui quella del ciclismo - pur risultando tra le sostanze dopanti e quindi vietate dalla Grande Boucle. Il ciclista aveva confessato di aver usato la sostanza, ma aveva anche dichiarato di aver "commesso un errore personale". In seguito a questo episodio era stato squalificato a 20 mesi (provvedimento scaduto il 18 marzo 2010).

PRESIDENTE DELLA FEDERAZIONE: "LASCI LO SPORT" - Il presidente della Federciclismo Renato Di Rocco commenta con termini pesantissimi la vicenda di Riccò. "Non ci sono mezzi termini: per il suo bene, per la sua famiglia, per il bene del ciclismo Riccardo Riccò deve lasciare lo sport agonistico, deve uscire dal tunnel perverso in cui si è infilato, deve ritrovare se stesso, come persona, prima di tutto, come uomo - dice Di Rocco - Ha fatto quello che ha fatto nonostante la condanna, rischiando anche la vita e questo fa venire i brividi. L'amarezza è tanta, ma il caso è così particolare e terribile da indurci a riflettere su una crisi di valori che sarebbe riduttivo limitare al ciclismo o allo sport in genere". Il capo della Fci aggiunge: "qui non si tratta di consiglieri sbagliati, di apprendisti stregoni, della piovra occulta che stiamo tentando di combattere e sradicare. Siamo di fronte a un ragazzo malato dentro, intossicato da falsi messaggi - visibilità e successo a tutti i costi e con ogni mezzo - che gli hanno fatto perdere il senso della realtà, di ciò per cui vale pena impegnarsi, faticare e vivere. Il danno di immagine - conclude Di Rocco - è enorme e la Federazione farà tutti i passi per tutelarsi. Ma il disastro morale è spaventoso".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • atreyus57

    09 Febbraio 2011 - 17:05

    Questi eventi che coinvolgono grandi nomi dello sport è purtroppo solo la punta dell'iceberg !!! Il grosso del doping è sotto e ha dimensioni molto più grandi e coinvolge atleti di tutte l'età . L'interesse, fa si che oggi pur di primeggiare si ricorre al doping. Il doping è un grande business. Francamernte non vedo una soluzione. E' diventata un gioco a guardia e ladri, c'è il gruppo che non si deve far scoprire e quello che a sua volta deve scoprire. Peccato perchè lo Sport, quello VERO, è proprio un fenomeno stupendo , il doping è la sua parte malvagia !!!

    Report

    Rispondi

  • gasparotto

    09 Febbraio 2011 - 17:05

    Che Riccò si sia fatto da solo ,una autotrasfusione è una bufala gigante. Ha raccontato poi che il sangue in precedenza autoprelevatosi,lo tenesse conservato in frigorifero da almeno 25 giorni. Ammettiamo che ciò sia stato possibile:1- Riccò si è iniettato sangue sicuramente contaminato ed ha avuto una reazione settico-piemica che gli ha ha prodotto uno shock molto serio,soprattutto dovuto a grave ed acuta insufficienza cardiovascolare. (il sangue va conservato in emoteca a 4°C e dopo una settimana ha già dei problemi.) 2-ipotesi più probabile,il sangue non era suo e Riccò ha avuto una reazione antigene -anticorpo da incompatiblità di gruppo.Cosa che combacia perfettamente con la violenza della reazione,del blocco renale per precipitazione di emoglobina e dell'edema polmonare. 3-la trasfusione ha prodotto un sovraccarico di circolo. Delle tre ipotesi io sto con la seconda,anche se la prima è poco opinabile. Il doping è come la droga,se ci capiti una volta non la smetti più.

    Report

    Rispondi

  • ingenuo39

    09 Febbraio 2011 - 14:02

    Basterebbe che tutte la televisioni,su suggerimento del CONI non trasmettessero piu gare di ciclismo. Così si verrebbero a mancare gli sponsor, così i soldi, e il ciclismo, dopo qualche anno diventera uno sport come si deve. Penso anche che un professionista faccia di tutto per procurarsi i soldi, anche a rischio della sua vita (vedi i piloti automobilisti), però i massimi tutori delle regole sportive non devono permettere le trasmissioni di sport con questo schifo di comportamento Scusate la mia ingenuità. Capito mi hai?

    Report

    Rispondi

  • schnee

    09 Febbraio 2011 - 14:02

    Ci sono delle gare nelle quali ci metti 3h ed il primo è arrivato in 1h20..Cosa pensi?Al solo allenamento? Allora perchè gareggia con gli sfigati al pari mio?La realtà è che non c'è limite allo schifo,finchè non c'è quello che ci lascia le penne ed allora trovi pagine in prosa,dove c'è il miele grondante,che tutto il ciclismo non è così...Invece il mona è quello che è scoperto,mentre il furbo vince, altro che meritocrazia nello sport!Riccò se ne vada e si vergogni,anche se è solo una pescetto.Se volessero,saprebbero dove andare.Solo che salterebbe il sistema, questa è la realtà

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog