Cerca

Ibra, 3 turni di stop. Silvio: "Con lui soldi buttati". Poi la smentita

Il milanista stangato per gli insulti al guardialinee. Berlusconi infuriato: "Segna anche poco"

Ibra, 3 turni di stop. Silvio: "Con lui soldi buttati". Poi la smentita
Tre giornate di stop. Nessuna grazia per Zlatan Ibrahimovic, che domenica sera, nel posticipo Fiorentina-Milan, si è fatto prima ammonire per un fallo a centrocampo (era diffidato), quindi ha rimediato il rosso diretto per gli insulti al guardalinee nel finale. Non basta, il rossonero era recidivo in quanto già espulso il 12 marzo scorso (29° turno di serie A) per una manata a Rossi del Bari: allora erano state due le giornate di squalifica, poi ridotte a due su ricorso del diavolo. Questa volta, difficilmente ci sarà uno sconto di pena.  Sembra però che la follia di Ibra abbia mandato su tutte le furie il presidente del Milan, Silvio Berlusconi, che avrebbe commentato: "Con lui forse ho buttato dei soldi". Dichiarazioni, queste, poi smentita dal club di via Turati che ha parlato di "commenti totalmente falsi e infondati". 

BERLUSCONI: "HO BUTTATO DEI SOLDI" -
Il premier, secondo quanto si è appreso da chi ha avuto modo di raccogliere il suo sfogo, avrebbe duramente stigmatizzato il comportamento dell'attaccante svedese ancor prima di conoscere la decisione del giudice sportivo. Il patron rossonero non ha gradito affatto la "nuova espulsione dell'attaccante che era appena rientrato dalla squalifica". Berlusconi avrebbe anche rimproverato a Zlatan di "non segnare così tanto". Secondo il presidente del Consiglio, quello dell'ex attaccante del Barcellona "non è un comportamento in linea con lo stile Milan". Quindi la conclusione: "Con lui forse ho buttato dei soldi".

LA SMENTITA - In un comunicato sul sito ufficiale il club rossonero ha poi spiegato come i presunti giudizi del patron sull'attaccante svedese "sarebbero stati raccolti da chi lo ha sentito nelle ultime ore. In realtà - si spiega - nessuno può aver sentito dire da Berlusconi quelle parole,  semplicemente perché non sono state mai pronunciate".

VOLATONA SENZA IBRA - E così il Milan si prepara ad entrare nel rush finale di stagione senza il giocatore che fino a un mese fa l'aveva trascinato di peso al vertice. L'attaccante svedese, 14 gol in campionato finora, salterà le gare casalinghe contro Sampdoria e Bologna e, tra le due partite, la trasferta a Brescia. Tre match delicati contro avversari sì abbordabili (due pericolanti e una, il Bologna, quasi salvo) ma che quasi sicuramente giocheranno chiudendosi a riccio. Senza il suo unico attaccante di peso, mister Allegri dovrà sperare nella buona vena dei piccoletti Cassano e Robinho, a sostegno di Alexandre Pato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sandr'occhio

    21 Aprile 2011 - 00:12

    Berlusconi è troppo maestro di vita per fare certe affermazioni, soprattutto perchè fare o dire c^^^^te ci vuole molto poco, e lui ne sa qualcosa. Sarebbe la prima volta.

    Report

    Rispondi

  • guidoboc

    11 Aprile 2011 - 21:09

    Un cattivo pensiero, per caso lo fanno per favorire il Napoli?

    Report

    Rispondi

  • robylella

    11 Aprile 2011 - 20:08

    Cari dirigenti milanisti, forse basterebbe una bella multa, 200'000 € per ogni giornata di squalifica, da bonificarsi sul costo dei biglietti! Così almeno i tifosi .....

    Report

    Rispondi

  • cinif

    11 Aprile 2011 - 19:07

    Ibra ha sbagliato, ma gli arbitri non usano un metodo uniforme di giudizio,e questo è censurabile. Totti manda regolarmente a quel paese arbitri e avversari, ma mai una squalifica. Al napoli vengono regolarmente concessi sempre diversi minuti di recupere, nei quali regolarmente segna. Il Cav. evidentemente non ha visto la partita o mal informato perché Ibra, secondo me,anche se non ha segnato, ha fatto una gran partita, partecipando a tutte le azioni decisive.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog