Cerca

Balotelli fa felice la stradale: 11.000 euro in multe in nove mesi

Il 'Sun': per Mario tre sanzioni al giorno, auto rimossa 27 volte. Un amico: "Dei soldi non gli interessa". City infuriato

Balotelli fa felice la stradale: 11.000 euro in multe in nove mesi
Mario Balotelli l'inglese va fortissimo, ma nelle situazioni sbagliate. Tre multe al giorno, sanzioni per 11.000 sterline e auto rimossa 27 volte. Da quando è a Manchester, sponda City, il 20enne ex attaccante dell'Inter ha fatto la gioia della polizia stradale e delle casse di Sua Maestà la Regina in 9 mesi. L'indisciplina di SuperMario al volante della sua Maserati, però, non fa sorridere Roberto Mancini e la dirigenza del City. Il personale del club mancuniano, infatti, deve andare in continuazione a recuperare la fuoriserie nei vari depositi della città.

GOCCIA NEL MARE - "Mario - rivela una fonte vicina al City al tabloid popolare Sun- guida la sua auto dal suo lussuoso appartamento di lusso fino a un ristorante distante pochi isolati. Poi la lascia lì, sulle doppie strisce gialle in divieto di sosta. La scorsa settimana, la Maserati non si accendeva: lui l'ha lasciata lì senza problemi. Lo staff ha dovuto recuperarla per ben 27 volte". In realtà per il ragazzo pagare le multe non è un gran problema, visto lo stipendio da più di 3 milioni di sterline all'anno (oltre 3,5 milioni di euro). "L'addetto, che la società usa di solito, ogni volta fa pulizia nel cassetto dell'auto e toglie tutti i biglietti delle multe. A Mario sembra non interessare, per lui è una goccia nel mare", prosegue la misteriosa fonte del Sun, che poi rivela altri dettagli: "E' stato fermato dalla polizia, aveva 25.000 sterline in contanti sul sedile del passeggero. Gli hanno chiesto per quale motivo (avesse tutto quel denaro, ndr) e lui ha risposto: 'Perchè io posso'. Non si preoccupa molto dell'autorità". Un atteggiamento che accomuna codice della strada e disciplina nello spogliatoio: nella prima stagione inglese, Balotelli ha dovuto pagare circa 300.000 sterline in multe per gli atteggiamenti tenuti fuori e dentro al campo, con due espulsioni e 10 ammonizioni in 24 partite. Colpi di testa come l'esultanza davanti ai tifosi del Manchester United, nella semifinale di Fa Cup vinta 1-0 dal City, oppure gli atti di bullismo nei confronti dei giocatori delle giovanili del proprio club, bersagliati da freccette, per finire con sceneggiate e mezze risse in svariati night club della città. E così si rischia di dimenticare in fretta la donazione di 1.000 sterline fatta qualche giorno fa ad un senzatetto dopo, guarda caso, una vincita al Casinò.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • schnee

    26 Aprile 2011 - 18:06

    Non è una questione di essere abbronzato,è una questione di essere scemi ed esserlo veramente.Penso che uno del genere,nella classica vita borghese,lo avrebbero già sottoposto al cambio dei connotati coatto amministrativo.Invece egli è un figone,può scorazzare la bellona di turno ed essere applaudito dal popolo bue come un eroe.Finchè dura...

    Report

    Rispondi

  • pippo57

    26 Aprile 2011 - 17:05

    mi dispiace dirlo perche era nella mia inter ma purtroppo la ricchezza l'ha fatto diventare insofferente a qualsiasi situazione peggiore in cui si trova

    Report

    Rispondi

  • Franco Giunta

    26 Aprile 2011 - 12:12

    Balotelli fra dieci anni dormirà nei dormitori delle Charitas ......

    Report

    Rispondi

  • Helldorado

    26 Aprile 2011 - 12:12

    Dire che è un pirla è poco....

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog