Cerca

Mourinho novello Einstein: Battere il Barca? "La volontà è tutto..."

Lo Special One alla vigilia della semifinale di Champions contro gli arcirivali: "Noi non siamo i favoriti, quindi..."

Mourinho novello Einstein: Battere il Barca? "La volontà è tutto..."
Mourinho stupisce tutti e cita il più grande fisico di tutti i tempi. "C'è una forza motrice più forte del vapore, dell’elettricità e dell’energia atomica: la volonta. Non sono parole mie - sottolinea il tecnico del Real Madrid alla vigilia della super-semifinale di Champions contro il Barcellona - ma di un certo Albert. Non era uno stupido questo Albert Einstein, con la volontà si può fare tutto". Il messaggio, portato al calcio, è semplice: applicando i concetti del padre della teoria della relativià, ogni risultato è possibile. Soprattutto è possibile sconfiggere gli arcirivali guidati da Pep Guardiola in una delle partite più attese degli ultimi anni (e per Mourinho, 'l'antipasto' in finale di Coppa del Re, è stato tutt'altro che indigesto: i 'Blancos' hanno archiviato un'importantissima vittoria nella finalissima).

"NON SIAMO I FAVORITI..."
- Secondo il tecnico del Real la sua squadra non è la favorita, come ha affermato Guardiola. "Real favorito? Per me non è importante sapere se siamo o meno favoriti, anche se per me non lo siamo. E’ una semifinale di Champions tra due squadre che si conoscono molto bene - ha continuato -. Il Barcellona è una grandissima squadra, ma non  saprei dire se è la più grande di sempre", ha aggiunto lo Special One parlando dei catalani. Riferendosi alla sua squadra ha poi aggiunto: "Non so come stanno loro, noi stiamo come prima. Il nostro morale non è cambiato rispetto alla finale di Coppa del Re. Le varie competizioni sono indipendenti l'una dall’altra e le partite sono tutte diverse. Noi abbiamo trovato questo tipo di equilibrio, la squadra è tranquilla e bisogna giocare al massimo. E’ stato bello vincere un trofeo importante, ma dal giorno  dopo la finale era tutto normale. Siamo assolutamente tranquilli".   

"SONO QUELLO CHE NE HA PRESI 5" -
Mourinho, poi, ha dato anche sfoggio di umiltà. "Io sono lo stesso allenatore che ha perso 5-0 a Barcellona - ha voluto ricordare -, non ho pozioni magiche per vincere, lavoro seriamente e intensamente. Non accetto di essere visto come un mago. Abbiamo giocato un’ottima partita al Bernabeu e a Valencia (l'ultimo turno nella Liga, ndr) ma dall’altra parte c'è una squadra strepitosa con un grandissimo allenatore", aggiunge Josè riservando un'insolita carezza a Guardiola. "Sono un motivatore normale. Quando sono motivato è più facile  motivare gli altri", ha proseguito il portoghese. "Io penso che siamo tutti e due speranzosi, lo scorso anno l’idea di una finale a Madrid ha   ossessionato il Barca, ma lo stesso sarebbe successo al Real se la finale fosse stata a Barcellona. Ora è diverso, si tratta di uno stadio importante ma non è la stessa cosa, anche se Wembley è uno stadio importantissimo. Abbiamo grandi speranze, siamo molto emozionati, non c'è ossessione ma la speranza di voler arrivare in fondo", ha concluso Mourinho.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mods

    27 Aprile 2011 - 14:02

    La cosa più patetica delle conferenze stampa di Mourinho sono il loro seguito. Mentre in Spagna i giornalisti si alzano e se ne vanno lasciandolo solo come un topo, i giornalisti nostrani lo venerano come se fosse un guru. E ogni cosa che dice, ogni citazione che gli scrivono da ripetere (come quella di Einstein), viene presa come una rivelazione divina.

    Report

    Rispondi

blog