Cerca

Addio Macho Man, stella del Wrestling degli anni 80

Il lottatore è morto venerdì mattina in un incidente. Sessantadue anni, lo ha stroncato un infarto / FOTO

Addio Macho Man, stella del Wrestling degli anni 80
Addio Macho Man Randy Savage, uno tra i più grandi wrestlers di tutti i tempi. Se ne è andato venerdì mattina a Tampa (in Florida) per un incidente stradale. Non sono ancora chiare le dinamiche della morte: probabilmente è stato un infarto a stroncarlo, facendogli perdere il controllo dell'auto e spingendolo contro un albero. Con lui nella macchiana, c'era anche la moglie Lynn con cui aveva appena festeggiato il suo primo anno di matrimonio (era alla sua seconda unione perché la prima moglie era morta per droga). La donna ha riportato piccole ferite.

  CHI ERA - Sessantadue anni, Macho Man aveva origini italiane e un pedigree d'eccellenza: anche suo padre Angelo era stato un wrestler. Il suo vero nome era Randall Mario Poffo. Uomo di spettacolo, era noto anche come musicista e attore. Sceso dal ring, infatti, aveva reciatato in vari film - tra cui Spider Man, interpretando il wrestler Bonesaw McGraw. Aveva anche tentato una carriera da rapper ma con scarsi risultati. Nel suo album intitolato Be a Man sfidava l'eterno rivale Hogan, "reo" di aver rifiutato un match con lui, a scopo benefico.E ra stato anche  inserito come personaggio nel roster del videogioco WWE All Stars. Ma non era la sua prima apparizione in un videogame.  Il mondo lo ricorderà per i suoi muscoli tirati, le mise variopinte, lo stile allegro e colorato cui abbinava strabilianti occhialoni. Ma soprattutto per la sua memorabile espressione "Oh yeah". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • toni resetti

    20 Maggio 2011 - 22:10

    non per il wrestler (che riposi in pace) di cui non so niente ma perchè, avendo 44 anni, sono stato teenager negli anni 80. CHE SFIGA!!!!!!. I nostri eroi (sic) dovevano essere i wrestler, le porno chiattone siliconate e plastificate, calciatori superpagati e supergonfiati (tipo vacche), i film di quelle amebe di Celentano/Muti (se non di peggio), le stupidate di E.T, Indy e quel decelebrato di Fonzie, gli inni generazionali dei DuranDuran (AAAAARGHHHH), i lenti stritolapaxxe degli Spandau e le solite note di Vasco, quella caxata di televisione (sei canali di merxa, anzi 5 perchè Rai3 non si prendeva). I Ricchi e Poveri!!! E per finire CRAXI/ANDREOTTI/FORLANI (SOLO LORO)!!! Breznev!! CHE TRISTEZZA!!! Forse la nostra è la prima generazione che avrebbe voluto nascere un decennio prima. Vuoi mettere ascoltare in anteprima un riff del Led Zeppelin o una schitarrata di J. Hendrix? Il generale Jap e Mao? Ultimo Tango a Parigi e "il Padrino"? Lucio Battisti e PFM?

    Report

    Rispondi

blog