Cerca

De Laurentiis ci casca e trova accordo con Mazzarri

Il presidente caccia il tecnico, anzi no: a un passo dal divorzio, fa pace con Walter. Ma non andranno lontano. Beffato Gasperini

De Laurentiis ci casca e trova accordo con Mazzarri
Proviamo a riassumere in poche righe il delirio napoletano andato in scena tra domenica e lunedì. Il Napoli pareggia a Torino contro la Juventus e conclude al terzo posto un campionato entusiasmante: la Champions è realtà. Ma il dilemma è noto: sarà Mazzarri il tecnico della prossima stagione? Pare di no, perché patron De Laurentiis è arrabbiato assai per il tiramolla del mister, che diceva «vedremo» e sperava nella chiamata della Vecchia Signora. Ma la “Vecchia” ha scelto Antonio Conte e Walter ha inserito prontamente la retromarcia: «Mi sa che resto qui». «Col cavolo», gli ha risposto il presidente, che domenica ha pensato bene di incontrare Giampiero Gasperini, ex guida del Genoa in parola da mesi col Palermo di Zamparini.

Fino alle 20 di ieri sembrava tutto fatto: Palermo in balia degli eventi, Juve a Conte, Napoli a Gasperini, Mazzarri a far la maglia. Anzi no, c’è chi assicurava: vedrai che Walterone finisce alla Roma. Poi i primi dubbi: chi glieli dà al toscano 6 milioni di buonuscita? Non certo patron Aurelio, che gestisce contratti milionari con gli attori di Hollywood ma al mister permaloso non concede neanche un centesimo. Giusto, concordavamo noi: il mister del “quasi scudetto” sul più bello ha messo il broncio, ha fatto quello che a Napoli si sentiva sminuito e decisamente non merita la riconferma. Per il bene dei campani il patron deve cambiare.

Sembrava tutto deciso, si diceva, ma poi s’è messo in mezzo Bigon junior, direttore sportivo dotato di senno. Riunione fiume a Roma tra presidente e allenatore col ds a fare da arbitro. La pace poco dopo: sarà Mazzarri a guidare il Napoli in Champions per la gioia dei tifosi, scottati dalle dichiarazioni del tecnico delle ultime settimane ma comunque innamorati senza condizioni del mister col caratteraccio.

La telenovela termina qui e forse non è un bene per i sogni in grande dei napoletani. Il mister resta per mancanza d’alternative, il presidente se lo tiene perché sei milioni di euro son sempre sei milioni di euro, la bomba è destinata a scoppiare alle prime difficoltà. Si sa: se riconquisti la Champions dopo ben 21 anni d’assenza e ti tocca investire un sacco di soldi, è facile che le difficoltà si moltiplichino rispetto a un anno fa. Cavani ha rinnovato, Lavezzi resterà, Hamsik non è detto: il Milan pressa per davvero. Non come la Juve con Mazzarri, il mister che s’è montato la testa. Che peccato...

di Fabrizio Biasin

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • guga

    24 Maggio 2011 - 14:02

    Mazzarri-De Laurentis: NO comment. Si meritano a vicenda.

    Report

    Rispondi

blog