Cerca

Scarcerato Ivan "il Terribile". E' già in volo per Belgrado

L'ultrà Bogdanov aveva provocato l'interruzione della partita Serbia-Italia: è stato espulso dal territorio nazionale

Scarcerato Ivan "il Terribile". E' già in volo per Belgrado
E' stato scarcerato ed espulso Ivan Bogdanov, Ivan il Terribile, il tifoso della serbia ultra-nazionalista che, a capo della tifoseria in trasferta, scatenò i tafferugli che provocarono la sospensione della partita tra la nazionale italiana e quella balcanica, valida per la qualificazione agli Europei del 2012, giocata allo stadio Marassi di Genova nell'ottobre 2010. L'uomo, detenuto nel carcere del capoluogo ligure insieme al connazionale Nikola Klikovic, era stato condannato ad una pena di 3 anni e tre mesi di detenzione per i disordini provocati durante l'incontro calcistico. Sabato scorso, però, il legale Riccardo Di Rella aveva depositato un'istanza di scarcerazione, che è stata accolata dal Gip Annalisa Giacalone. Il giudice ha quindi disposto l'accompagnamento coatto oltre frontiera dell'ultrà: Bogdanov e Klikovic si sono imbarcati su un volo diretto a Belgrado.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sparviero

    24 Maggio 2011 - 19:07

    Rimpatrio in aereo ? Bicicletta con itinerario obbligato e relative firme di controllo lungo il percorso fino alla frontiera , minimo 50 km al giorno. Se scappi e ti ribecco 10 anni a pulire argini di fiumi così ti passa la voglia di fare danni e fai un fisico da atleta . Purtroppo la testa rimarrà sempre la stessa.

    Report

    Rispondi

  • raucher

    24 Maggio 2011 - 18:06

    Unica consolazione : non dobbiamo più mantenerlo.Visto che le nostre carceri sono piene di stranieri, perchè non vengono tutti espulsi come questo energumeno?Perchè li dobbiamo mantenere? Già dimenticavo: raramente i paesi di provenienza si riprendono i i loro delinquenti ( vedi Romania e Tunisia), li lasciano a noi fessi più che volentieri .

    Report

    Rispondi

  • Lillognogna

    24 Maggio 2011 - 16:04

    2 sono le ipotesi. La prima: il solito magistrato comunista che mette in libertà i criminali e cerca di incarcerare gli innocenti puri e casti. La seconda: nella riforma "epocale" della giustizia, Berlu dovrebbe mettere, oltre alle sue prescrizioni e assoluzioni, anche la certezza della pena. Ma questo sicuramente non gli interessa.

    Report

    Rispondi

blog