Cerca

Fiat 500 compie un anno

I fan dell'utilitaria festeggiano

Fiat 500 compie un anno

Conto alla rovescia per il primo compleanno della nuova Fiat 500. Musica, arte e buon cibo: è con questi ingredienti che la Fiat celebra oggi il suo primo anno di vita attraverso dei festaioli picnic a cui partecipano i fan della mitica utilitaria nei parchi e nei siti balneari delle maggiori città di tutto il mondo.
In Italia centro dell' happening organizzato dalla Fiat sono le Terme di Caracalla a Roma, l'Idropark di Milano e il Parco Favorita a Palermo.
A Milano la festa è cominciata in grande stile alle ore 17 per gli iscritti alla community web e per i possessori di una 500 (dalle 18 ingresso libero). La giornata dedicata ai cinquecentisti andrà avanti fino a tarda sera. In tanti si sono già cimentati in giochi all'aperto vecchio stile, dal tiro alla fune a ruba bandiera, fino alla corsa dei sacchi. Per tutti in palio gadget firmati Fiat 500, musica e gastronomia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giampaolod

    05 Gennaio 2010 - 21:09

    Carissimo Dario, anche se il post non reca direttamente la Sua firma, è a Lei che mi rivolgo. Purtroppo, a quanto vedo, il "discorso motoristico" risulta esclusivamente ristretto a noi, quantunque ciò mi lasci piuttosto perplesso in generale. Naturalmente questa mia non nasce con l'intento di esser pubblicata; con questa vorrei solamente tentar di capire - con il Suo aiuto oltreché quello di tutti Voi - cosa possa aver scoraggiato a tal punto i Lettori da lasciare praticamente tutte le pagine così desolatamente vuote di commenti. Di certo l'insieme del Sito risulta un po' ostico, nei confronti di Chi non sìa avvezzo all'informatica ed alle possibilità accessorie offerte dai browser. Vi sono poi tutte le incompatibilità sempre con i browser stessi ed i client di posta, su cùi già mi sono più volte pronunciato addirittura in termini poco amichevoli nei confronti dei Programmatori, ma tant'è molte perplessità inerenti la reattività dei Lettori mi restano, e fra tutte una in particolare che oltretutto mi piace poco. Il vecchio blog, così immediato nell'uso ed al quale addirittura era possibile aggiunger commenti con tutti i possibili "protocolli di offuscamento" attivi (da appassionato di informatica cerco sempre di capire e valutare), era davvero una "camera di sfogo" in cùi esprimere liberamente le proprie idee troppo spesso nel più totale anonimato. La mia prima perplessità riguarda, quindi, il fatto che Molti abbiano avvertito disagio nel fornire le più elementari generalità oltreché un semplicissimo indirizzo mail. Io invece apprezzo molto questo fatto, che in passato avevo auspicato quando il Direttore annunciò a Tutti quanti i futuri intenti dopo la cancellazione del blog intero: credo che ciò, alla lunga, contribuirà a migliorare oggettivamente la qualità del risultato finale (il quale, negli ultimi tempi della precedente epoca, era piuttosto degenerato verso il basso grazie a parecchi "infiltrati"). La seconda (quella che mi piace molto meno) è che i Lettori volessero esclusivamente la possibilità di sfogarsi sul tema politico, e che quindi risultino pressoché disinteressati agli altri argomenti decisamente più rilassanti oltretutto non necessariamente motoristici. Personalmente gradisco molto tutte le potenzialità del nuovo Sito, oltreché la sconfinata possibilità di scelta offerta da un ventaglio di nuovi argomenti finalmente diversi da quello politico: di certo sfogarsi era bello, ma dovrebbe esser chiaro a Tutti che ciò lo si possa fare tranquillamente anche in questa nuova Sede. Io gradisco e trovo molto rilassante la nuova possibilità offerta di "parlare" su qualcosa d'altro; a partire dai motori, per l'appunto, per giungere alla moda passando inoltre per la scienza. Probabilmente sarò il primo a dir castronerìe, comunque non dovremo mai dimenticare che sìa il "dialogo" la via migliore per l'apprendimento. Vorrei fare una piccola proposta, attraverso Lei, alla Direzione della testata. Io suggerirei di aggiungere alla home page del Sito (giacché Molti, come immaginerete, certo non si recano in edicola ad acquistare copia del quotidiano limitando l'interesse alla versione gratuita on line) un link ben evidenziato che diriga il Lettore ad una semplicissima pagina in cui vengano spiegate le cose più basilari. Ad esempio, ho recepito difficoltà fra i meno smaliziati circa il ritrovare uno specifico argomento dopo essersi "loggati": basterebbe spiegar Loro chiaramente quanto sìa facile salvare la pagina fra i "segnalibri" (o preferiti, a seconda del browser), rinominandola a piacere per poterla prontamente richiamare in qualunque momento a venire. Ho divagato dall'argomento, e me ne scuso. Circa la bella "Cinquecentina" - già da un anno sul mercato mentre mi sembra avvenuta ieri la presentazione alla Stampa - mi farò vivo quanto prima. Buon lavoro a Tutti, e buona domenica. GiampaoloD

    Report

    Rispondi

  • liobal1

    07 Luglio 2008 - 09:09

    Vorrei porre alcune domande su questa autovettura che,almeno a Roma, si vede circolare piuttosto raramente: quanto costa chiavi in mano? quante ne sono state costruite fino ad oggi ? quante ne sono state vendute nel contempo ? come mai,almeno qui a Roma, circolano più bisnonne che pronipoti ? Grazie.

    Report

    Rispondi

  • giampaolod

    06 Luglio 2008 - 21:09

    Sembra avvenuta ieri, la presentazione ufficiale, ma già è passato un anno. Prima il prototipo "concept", che se non sbaglio aveva tre soli posti di cùi uno dietro, poi le indiscrezioni. Sicuramente si farà, ci mancherebbe; probabilmente rimarra un'attrazione da Salone, visto quel che è accaduto alla Volkswagen con la "Beetle": però, alla luce del successo della nuova "Mini", perché non provare......... Insomma, tutte le possibilità erano auspicabili oltreché prevedibili, ed infine eccola trionfalmente alla luce e sotto gli occhi di Tutti, esattamente un anno fa'. Certo che ne è passata di acqua sotto i ponti, ed il concetto di "utilitaria" è cambiato davvero in modo radicale. La mia famiglia possedeva una "Nuova 500" che ci ha accompagnati fino al 1964, anno in cui venne sostituita da quella che la pubblicità presentava con un perentorio "d'accordo! Fiat 850". Di quella 500 ho un'immagine lontana, stante il fatto che venne data in permuta quando io avevo appena tre anni, tuttavìa ricordo ancòra il suo colore bianco, e le portiere "controvento" che l'accomunavano alla 600 "celeste sbiadito" di mio Zio materno. Inoltre ricordo anche le lacrime versate al commiato con la "Gigolina" (aveva pure un nome di battesimo), ed il fermo rifiuto a scendere dall'amata vetturetta per salire sulla quella che l'avrebbe dovuta sostituire dopo pochi istanti. I miei mi raccontavano di viaggi impensabili, per l'epoca: vacanze a Lugano, in Alto Adige e gite domenicali a ripetizione e senza alcun problema meccanico, a parte un cronico difetto ai giunti evidentemente fragili come i garretti di un purosangue. Non c'è più la 500, e purtroppo non c'è più neppure mio padre: ci sono tuttavìa ancora le fotografìe ed i filmini in bianco e nero ad 8mm. del luccicante lago di Lugano sotto il sole estivo, con giovane papà geometra e bionda mamma di fianco all'abbagliante utilitaria bianca, col sottoscritto trionfalmente felice di star seduto sul cofano in compagnìa di Tutti. A livello di simpatìa, però, la versione "giardiniera" ha sempre esercitato sul sottoscritto un'attrazione particolare. Un Amico da sempre che mi ha praticamente visto nascere ancòra ne possiede una, con la quale - in quasi 40 anni - ha percorso 50.000 km. scarsi. Due anni fa' decisi di lasciare irrevocabilmente Genova, e salutando questo Signore che per 45 anni ho visto ogni giorno dal terrazzo di fronte al Suo, ho ribadito il concetto: "ricordi, sig. Corrado, che se decidesse di vender la giardinetta.....". Immaginate una fragorosa risata in risposta ad una domanda rivolta migliaia di volte. Lo dico in Italiano, ma il succo è "me la terrò e non la venderò mai, né a te né a nessun Altro". Se ci penso, posso immaginare quella giardiniera assolutamente impeccabile nel suo elegante blu ministeriale, rigorosamente parcheggiata in prossimità del civico n. 59 in questo stesso istante. La 500 di oggi è ben altra cosa, enormemente più sicura, veloce, comoda, affidabile e trendy. Mi ci ha portato a fare un giro un Conoscente che per la Fiat lavora in qualità di venditore: era convinto che sarebbe stata un successo ancor prima di stipulare i primi contratti, ed ha avuto ragione in pieno. Non è propriamente economica in assoluto, se raffrontata alla 600, ma in qualunque parametro non esiste paragone fattibile alcuno: a questo genere di oggetti l'aggettivo "utilitaria" non calza, poiché si entra nel mondo particolare dei "generi voluttuari" di cùi fan parte anche Smart e Mini. Di nuovo si fa' un gran vociferare circa una nuova e possibile versione, su cùi poco è dato di sapere e vedere all'infuori di una minuscola e poco credibile (dal punto di vista estetico) fotografia immessa in rete. Potrebbe addirittura essere prossima la rinascita della "giardiniera". La vecchia 500 ha marcato un'era, addirittura celebrata da Gianni Morandi in una canzone che diceva "se vuoi uscire una domenica, sola con me, mi porterò la 500 di papà. La nuova - rigorosamente in versione "giardiniera" - sarà un regalo che seriamente penserò di farmi. Non sarà proprio una GT2 e neppure una "Scuderia", ma pur sempre un qualcosa ben diverso dal banale concetto di automobile. GiampaoloD

    Report

    Rispondi

blog