Cerca

Grande Schiavone al Roland Garros: in finale a difendere il titolo

Francesca sconfigge la francese Bartoli e si qualifica per l'ultimo atto contro la Li Na: "Un sogno che si riavvera"

Grande Schiavone al Roland Garros: in finale a difendere il titolo
Francesca Schiavone bissa il sogno: la tennista italiana è di nuovo in finale al torneo femminile del Roland Garros, a Parigi. La schiavone ha battuto la francese Marion Bartoli, e si troverà a difendere il titolo vinto nel 2010 contro la cinese Li Na.

IL MATCH - La Leonessa di Milano, quinta testa di serie del tabellone, ha sconfitto 6-3 6-3 la Bartoli, testa di serie numero 11, dopo poco più di un’ora e mezza di gioco. La Schiavone difenderà il titolo conquistato un anno fa, sabato, contro la cinese Li Na, vittoriosa nell’altra semifinale su Maria Sharapova. Per la tennista asiatica è la seconda finale di fila in uno Slam dopo quella di gennaio agli Australian Open persa contro Kim Clijsters.

"DOPPIO SOGNO" - "La finale è un sogno che si avvera nuovamente". Così Francesca Schiavone al termine della vittorioso match contro Marion Bartoli che le ha spalancato per il secondo anno consecutivo la finale del Roland Garros. "Il pubblico - ha spiegato la milanese a fine gara - mi ha aiutato molto, è stato fantastico e molto sportivo. So bene che voleva una giocatrice francese in finale". Sul match: "Il vento mi ha avvantaggiata molto, la Bartoli è un gran talento". Sulla prossima avversaria, commenta: "Li Na sta giocando benissimo, è una ragazza fantastica. Sarà un match molto difficile".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • grandioso

    04 Giugno 2011 - 12:12

    Se solamente una piccola parte di Italiani avessero la grinta della nostra campionessa, sono certo che il nostro paese sarebbe migliore. Alberto

    Report

    Rispondi

  • rodolfoweb

    03 Giugno 2011 - 03:03

    ... che bisogno c'è di tifo calcistico?, seguiamo questi sportivi e queste imprese invece di guardare quella schifezza

    Report

    Rispondi

blog