Cerca

F1 e autoscontri in Canada: gode Button, beffa Vettel

Folle Gran Premio a Montreal, l'inglese butta fuori Hamilton e Alonso ("Tutto storto"). Ferrari sfortunata: Massa 6°

F1 e autoscontri in Canada: gode Button, beffa Vettel
Un Gran Premio incredibile, e non solo per come è finito. Il Gp di Canada di F1 a Montreal incorona Jenson Button, su McLaren, dopo quattro ore di pioggia, contatti, sorpassi ed emozioni, culminate con la beffa portata a termine dall'inglese all'ultimo giro sul dominatore della stagione, Sebastian Vettel, impreciso e superato in dirittura d'arrivo. Button ha vinto dopo una rimonta partita dalla ventunesima posizione in una corsa condizionata dallo stop di due ore per l'acquazzone abbattutosi sul tracciato. Nonostante la delusione, Vettel allunga ancora in classifca generale mettendo tra sé e i più diretti avversari tre gare di distanza in termini di punti. Dietro a Button e Vettel c'è l'altra Red Bull di Webber, mentre rimane ai piedi del podio un grande (e scaltro) Michael Schumacher, mai così vicino al risultato dal ritorno alle gare, un anno e mezzo fa. Schumi ha approfittato della sarabanda di uscite e scontri, da Hamilton (subito fuori per il contatto con Button, via alla safety car). Sfortunate le Ferrari. Alonso cambia gomme nel momento sbagliato poi si ferma, Massa danneggia il musetto perdendo le chance di podio e chiude solo sesto. "E stata veramente una gara incredibile, devo scusarmi con Hamilton ma non mi sono accorto di niente - ha festeggiato senza lasciar troppo spazio all'amarezza Button -, è stata forse la mia migliore corsa". "Gara da dimenticare, siamo stati molto sfortunati, tutto ci è andato di traverso", allarga invece le braccia Alonso, messo ko, anche lui, da BUtton. "Siamo usciti dalla pit-lane vicini, ci siamo toccati, cose che succedono, a volte va bene a volte male".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • zuccherodicocco

    13 Giugno 2011 - 15:03

    Qualcuno spieghi ad Hamilton che quello è un circuito vero e non un celebre videogioco!

    Report

    Rispondi

blog