Cerca

Nuova serie A apre col botto De Laurentiis scappa in moto

Sorteggiati i calendari, il patron del Napoli protesta per i turni difficili pre-Champions: "Vergogna!". Una scena da film / LORENZINI

Nuova serie A apre col botto De Laurentiis scappa in moto
Sorteggiati i calendari della Serie A 2010-2011 ed è già tempo di polemiche. Derby Milan-Inter al penultimo turno, subito Udinese-Juventus. Per il Napoli turni delicati prima delle sfide di Champions League e il patron De Laurentiis sbrocca: "Vegogna! Cambio Paese e torno a fare il cinema".

Io ho paura, sembra significare l’improvvisa fuga di Aurelio De Laurentiis, volato via dal sorteggio per il calendario di Serie A. Paura di cosa non si sa, ma che schifo, questi Italians: De Laurentiis si sarebbe innervosito perché a suo dire il calendario non avrebbe tenuto conto degli impegni europei del Napoli. «Mi vergogno di essere italiano», ha detto ai cronisti che lo hanno inseguito per cinque minuti lungo via Feltre, a Milano. Il nostro matrimonio è in crisi ha fatto capire a Massimo Cellino, che ha vanamente provato a trattenerlo, «siete delle merde, voglio tornare a fare cinema». C’è aria di Petomane. Che peccato. Dopo sette anni di successi, col pallone italico siamo alla Luna di fiele, «penso di cambiare paese e cittadinanza» ha aggiunto il patron prima di fermare un ragazzo con uno scooter, salirci senza casco e sgommare via imprecando e dribblando tutti i Paparazzi. Da Oscar. Certo, Nessuno è perfetto, e sapevamo che Aurelio non fosse Culo e camicia con tutti i suoi colleghi. Ma da qui a immaginare Incontri proibiti prima di stilare il calendario, e ritenere Barzellette quelle sputate dal pc ce ne passa. Ora, non serve un Manuale d’amore per capire che fra il presidente e i suoi Tifosi, quelli che il ritorno in Champions lo vedono come Il cielo in una stanza, ci sia piena sintonia. Ma in fondo De Laurentiis è un Cuore selvaggio e l’incavolatura finirà davanti a un bel piatto di Maccheroni, o magari a una Cena dei cretini. Resta da vedere se Aurelio riuscirà a ricomporre il tutto con un Qua la mano.

Tommaso Lorenzini

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • nanny55

    29 Luglio 2011 - 11:11

    Nei confronti di tutti coloro che si vergognano di essere Italiani (questo cialtrone, Carlà e tutti quelli che campano alle nostre spalle, attori, cantanti, registi, fancazzisti e affini) applicherei il Metodo Gheddafi: fuori dai co....nfini con le sole mutande che indossano, il resto rimane agli Italiani, perché realizzato con i loro soldi.

    Report

    Rispondi

  • gabridem

    28 Luglio 2011 - 13:01

    ......Inqualificabile...., ma chi crede di essere questo " Signore", cosa dovrebbero dire tutte quelle squadre da sempre non considerate , penalizzate realmente dal fatto d'essere ..".Provinciali",... ritornasse davvero ad occuparsi di cinema, anche perchè certamente la libertà di espressioni per così dire "Licenziose"..è più consono al patron del Napoli....

    Report

    Rispondi

blog