Cerca

L'ex moglie spenna il Papero: "Pato deve andare in galera"

Sthefany Brito in causa per gli alimenti: vuole 50mila reais, un giudice glieli nega e dà ragione al milanista. "Ma non mollo"

L'ex moglie spenna il Papero: "Pato deve andare in galera"
"Alexandre Pato deve andare in galera". Alla faccia del tenero amore adolescenziale, la storia tra l'attaccante brasiliano del Milan e l'ex moglie Sthefany Brito rischia di finire malissimo. Sposata nel luglio 2009 e lasciata nell'aprile 2010 ("rimpiazzata" dal Barbara Berlusconi), la 24enne attrice ha dato mandato al suo legale per spennare per bene il Papero. "Stiamo studiando il modo migliore per chiedere il carcere per lui", ha spiegato Gisela Pazini, avvocato della Brito. La colpa di tutto è il mancato pagamento degli alimenti. Come spiega al quotidiano La Folha di San Paolo la stessa Pazini, c'era un accordo matrimoniale tra Pato e la moglie: "Quando si sono sposati lui le ha detto che avrebbe dovuto smettere di lavorare, e in cambio lui avrebbe depositato 50mila reais ogni mese sul suo conto corrente. Il pagamento è andato avanti fino a quando i due sono rimasti sposati, poi si è interrotto. Dopo il divorzio, lui le ha offerto 5mila reais al mese (circa 2.000 euro, ndr) fino alla fine dell'anno, somma che la mia cliente ha giudicato insufficiente". La vicenda, dunque, è finita in Tribunale. Che non sta dando ragione alla Brito, anzi. In febbraio un giudice di Rio aveva fissato in 50mila reis la cifra che Pato doveva versare alla ex moglie, ma il milanista ha rifiutato chiedendo una sospensione. Ora la quarta camera civile del Tribunale di Rio de Janeiro ha accolto il suo ricorso. Tutto bloccato, dunque. La Brito, però, non si arrende: "Sono sicura che riusciremo a far annullare questa sospensione - ha spiegato la Pazini -. Stiamo studiando la forma migliore per chiedere il carcere per Pato per inadempienza".



Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • vismara

    01 Agosto 2011 - 22:10

    se un povero cristo non puo' permettersi il proprio mantenimento e quello della propria famigliava viene incarcerato in una delle peggiori prigioni brasiliane, parlo di ze elias ed e' quello che rischia pato:pero' guarda caso un'assassino ed un terrorista ha goduto e gode dei maggiori onori e oneri parlo di battisti viene scarcerato complimenti giustizia brasiliana sei un vero esempio di democrazia.

    Report

    Rispondi

  • sfeno

    29 Luglio 2011 - 14:02

    chi? L'avvocato che si permette certe dichiarazioni.........mi sembra piu un avventuriero in cerca di tesori.

    Report

    Rispondi

  • sfeno

    28 Luglio 2011 - 21:09

    ma che una donna si senta in diritto dopo pochi mesi di matrimonio di farsi mantenere vita natural durante dal primo pollo che capita non riesco a digerirlo.Davanti alla legge il sesso debole ho il dubbio che sia l' uomo.Che vada a lavorare gli atrezzi non gli mancano..........

    Report

    Rispondi

  • parigiocara

    28 Luglio 2011 - 17:05

    veronica docet

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog