Cerca

San Patrignano, salto ostacoli parla azzurro con Gaudiano

Domenica di spettacolo sulle colline riminesi. L'italiano su Chicago 84 batte i favoriti Mandli e Beerbaum nel Challenge Muccioli

San Patrignano, salto ostacoli parla azzurro con Gaudiano
La notte di SanPa ha gli occhi di Emanuele Gaudiano, il cavaliere azzurro che ha incendiato di antica passione le tribune strapiene della collina magica dove domenica notte un altro miracolo è stato compiuto. Un teatro unico ha accolto i migliori cavalieri del mondo rapiti dai valori intrinsechi della famiglia Muccioli e da un'organizzazione perfetta che non ha eguali al mondo. Un campo gara degno dei migliori green del golf percorsi mozzafiato e tanta professionalità. Il nostro Emanuele fasciato nella divisa grigia del Corpo Forestale dello Stato ha strappato un boato da stadio quando dopo una lunga maratona ha conquistato con il suo Chicago 84, un Holsteiner di undici anni, il Gran Premio Acqua Uliveto - 15° Challenge Vincenzo Muccioli con un doppio percorso netto e il tempo di 46,59 secondi, lasciandosi alle spalle il gotha del salto ostacoli mondiale. Secondo posto, infatti, per lo svizzero Beat Mandli con Louis IV (0/0, 47,09) e terzo per il fuoriclasse tedesco Ludger Beerbaum – premiato comunque con un orologio Rolex come miglior cavaliere del concorso - in sella a Chaman (0/0, 47,30), che fino all'ultimo centesimo di secondo e all'ultimo metro di tracciato hanno tentato di battere l'imprendibile cavaliere azzurro.
Gaudiano, dopo aver saltato ed essersi portato in testa, ha seguito il resto del barrage da solo, distante dallo schermo che trasmetteva il percorso dei rimanenti sfidanti coccolato dagli occhi della gente che tifa Italia. "E' il cavallo che è stato grande - dice -. Sa saltare e l'ha dimostrato. Ha fatto un percorso eccezionale e nonostante fossimo in tanti nel barrage è risultato il migliore". Tanti i complimenti per lui, particolarmente gradito quello di Ludger Beerbaum che gli è passato accanto facendogli il segno del pollice alzato. "Ho gareggiato con alcuni dei cavalieri migliori al mondo e lui per me resta sempre il più forte. Stupendo averlo battuto. Dedico questo successo a tutti coloro che mi stanno vicino e ai ragazzi di San Patrignano". "L'Italia dei cavalli sta vivendo un periodo d'oro - dichiara il presidente Fise Andrea Paulgross -. Dopo la valanga di successi nei campionati Europei di reining dei giorni scorsi festeggiamo oggi l'impresa di Gaudiano che riporta speranze ed antichi entusiasmi per un settore che vuole tornare grande".

di Antonio Terraneo

 
La classifica finale:
1) Emanuele Gaudiano (Ita) - Chicago 84 - 0/0 - 46,59
2) Beat Mandli (Svi) Louis IV - 0/0 - 47,09
3) Ludger Beerbaum (Ger) - Chaman - 0/0 - 47,30
4) Gerco Schroder (Ola) - Eurocommerce London - 0/0 - 47,60
5) Steve Guerdat (Svi) - Come on girl - 0/0 - 48,81

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog