Cerca

Derby a Pechino, le pagelle: Seedorf brilla, Samuel dov'è?

Supercoppa Milan-Inter, i voti di Alessandro Dell'Orto. Con Thiago Silva si rimbalza, Sneijder lascia (?) alla grande

Derby a Pechino, le pagelle: Seedorf brilla, Samuel dov'è?
Va al Milan il primo trofeo della stagione. A Pechino i rossoneri conquistano la Supercoppa italiana battendo 2-1 in rimonta l'Inter. Nel primo tempo segna Sneijder, poi Ibrahimovic e Boateng consegnano al Diavolo la sesta Supercoppa della sua storia. Le pagelle di Alessandro Dell'Orto.

MILAN
Abbiati 6: sulla punizione di Sneijder ci arriva con due dita, ma non bastano. Dà sicurezza al reparto.
Abate 6: devastato dalla velocità di Obi nel primo tempo, poi prende misure e campo. E cresce.
Nesta 6.5: un paio di disimpegni storti fanno pensare che Nesta non sia più Nesta. Poi chiusure precise ed eleganti. E Nesta torna Nesta.
Thiago Silva 6.5: dalle sue parti si rimbalza indietro. Bravo a non innervosirsi troppo quando viene provocato da un pestone a gioco fermo.
Zambrotta 6: affondi contati, ma efficaci. Garantisce equilibrio.
Gattuso 6: corre e lotta, picchia e le prende da vero leader. Rischia il rosso con una paio di entrate al limite dell’area e del regolamento (dal 30' st Ambrosini sv).
Van Bommel 6: geometria e pazienza per cucire il lento gioco rossonero
Seedorf 7: brillante, più brillante di quanto potresti aspettarsi. Dopo un primo tempo da spettatore si trasforma e trasforma il Milan con dribbling, l’assist a Ibra e possesso palla.
Boateng 6.5:
meno vivace del solito, meno ispirato del solito. Ma, come al solito, molto pratico quando c’è da cambiare al partita e il risultato (dal 37' st Emanuelson sv).
Ibrahimovic 7: fa a spallate e poi riparte in dribbling. Come dire, lavoro sporco e raffinatezze. I guai nerazzurri arrivano sempre dalle sue parti.
Robinho 6: imprevedibile, nel senso che sbaglia occasioni clamorose (come quella del primo tempo) e poi si inventa giocate difficilissime (dal 17' st Pato 6.5: il suo ingresso cambia il ritmo alla partita. Veloce, efficace, furbo, da un suo tiro che si stampa sul palo nasce la rete vittoria).

INTER
Julio Cesar 5.5: si fa sorprendere, come tutta l’Inter, dalla ripartenza veloce che manda al tiro Pato. Salvato dal palo su un colpo di testa di Ibra nel primo tempo
Ranocchia 6: quando c’è da fare la sfida fisica con Ibra  se la cava. Quando c’è da chiudere in velocità fa fatica.
Samuel 5: distratto, a volte spaesato.
Chivu 5.5: soffre se c’è da rincorrere. E c’è spesso da rincorrere.
Zanetti 5.5: poco incisivo. Nel senso che fa tutto con ordine, come sempre, e con grande attenzione. Ma senza mai fare la differenza.
Thiago Motta 5: passo lento, forse troppo lento per sperare di trovare spazi e metri nel breve contro Seedorf.
Stankovic 6: ha il compito più difficile e dispendioso: dare appoggio ai due là davanti e poi aiutare il centrocampo. Si sacrifica e finché riesce a tenere alto il ritmo l’Inter se la gioca a metà campo. Poi si fa buio (dal 29' st Pazzini 6.5: energia e corsa. Ma perché non metterlo prima?).
Alvarez 5.5: veloce, vivace, dà fastidio a Gattuso ogni volta che parte. Ma è proprio solo un fastidio, niente più (dal 18' st Faraoni 6: personalità e passo. Non si fa intimidire).
Obi 6: devastante nel primo tempo, apre il campo ogni volta che accelera. Ma dura troppo poco e appena si spegne il Milan prende campo e partita (dal 37' st Castaignos 6: passo e un paio di buoni spunti).
Sneijder 7: dribbling e ghirigori. Che sia l’ultima partita da interista o no, lascia il segno comunque. La pennellata su punizione che si infila all’incrocio è uno sballo.
Eto’o 6: ci prova in coppia con altri. Ci prova da solo. Il problema è che è sempre troppo isolato e abbandonato là davanti.

di Alessandro Dell'Orto

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Borgofosco

    07 Agosto 2011 - 14:02

    Persino i cinesi, nell'assegnargli il premio quale miglior giocatore della gara, hanno visto una partita migliore di quella che le pagelle dicono. Oltre ad Ibra anche Alvarez e Obi(senza loro l'Inter avrebbe preso una sonora batosta) meritavano almeno mezzo punto in più. Poi... Clarence Seedorf deve partire sempre con un punto in più(è uno dei più grandi giocatori al mondo).

    Report

    Rispondi

  • amultin

    06 Agosto 2011 - 21:09

    Ha brillato la "sportività" dei giocatori dell'Inter, specie il pallone sui coglioni ... Ma fatemi il piacere !

    Report

    Rispondi

blog