Cerca

Calciomarcio: 3 anni e mezzo per Doni. Cinque a Signori

Atalanta parte a -6 in Serie A. 5 anni per Paoloni, con Beppegol "radiato da Figc". La lista di tutte le sentenze comminate

Calciomarcio: 3 anni e mezzo per Doni. Cinque a Signori
La macchina della giustizia sportiva ha emesso le sue sentenze sul caso calcioscommesse che ha tenuto banco negli ultimi mesi. Per l'Atalanta sei punti di penalizzazione da scontare nel prossimo campionato di Serie A, mentre per il capitano della 'Dea', Cristiano Doni, arriva una squalifica di 3 anni e mezzo: la carriera del centrocampista, probabilmente, è finita. Per Beppe Signori la giustizia sportiva ha deciso cinque anni di squalifica, e altrettanti per Marco Paoloni, il portiere ex di Cremonese e Benevento al centro delle indagini penali tutt'ora in corso presso la Procura di Cremona.  Tre anni di squalifica per l'altro giocatore atalantino coinvolto, Manfredini.

"Doveroso sconto in secondo grado" - Il legale di Doni, però, non vuole mollare la presa: "I calciatori sono rimasti stupiti e amareggiati, ma non rassegnati - ha spiegato Salvatore Pino, che tutela anche Thomas Manfredini -. Io credo che Doni potrà tornare in campo ed esultare come fa di solito, a testa alta. La decisione - ha aggiunto - condensa in nove righe la questione relativa alla presunta responsabilità dei miei assistiti. Una riduzione di pena in secondo grado? Sarebbe doveroso. La questione Manfredini - ha concluso ai microfoni di Sky Sport 24 - potrebbe risultare più agevole, ma in entrambi i casi si tratta di intercettazioni tra terzi che tengono conversazioni incomprensibili e poco credibili".

Mai nella Figc - La Commissione disciplinare della Figc, nella sua sentenza, ha anche comminato sia a Singori sia a Paoloni la preclusione alla permanenza in qualsiasi rango o categoria della Figc, ossia la radiazione. Per l'Atalanta la Commissione ha deciso un piccolo sconto rispetto a quella che era la richiesta: il procuratore federale Palazzi, infatti, aveva chiesto sette punti di penalizzazione. Nessuno sconto, invece, per Cristiano Doni. Cinque anni di squalifica e radiazione anche per Bellavista, Buffone, Erodiani, Gervasoni e Sommese.

Serie B e Lega Pro - La disciplinare ha anche inflitto una penalizzazione di 6 punti nei confronti dell'Ascoli, che dovrà essere scontata nel prossimo campionato di Serie B. Al club marchigiano è stata comminata anche una multa da 50mila euro. Per il Sassuolo e l'Hellas Verona le ammende ammontano a 20mila euro. Per quel che riguarda le società di Lega Pro arrivano 9 punti di penalizzazione per il Benevento. L'Alessandria è stata punita con la retrocessione all'ultimo postio in classifica nel campionato di Prima Divisione 2010-2011.

Di seguito tutte le sentenze nei confronti di giocatori e società.

Le sentenze nei confronti dei giocatori
BELLAVISTA Antonio: squalifica per 5 anni, con preclusione (radiazione) alla permanenza in qualsiasi rango o categoria della FIGC;
BRESSAN Mauro: squalifica per 3 anni e 6 mesi;
BUFFONE Giorgio: inibizione per 5 anni, con preclusione;
CIRIELLO Antonio: inibizione per 1 anno;
DONI Cristiano: squalifica per 3 anni e 6 mesi;
ERODIANI Massimo: squalifica per 5 anni, con preclusione;
FABBRI Gianni: inibizione per 5 anni;
GERVASONI Carlo: squalifica per 5 anni, con preclusione;
MANFREDINI Thomas: squalifica per 3 anni;
PAOLONI Marco: squalifica per 5 anni, con preclusione;
QUADRINI Daniele: squalifica per 1 anno;
ROSSI Leonardo: squalifica per 1 anno;
SANTONI Nicola: squalifica per 4 anni;
SAVERINO Davide: squalifica per 3 anni;
SIGNORI Giuseppe: squalifica per 5 anni, con preclusione;
SOMMESE Vincenzo: squalifica per 5 anni, con preclusione;
VELTRONI Giorgio: inibizione per 4 anni.

Le sentenze nei confronti delle società:

ALESSANDRIA: retrocessione all'ultimo posto in classifica nel campionato di competenza (campionato 2010/2011);
ASCOLI: penalizzazione di 6 punti in classifica da scontare nel campionato 2011/2012 e ammenda di euro 50.000,00;
ATALANTA: penalizzazione di 6 punti in classifica da scontare nel campionato 2011/12;
BENEVENTO: penalizzazione di 9 punti in classifica da scontare nel campionato 2011/12 e ammenda di euro 30.000,00;
CREMONESE: penalizzazione di 6 punti in classifica da scontare nel campionato 2011/12 e ammenda di euro 30.000,00;
CUS CHIETI (calcio a 5): penalizzazione di 1 punto in classifica da scontare nel campionato 2011/12 e ammenda di euro 4.500,00;
ESPERIA VIAREGGIO: penalizzazione di 1 punto in classifica da scontare nel campionato 2011/12;
VERONA: ammenda di euro 20.000,00;
PIACENZA: penalizzazione di 4 punti in classifica da scontare nel campionato 2011/2012 e ammenda di euro 50.000,00;
PINO DI MATTEO (calcio a 5): penalizzazione di 8 punti in classifica da scontare nel campionato 2011/12 e ammenda di euro 1.000,00;
PORTOGRUARO: ammenda di euro 20.000,00;
RAVENNA: esclusione dal campionato di competenza con assegnazione da parte del Consiglio federale a uno dei campionati di categoria inferiore e ammenda di euro 50.000,00;
REGGIANA: penalizzazione di 2 punti in classifica da scontare nel campionato 2011/12;
SASSUOLO: ammenda di euro 20.000,00;
SPEZIA: penalizzazione di 1 punto in classifica da scontare nel campionato 2011/12;
TARANTO: penalizzazione di 1 punto in classifica da scontare nel campionato 2011/12;
VIRTUS ENTELLA: ammenda di euro 15.000,00.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lorisvioni

    09 Agosto 2011 - 17:05

    Il verbo comminare, come dicono i buoni dizionari, significa "prescrivere, indicare, sancire, stabilire" da parte di una legge, di un decreto, di un regolamento e non "infliggere, impartire, assegnare, applicare, irrogare" da parte di un giudice o di un arbitro, ma si tratta sempre di verbi che si riferiscono ad una pena, ad una ammenda. Comminare una "sentenza" , come dice il vostro sottotitolo, non si era proprio mai sentita ! Si tratta di un doppio insulto alla lingua italiana. Scusate, ma anche la forma vuole la sua parte.

    Report

    Rispondi

blog