Cerca

Stile-Avvocato e cuore tifoso: Andrea ha le idee ben chiare

Ritratto del 'giovin signore', l'Agnelli che prova a far risorgere la Juve da Calciopoli. Nel mirino ci mette l'Inter e Moratti

Stile-Avvocato e cuore tifoso: Andrea ha le idee ben chiare
Madre “ultrà” juventina, Allegra Caracciolo, e zia interistissima, Violante, l’indimenticabile moglie dell’ex vicepresidente nerazzurro Giammaria Visconti di Modrone scomparsa pochi anni fa, Andrea è l’ultimo degli Agnelli di calcio. Già diciassette anni or sono quando cominciò la stagione umbertina del club - e suo padre si affidò a Antonio Giraudo e Luciano Moggi - veniva indicato, non ancora ventenne, come l’unico della Sacra Famiglia realmente appassionato e presente, mamma a parte naturalmente - proprio Giraudo può essere considerato una sorta di zio acquisito all’ombra del quale ha anche maturato esperienze londinesi (settore immobiliare e marketing).

Il curriculum di Andrea, che ne compie 36 il 6 dicembre, è sposato e padre di Baia, non ce l’ha nemmeno Obama: studi tra il St. Clare’s International College di Oxford e la Bocconi, e passaggi formativo-lavorativi in Piaggio, Auchan, Ferrari, Philip Morris International (dalla Svizzera non sarebbe mai rientrato: fu il padre a richiamarlo alla base), Fiat e holding finanziarie quali Ifil, Ifi (poi Exor) e Lamse SpA. Discreto golfista, e per questo amministratore delegato dei Roveri a Torino e consigliere della federgolf, Andrea è diventato presidente della Juventus poco più di un anno fa, il 19 maggio 2010, e ha subito cambiato registro, toni e uomini, rinnegando palesemente il passato più recente: per dirne una, Jean Claude Blanc aveva bloccato Rafa Benitez e lui, Andrea, ha fatto saltare l’accordo pagando la penale per portare a Torino Gigi Delneri - non fu Marotta il responsabile.

Andrea rappresenta in pratica l’ideale linea di continuità con la Juve pre-scandalo: non a caso tra esposti, conferenze stampa e battute al vetriolo nei confronti degli “onesti” (la conoscenza con Moratti è di vecchia data) ha cominciato a parlare alla pancia della tifoseria per tentare di restituire la dignità perduta a quella lunga e fortunata, almeno sul campo, stagione bianconera ottenendo consensi illimitati.

Chi lo conosce bene lo descrive come un uomo serio, molto riflessivo e intelligente (del padre ha preso soprattutto la riservatezza) e quasi si sorprende nel ritrovarlo “troppo spesso” in prima linea in quella che viene ormai considerata una battaglia personale.
È ancora condizionato dall’amicizia con Giraudo il suggeritore occulto, sostengono i più maliziosi: probabilmente qualcosa di vero all’inizio c’è stato, ma l’ostinazione con cui Andrea, assistito in particolare dall’avvocato Briamonte - considerato il “nemico numero 1” dell’Assocalciatori nella querelle relativa al rinnovo del contratto collettivo - persegue l’obiettivo della revoca dello scudetto 2006 induce a pensare che stia operando in totale autonomia.

di Ivan Zazzaroni

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • iuliusagricola

    12 Agosto 2011 - 18:06

    Gentili tifosi interisti, a cominciare da Palombo. La festa e' finita. La juve telefonava.? Certo 21 telefonate al designatore. Peccato che qualcuno abbia nascosto 169.000 altre telefonate, circa, ho arrotondato per difetto, di altri dirigenti di a e b che chiamavano i designatori. Peccato poi che siano state nascoste le chiamate di dirigenti interisti, VIVI E MORTI, che non solo chiamavano i dirigenti, addirittura chiamavano gli arbitri. Non parlerò del 444 famossissimo di Facchietti, ne del regalino di Moratti per il designatore, nè dei giacconi di cashemre interisti per gli assistenti arbitrali. Sarebbe troppo facile.... Da cittadino italiano sono stufo di questa presa in giro. Vogliao la verità, quella verita' che enrambe le sponde di milano, vogliono nascondere. Giustizioa per la Juventus e per Moggi. Saluti

    Report

    Rispondi

  • lucer

    12 Agosto 2011 - 10:10

    stile avvocato?!?!?! bimbo viziato e incompetente torni ai Roveri prima di trascinare la Juve in B.

    Report

    Rispondi

  • luk66

    12 Agosto 2011 - 10:10

    Hahaha... Da quando i primati dal monociglio, hanno idee??? ;-)))

    Report

    Rispondi

  • pepo

    12 Agosto 2011 - 08:08

    Voi juventini dovete solo ringraziare che quando era vivo l'avvocato non c'erano ancora i telefonini altrimenti di scudetti ve ne sarebbero rimasti 1 - 2 al massimo

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog