Cerca

Eto'o, la maratona dell'Anzhi: "Ma ora è praticamente fatta"

Cronaca della giornata infinita dei dirigenti del club del Daghestan atterrati a Milano: giovedì visite mediche. Si chiude a 28 mln

Eto'o, la maratona dell'Anzhi: "Ma ora è praticamente fatta"
Ultimi sgoccioli della trattativa per portare Samuel Eto'o in Russia. Gli emissari dell'Anzhi hanno infatti incontrato i vertici della squadra di Massimo Moratti a Milano per trovare un accordo definitivo sul costo del cartellino del giocatore: salvo clamorose sorprese il camerunese sosterrà le visite mediche nella clinica romana di Villa Stuart già giovedì 18, per poi iniziare la sua nuova avventura. I nerazzurri perdono una pedina fondamentale e non si è ancora capito se e come la rimpiazzeranno: i tifosi sono confusi (proprio come Diego Forlan, che annuncia e smentisce il trasferimento).

"Siamo vicinissimi" - Al termine dell'incontro German Tkachenko, uomo mercato dell'Anzhi, ha spiegato: "Siamo molto vicini. Potremmo chiudere oggi, domani o la prossima settimana". Quindi Eto'o, formalmente, è ancora dell'Inter? "Sì, ma sono ottimista per la trattativa", ha concluso il dirigente. Il patron dell'Inter ha ammesso che la cessione dell'attaccante è legata al rispetto dei parametri del fair play finanziario: "Quando arriva un'offerta del genere, è difficile poterla eguagliare o rifiutare. Il fair play finanziario è una cosa seria, non si scherza", ha sottolineato Moratti. "Probabilmente perderemo un grande giocatore come Etò'o ma la squadra c'è, Gasperini ci dà un gioco e poi nel mercato qualcuno arriverà", ha concluso il presidente nerazzurro, ricordando che "i tifosi erano delusi anche quando Ibrahimovic andò via dall'Inter. Poi sapete com'è finita". Infine Moratti ha ribadito che Wesley Sneijder "era intoccabile anche prima di questa ipotesi e lo è ancora di più ora".

Cronaca della giornata - Ma tutti i riflettori rimangono puntati sulla trattativa con l'Anzhi. La giornata per gli emissari del club del magnate russo è stata fitta di impegni: prima l'incontro con l'ad dell'Inter, Ernesto Paolillo. Poi lo spostamento all'Hotel Bulgari, dove si è tenuta una nuova riunione con il procuratore di Eto'o, Claudio Vigorelli, e con l'agente Fifa Peppino Tirri. L'ultimo ad arrivare era stato proprio l'attaccante, a cui è stato sottoposto il contratto della società del Daghestan. Quindi la tappa nella sede dell'Inter in corso Vittorio Emanuele, dove si è trasferito l'intero gruppo, eccetto Eto'o. La cifra intorno alla quale dovrebbe concretizzarsi il trasferimento? Faraonica: 28 milioni di euro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog