Cerca

Briatore dà un calcio al pallone "Basta con i giocatori viziati"

Flavio vende il Qpr dopo averlo riportato in Premier: "Missione compiuta, ma non fa per me. Troppi lussi: i ricchi diventano poveri"

Briatore dà un calcio al pallone "Basta con i giocatori viziati"
Finisce l'avventura nel calcio di Flavio Briatore. "Non fa per me", ha spiegato l'ormai ex proprietario del Queens Park Rangers, che passa la mano all'imprenditore malese Tony Fernandes. Costo dell'operazione, circa 200 milioni di euro. "Al nostro arrivo il Qpr era ultimo e promettemmo il ritorno in Premier League in un triennio. Così è stato - puntualizza Briatore -. Quindi i conti tornarno. Però non è andata esattamente come avrei voluto. Il calcio rende povero anche chi è ricco...".

"Calciatori viziati" - Il manager che ha fatto il bello il cattivo tempo nella Formula 1 si sfoga in un'intervista concessa a La Gazzetta dello Sport. Ce l'ha un po' con tutti. In primis con il sistema calcio: "Si devono investire soldi a getto continuo. E spesso senza logica". Poi anche con i manager: "S'innamorano dei giocatori e dopo due mesi li scaricano". E, soprattuto, con i calciatori: "Sono dei viziati. Un panchinaro guadagna più di un dirigente d'azienda. E se riceve una multa non la paga. Se un calciatore sbaglia c'è sempre un alibi. Tutto è lorodo dovuto. Aerei privati e tanti lussi. Non può continuare così".

Meglio la Formula1 - Si fa notare a Briatore che anche nella 'sua' Formula 1 i piloti guadagnano molto. "In tre fanno la differenza, gli altri guadagnano il giusto - ribatte -. E comunque dietro c'è il lavoro di 800 persone. Hanno tante responsabilità". Flavio abbandona così il mondo del calcio. Il suo obiettivo, come ha premesso, lo ha raggiunto. Ma il pallone, a differenza dei motori, non è proprio riuscito a entrargli nel cuore.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Metallica_Hoop

    22 Agosto 2011 - 12:12

    Mango Flavio, ha dovuto restare fuori dagli affari di squadra. Forza QPR.

    Report

    Rispondi

  • aquila azzurra

    21 Agosto 2011 - 13:01

    non piace più a nessuno e tanto meno ai tifosi che cominciano a capire quanto sia inutile spendere cifre pazzesche per soddisfare una manica di folli viziati e coccolati da presidenti ancora più fuori senno oltrechè ricchi sfondati. Il calcio , fino a qualche decennio fa , era una vetrina per presidenti-magnate, per politici locali, per imprenditori che cercavano di valorizzare i prodotti del loro lavoro; oggi l'arrivo di multinazionali dai proventi non proprio chiari, di sceicchi orientali che cercano visibilità in un occidente frastornato , decadente ed indebitato ha sconvolto un mondo che si riteneva appartenere alla sfera sportiva. Dove sta più lo sport o la gloria per la vittoria quando società quali il barcellona, già plurindebitate, acquistano a suon di milioni giocatori che stazioneranno stabilmente su una panchina? Non ci resta che aspettare che la follia passi a suon di pesanti stangate, i tifosi non potranno seguire i clubs per le spese folli.

    Report

    Rispondi

blog