Cerca

Serie A vicina allo sciopero Beretta: "Nessuna trattativa"

Il presidente di Lega è pessimista. L'omologo della Figc media: "20 milioni per coprire eventuali contenziosi"

Serie A  vicina allo sciopero Beretta: "Nessuna trattativa"
La Serie A è a un passo dallo sciopero, e le parole del presidente di Lega, Maurizio Beretta, non fanno altro che confermare lo scenario più temuto dai tifosi: "Non c'è margine di trattativa". La casta del pallone, spiega in un commento Ivan Zazzaroni, vuole incrociare le braccia: "E' lo sciopero dei nababbi". In questo contesto prova una mediazione il presidente della Figc, Giancarlo Abete, che ha proposto l'accantonamento di un fondo interno alla federazione di 20 milioni di euro per il triennio 2011-2013, destinato unicamente alla serie A per garantire la Lega di fronte a eventuali contenziosi. Il nodo è sempre quello del contributo di solidarietà, l'ultimo terreno di scontro tra Lega e Aic: a chi tocca pagarlo?

"Calciatori non in buona fede" - All'ingresso in Federcalcio, dove il Consiglio federale ha affrontato il nodo del rinnovo del contratto collettivo dei calciatori, Beretta è stato chiaro: "Ci sono due possibilità. O si sottoscrive l'idea che i calciatori pagano il contributo di solidarietà o non la si sottoscrive. Non ci sono margini di trattativa". Beretta ha proseguito sottolineando che la norma che disciplina gli allenamenti dei fuori rosa "deve prevedere che sia di competenza dello staff tecnico organizzare gli allenamenti secondo le migliori esigenze dal punto di vista sportivo". Poi una stoccata ai calciatori: "Se fossero in buona fede, non avrebbero problemi a sottoscrivere il pagamento del contributo di solidarietà, a metterlo nero su bianco. E' francamente difficile arrampicarsi sugli specchi", ha concluso.

Il fondo proposto da Abete - Nel frattempo Abete cerca di evitare in extremis lo sciopero a ridosso della prima giornata di campionato, in calendario per sabato e domenica. Così il presidente federale ha prima incontrato il presidente del Coni, Gianni Petrucci, e poi aperto i lavori del Consiglio. Il fondo di garanzia Figc che ha proposto sarebbe formato per intero da risorse interne, e non inciderebbe sui contributi alle altre componenti della federazione né intaccherebbe la contribuzione Coni. La palla ora torna a Beretta e alla Lega, che avevano posto come condizione per la firma del contratto collettivo la tutela da parte dei calciatori sul pagamento della supertassa, inserita dal governo nel pacchetto anti-crisi all'esame del Parlamento dalla prossima settimana.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • roberto19

    roberto19

    26 Agosto 2011 - 23:11

    a questi personaggi che lavorano con i piedi in aria,ci vorrebbe un sciopero ad oltranza da parte di tutti i tifosi ....

    Report

    Rispondi

  • Fate

    26 Agosto 2011 - 10:10

    Tifosi tutti, boicottate gli stadi. Voglio vedere senza tifosi come si pagano lo stipendio, VERGOGNA a questi calciatori, che già guadagnano più di un ricercatore che prova a curare il cancro, e si lamentano anche! VERGOGNATEVI.

    Report

    Rispondi

  • lucianot

    26 Agosto 2011 - 09:09

    La cosa più ridicola è che stiamo parlando di un gioco. Gli interessi che girano attorno a questo gioco sono immensi e per questo che prendono (non parlo di guadagni, è un'altra cosa) tutti quei soldi. Anche nelle categorie inferiori prendono soldi per rincorrere una palla. Ricordiamogli che nessuno li obbliga a giocare. E se andassero a lavorare? Pertanto, pur riconoscendo il loro dirirtto di avere condizioni migliori (in senso generale) trovo VERGOGNOSO che abbiano il coraggio di lamentarsi. Magari un mesetto a raccogliere pomodori sotto il sole per circa 1000 euro potrebbe servire. Non è più sopportabile il loro comportamento da bambini straviziati e le società e i media finiscano di idolatrarli. Se non sono d'accordo possono andarsene, nessuno li obbliga a giocare, vadano a lavorare!!!!

    Report

    Rispondi

  • capitanuncino

    26 Agosto 2011 - 04:04

    Che facciano sciopero o meno non interessa nulla.LOR signori alla fine del mese ci arrivano alla grande,e di denari ne avanzano in quantità industriali.Personalmente il calcio l'ho cancellato perennemente dalla mia vita.Non mi interessa nessuna partita sia nazionale che estera,mondiali compresi,ne mi interessa chi sia il vincitore.Io so solo che devo andare in cantieri esteri a guadagnarmi la mia pagnotta rischiando la pelle,mentre loro corrono dietro ad un pallone in mutande guadagnando miliardi.Che provino loro ad andare al lavoro con la scorta dietro,oppure che provino a farsi 11 mesi di Iraq come li ha fatti il sottoscritto nella prima guerra del golfo.Manica di B****di e zozzi.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog