Cerca

Per Rossi non c'è più gloria Decimo a Indy, vince Stoner

MotoGp, Vale sempre più giù: "Che fatica andare avanti". Domina l'australiano, quarto Lorenzo: Mondiale a una svolta

Per Rossi non c'è più gloria Decimo a Indy, vince Stoner
C'è un filo comune che lega Valentino Rossi, la sua Rossa e quella di Fernando Alonso. Proprio come la Ferrari a Spa, anche la Ducati non decolla e anzi affonda a causa delle gomme: non è Formula 1, ma MotoGp ma poco cambia: al Gp Usa di Indianapolis il Dottore non va oltre il decimo posto, amaro esito per una corsa mai entrata nel vivo a causa dei pneumatici che hanno costretto al rientro ai box anche i compagni di marca di Vale, Capirossi, Abraham e Hayden. Alla fine, domina l'australiano Casey Stoner su Honda davanti a Pedrosa e Spies. Jorge Lorenzo, solo quarto, si allontana dal Mondiale: ora Stoner ha 44 punti di vantaggio sullo spagnolo, che si lamenta della sua Yamaha: "Così non posso giocare alla pari". E Rossi? "Visto come sta andando dall'inizio dell'anno - allarga le braccia  - non sono poi tanto sorpreso da un fine settimana così negativo. In gara ho avuto un problema con il cambio, in folle un sacco di volte. Così è veramente faticoso andare avanti, ma non bisogna mollare".


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • RANMA

    30 Agosto 2011 - 12:12

    Ben gli stà, così impara a compassionare i delinquenti ... Lo adoravo pensavo fosse un uomo di buoni principi,ma... Mi è caduto un mito, ora lo disprezzo!

    Report

    Rispondi

  • uliclin

    29 Agosto 2011 - 15:03

    Saranno anche le gomme, ma da un pò di tempo il manico non è più quello del campione! Allora vuol dire che la Ducati la sapeva guidare solo Stoner. Inoltre, deve influire anche il fatto delle nuove idee sul sociale (vedi preferenze teppisti inglesi). Forse è l'ora di ritirarsi!

    Report

    Rispondi

blog