Cerca

Zlatan scende dalla Barca: Milan senza il centravanti

Stasera al Nou Campo match tra campioni d'Italia e d'Europa. Rossoneri, in attacco c'è solo Pato, che si carica: "Non ho paura"

Zlatan scende dalla Barca: Milan senza il centravanti
Uno scatto, una smorfia, la mano che va alla coscia destra, la scuote, la bocca che s’arriccia e il nasone che s’attapira. Così Zlatan Ibrahimovic ha dato il suo forfait alla più appetitosa sfida Champions di giornata. Barcellona-Milan la vedrà in tv dal divano di casa, nemmeno ha preso l’aereo, Zlatan, la lesione all’adduttore rimediata ieri mattina nell’ultimo allenamento non è un’impressione, non sembra una “sindrome da ritorno”. Il danno c’è, «stiramentino» dice il dottore, è possibile che se lo porti avanti per un paio di settimane, saltando Napoli domenica e forse anche il turno casalingo infrasettimanale del 21 settembre (Udinese). Forse, perché intanto in Spagna parlano di giallo, di strano ko, di una tempistica perfetta... out 2 settimane Ma i medici sono stati drastici, l’ecografo non mente: inutile azzardare recuperi notturni, inutile partire per una disperata rifinitura. Niente duello con Messi né rivincita con Guardiola: riposo, soldato.

Perde molto il Milan, nonostante Messi predichi «attenzione», perché lo svedese, che seppure ha la sua maledizione nei “dentro o fuori”, nelle fasi a gironi di Champions è sempre stato devastante. L’ultima serie A racconta che, senza Ibra per 9 volte, il Milan ha segnato 17 gol con una media di 1,8 a partita, mentre con lui è scesa a 1,6. Numeri: ognuno li legge come vuole, perché contando anche gli 11 assist, l’impatto di Ibra è spesso andato oltre l’aritmetica. Personalità e cattiveria: nella calcolatrice non ci vanno.
Ma perde molto il Milan anche perché in tribuna si accomodano Robinho (inguaiato per un adduttore pure lui: non è che c’è una relazione fra i due ko?) e Pippo Inzaghi, estromesso dalla lista Champions fra malumori e tentativi di riconciliazione con Allegri. Quell’Inzaghi che proprio un anno fa, nel trofeo Gamper, ha segnato al Nou Camp un gol all’altezza del palcoscenico, da standing ovation. Serve a poco la difesa del tecnico che «non sarebbe comunque stato pronto». Galliani non fa drammi: «Stiamo calmi, non mi piace piangermi addosso. Il Barça è il club più forte del mondo, ma il Milan è quello che ha più titoli: potrebbe essere definito il  “derby del mondo”».

dettagli Max (che oltre al solito 4-3-1-2 sta pensando a un 4-4-2, senza Cassano con Boateng davanti, e a un albero di natale: Pato punta, Seedorf e Boa subito dietro. Ma alla fine balla solo una maglia: fra il barese, Aquilani e Emanuelson) prova a ri-ossigenare i suoi: «Non è una finale. L’importante è non giocare  con timore, né come i primi venti minuti con la Lazio». La notte avrà portato consiglio. Ma ieri la faccia del mister aveva vagamente l’espressione dell’agnello in un recinto di lupi. Le rose a confronto, nella costruzione di un dream team con il meglio di Milan e Barça, indicano come fra i blaugrana ci sia imbarazzo nella scelta, mentre da parte rossonera (tolto Ibra) l’unica incertezza potrebbe portare a un ballottaggio Villa-Pato. Ma lo spagnolo ha già vinto (fra l’altro) Europeo, Mondiale, Champions. Dettagli che pesano, che stasera potrebbero fare la differenza.

di Tommaso Lorenzini

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog