Cerca

Il Milan costa troppo caro

Berlusconi taglia gli stipendi

Il Milan costa troppo caro
 Revisione del tetto ingaggi di tutta la rosa, con tagli agli stipendi fino al 30%. Il patron del Milan Silvio Berlusconi traccia il sentiero per i prossimi anni: campioni come Kakà, Ronaldinho (foto), Seedorf e Pirlo dovranno rinunciare a qualche milione di euro quando si tratterà di rinnovare i contratti, oppure essere ceduti ad altre società. Esempio lampante il portiere Dida: guadagna 4 milioni d'euro l'anno (costa quindi 8 alla società), perciò dovrà fare i bagagli e accasarsi in qualche altro club. Il piano di ridimensionamento economico è già stato illustrato ad Adriano Galliani, in via Turati hanno le idee chiare: per ora di comprare nuovi giocatori (vedi Agger) non se ne parla, meglio puntare sui giovani. E la rosa, allo stato composta da 29 elementi, dovrà essere sfoltita di almeno tre unità. Il Milan, secondo i piani, dovrebbe ridurre i costi dagli attuali 120 milioni di euro a circa 80, 85 milioni. Portando i rossoneri alle spalle di Inter (120 milioni) e Juve (115), e di poco sopra alla Roma (65 milioni).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • angelo.Mandara

    04 Marzo 2009 - 15:03

    Come si fa a rinunciare al colpo del secolo (la vendita di Kakà) e dopo qualche settimana sentir parlare di vendita della Soc. Milan ? Anche qui s'è rotto il giocattolo ?? Col senno di poi, mi viene difficile da capire la rinuncia, da parte del Milan, alla vendita di Kakà (...e stiamo parlando di quei 120 ml. che al momento tutti i Media citarono)... quando,soltanto dopo qualche settimana si comincia a sentir parlare del possibile disimpegno del Cavaliere dal...calcio e conseguente vendita. Motivazioni politiche,gestionali complessive : no comment !!!...ma di fronte a certe cifre vorrei vedere quale Presidente di società avrebbe potuto essere criticato dai propri tifosi (con la testa sul collo) e su un giocatore che da tempo..non è proprio fisicamente integro (...e le tante assenze lo dimostrano). Le molte assenze dei tanti, Galliani tutor, il mercato non proprio azzeccato, l'allenatore traballante, certe sconfitte non previste...sono le analogie che accomunano il Milan alla Juventus, ma...al Milan c'è il Premier che potrebbe volersi "alleggerire" dei tanti gravami. In un "annus horribilis" dell'economia...aver portato a casa 120 ml. per la vendita di un solo giocatore...sarebbe stato da Nobel dell' Economia !!! Saluti. Angelo Mandara

    Report

    Rispondi

blog