Cerca

Esordio col Corinthians

Ronaldo torna al calcio

Esordio col Corinthians
 Ha fatto il suo ingresso solo a secondo tempo inoltrato, ma i tifosi del Corinthians sono andati in estasi lo stesso. Ronaldo è tornato a giocare al calcio, 387 giorni dopo il gravissimo infortunio al ginocchio che lo mise ko quando giocava nel Milan. Il Fenomeno è lontano anni luce dalla forma ottimale. Per lui, nella gara di coppa del Brasile contro l'Itumbiara, c'è stata la possibilità di giocare solo qualche pallone e scagliare un tiro a lato. Ma l'entusiasmo che lo circonda, nonostante le condizioni fisiche a dir poco lacunose, è tantissimo: i tifosi del Corinthians hanno usato ogni mezzo pur di raggiungere lo stadio Juscelino Kubitschek di Itumbiara e assistere a un debutto atteso 82 giorni, ossia da quando Ronnie è tornato nel campionato carioca. Un dato rende l'idea dell'attesa attorno a Ronaldo: a fine gara, durante l'assalto dei cronisti per le intreviste, il Fenomeno s'è procurato un occhio nero a causa di un colpo inferto col microfono da un reporter esagitato che tentava di emergere dalla calca per raccogliere una sua dichiarazione. Come dire: le premesse per un grande ritorno ci sono tutte.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ghorio

    05 Marzo 2009 - 16:04

    Ronaldo, anche se non sono tifoso nè del Milan, nè dell'Inter, mi è diventato simpatico qundo era stato acquistato dal Milan, in contrapposizione alla stampa sportiva italica, in genere, specialmente quella del vociare televisivo. Adesso spero che possa veramente ritornare in forma ed esser il fenomeno. In questo modo potrò prendermi la soddisfazione sui giudizi di certi cronisti sportivi, che per qunato mi riguarda dovrebbero andare a sfogliare le pagine sportive degli anni 60, compresi, gli allora quattro quotidiani, per fare analisi tecniche sui giocatori e non sparare sentenza. Naturalmente non ho compreso l'atteggiamento del Milan, dopo la scadenza del contratto, del giugno dello scorso anno. Giovanni Attinà

    Report

    Rispondi

blog