Cerca

De Santis chiede danni a Moratti Richiesta è di 21 milioni di euro

L'ex arbitro come Bobo Vieri. Chiede il maxi-risarcimento all'Inter per l'attività di dossieraggio e spionaggio. Lo farà anche Bergamo

De Santis chiede danni a Moratti Richiesta è di 21 milioni di euro
Dopo Bobo Vieri - che ha chiesto 21 milioni di euro di danni a Tronchetti Provera e Massimo Moratti - anche l'ex arbitro Massimo De Santis è pronto a chiedere un maxi-risarcimento all'Inter, una somma che dovrebbe aggirarsi attorno alla stessa cifra chiesta da Bobogol. La questione è relativa al caso Telecom, l'attività di dossieraggio e spionaggio che scosse il mondo del calcio. La verità, insomma, è che lo scandalo Calciopoli non è mai finito, anzi si arricchisce ogni giorno di nuove pagine e arriva fino ai giorni nostri. De Santis depositerà prestissimo l'istanza, forse già martedì, presso il tribunale civile di Milano, che con il nuovo rito entro 60 giorni convocherà le parti.

"Vieri faccia da parametro" - L'ex fischietto, a differenza di quanto fece Vieri, vuole rivolgersi direttamente al presidente dell'Inter Moratti. Secondo quanto trapelato, per la cifra che verrà richiesta da De Santis dovrà fare da "parametro" proprio quella richiesta dall'ex centravanti di Inter e Milan. Se le parti non troveranno un accordo, una decisione dovrà essere presa dal tribunale. In precedenza, un tentativo di conciliazione chiesto dall'ex arbitro all'Inter, è già fallito.

Il dossier 'Ladroni 1' - De Santis ai tempi di Calciopoli fu coinvolto in un'attività di spionaggio. Il dossier era intitolato "Ladroni 1", e ne parlarono anche Cipriani e Tavaroli. I legali di De Santis, in un dettagliato esposto, spiegano di che cosa trattava il fascicolo: "Analisi sul patrimonio, sui conti correnti, fotografie dell'abitazione, appostamenti ambientali, esame di traffico telefonico, approfondimenti su partecipazioni societarie". Nell'esposto si parla anche di intercettazioni telefoniche. In parallelo, oltre a quelle di Vieri e De Santis, si è appreso che anche l'ex designatore Paolo Bergamo sta portando avanti una causa con l'avvocato Silvia Morescanti. Bergamo non ha ancora quantificato l'entità del danno da chiedere al club nerazzurro.



Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sumeete

    11 Ottobre 2011 - 11:11

    Tutta la combriccola moratti tronchetti rossi(di quà e di là)auricchio trovaroli erano migliori di Moggi? Nò di certo,hanno costruito loro lo scandalo, è come tangentopoli solo il PCI se la cavò. E si vergognino pure gli onesti truffaldini, ora si scoprono gli altarini,hanno vinto solo grazie all'eliminazione della concorrenza. Bidoni

    Report

    Rispondi

  • max pc

    11 Ottobre 2011 - 11:11

    Questa operazione pluriennale di dossieraggio e spionaggio da parte dell'Inter che si avvaleva delle strutture di Telecom e' una cosa gravissima che meriterebbe un pena ben diversa dal risarcimento danni . Lo spionaggio industriale, aggiunto ai passaporti falsi, alla falsa cessione del marchio, agli scambi fittizi dei giocatori della primavera per evitare nuovi conferimenti, al caso Nucini, all'Ipo Saras gonfiata, alle pressioni sugli arbitri preclusi, alle caselle V da smuovere, fanno della gestione Moratti una delle piu' TORBIDE e OSCURE della storia del calcio mondiale.

    Report

    Rispondi

  • guga

    11 Ottobre 2011 - 09:09

    Sparare titoli per farsi leggere: per quel che mi riguarda ci riete riusciti, anche se si sa già che la cifra, COME SAPETE ANCHE VOI (o Lei chiunque sia), è il totale richiesto all'inter! COMPLIMENTI!! Pian piano mi state facendo girare...........saluti.

    Report

    Rispondi

  • lutix

    11 Ottobre 2011 - 04:04

    Pazzesco, ora i ladroni diventano le vittime !! Una domanda, se anche si accertasse altre responsabilità, questo vuol dire che loro non sono colpevoli ? Moggi e i suoi affiliati rimangono sempre un branco di ladroni.

    Report

    Rispondi

blog