Cerca

Federica Pellegrini ha ragione: lei deve vincere, non sfilare

Il vero sgarbo al tricolore? L'"avanti marsch" imposto alla campionessa azzurra. Ma Fede non vuole fare la portabandiera forzata

Federica Pellegrini ha ragione:   lei deve vincere, non sfilare
C’è una sottile differenza tra essere eletti benedettissimi portabandiera della santissima nazionale azzurra e diventare fenomeni dello sport: la  “reggi vessillo” può farla anche mia nonna in carriola (d’accordo, la vecchia non ha vinto niente, ma non è questo il punto), mentre trita-record ci nasci, non è che ti dicono “fai il fenomeno” e raccatti ori come noccioline nella gabbietta delle scimmie. Federica Pellegrini è più pragmatica di tutti i noiosi sparasentenze presenti al palazzo dove si fabbrica la morale. Dice, limpida: «Io la portabandiera alle Olimpiadi non la voglio fare: c’ho da pensare alle gare e non posso stare otto ore in piedi». Blasfema! Maledetta! Indegna azzurra! Scostumatissima Pellegrini! Rifiutare la bandiera, ma siam matti!?

L’uscita della Fede imbestialisce lor signori. L’elenco degli indignati è vasto e fa venire il latte alle ginocchia: presidenti federali in quantità e rispettivi vice dalla lingua felpata, presidente del Coni e schieramento di lacchè vari. La parata è talmente succulenta che al coretto si iscrivono presidenti delle più svariate associazioni: il circolo dell’uncinetto  “Mariuccia”, il gran club della canasta, gli amici della Bocciofila di Buccinasco. Tutti a dire: «Chi si crede di essere quella là per rifiutare di fare la portabandiera? Una divinità?». A parte che, sì, molto probabilmente la Pellegrini è unta dall’Altissimo, vien da indignarsi a sentire gli indignati (quantomeno si rimane colpiti da fastidiosissimi attacchi di orchite). Diciamolo inter nos: chi non dorme la notte se la Pellegrini decide legittimamente di rifiutare la pantomima olimpica? Meglio un fenomeno riposato e senza bandiera o uno sbandierante e con le gambe molli?

La Pellegrini punzecchiata anche dal suo parroco («su Fede, pensaci bene, fai la brava bimba...») rilancia sul suo blog: «Ma quale gaffe ragazzi!!! Io ridirei le stesse identiche parole che ho detto ieri (mercoledì ndr) durante l’intervista di Skysport24. Chi non capisce che per me stare otto ore in piedi il giorno prima della gara olimpica (gara che preparo da quattro anni) è impossibile, o non è dotato di molta intelligenza, o non sa cosa vuol dire stare otto ore in piedi». Scatta l’applauso: mitica, unica, incavolata come una biscia con quelli che in piscina al massimo ci vanno con la paperella di gomma e i braccioli di Topolino. E ancora: «Ma secondo voi a me piace aver fatto due Olimpiadi e non essere mai riuscita, proprio per questo motivo, a vedere una cerimonia di apertura??!! Direi proprio di no, ma non è colpa mia se il nuoto è il primo sport che parte con il programma gare la mattina dopo la serata di apertura dei Giochi. Spero di essere stata chiara abbastanza!». Chiarissima, immensa. Ora i capoccia del Palazzo possono fare due cose. 1) Prendere e portare a casa. 2) Rompere ulteriormente le balle alla Pellegrini e cioè a una fra le pochissime atlete italiane che garantiscono medaglie, lustro e fanno mantenere le poltrone adese alle chiappe di chi alza il dito per pontificare su argomenti - ci sia consentito - da avanspettacolo. 

Ps. Raccontiamo il simpatico caso Raimondo d’Inzeo, re dell’equitazione. Alle Olimpiadi vinse due argenti nel ’56, un bronzo a squadre e l’oro individuale nel ’60, due bronzi a squadre nel ’64 e nel ’72. Nel ’68 fu portabandiera in Messico. Sapete cosa vinse? Una beata cippa.

di Fabrizio Biasin

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Il_Presidente

    14 Ottobre 2011 - 19:07

    e presuntuosa

    Report

    Rispondi

  • pi.bo42

    14 Ottobre 2011 - 14:02

    Mi sembra che questa sua riflessione classista non abbia alcuna pertinenza con la questione. La Pellegrini è vero è stata fortunata, la natura l'ha dotata di un grande talento natatorio,ma tale talento lo deve coltivare, mantenere, affinare e l'allenamento deve essere continuo ed, allo scopo, occorre, comunque, accettare non pochi sacrifici. A meno che lei non pensi che lo sport agonistico non debba esistere ed anche chi ha doti particolari per emergervi debba dimenticarle e farsi un " c....o così" in un altro lavoro qualsiasi. Una cosa è certa, bandiera o non bandiera, porta più lustro Federica all'Italia di tanti nostri rappresentanti politici scombinati e, spesso, ridicoli!

    Report

    Rispondi

  • fumonero

    14 Ottobre 2011 - 13:01

    la signorina pellegrini farebbe meglio essere più umile, vada a chiedere a chi lavora veramente se quando la sera rientra a casa è stanco, una cosa e certa non hanno portato una bandiera ma si sono fatti un c... cosi. Penso si debba vergognare.

    Report

    Rispondi

  • carloB.

    14 Ottobre 2011 - 11:11

    Ha perfettamente ragione, lei deve pensare a gareggiare e probabilmente la nuotatina in piscina, il giorno dopo una faticaccia così i critici ignoranti non andrebbero a farla....farebbero riposo assoluto...figuriamoci partecipare ad una gara olimpica! Ma come si fa ad avere delle idee così idiote? Ma è gente che fa parte dell'ambiente sportivo o sono una massa di burocrati incompetenti?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog