Cerca

Lo sport piange Marco Simoncelli iI campione rimasto semplice

MotoGp in lutto: a Sepang il 24enne pilota romagnolo cade e viene travolto da Edwards e Rossi. Blocco cardiorespiratorio, poi il decesso

Lo sport piange Marco Simoncelli iI campione rimasto semplice
Marco Simoncelli è morto dopo un gravissimo incidente al Gp di Malesia a Sepang. Il 24enne pilota romagnolo è caduto nel corso del secondo giro e su di lui sono piombate a gran velocità le moto di Colin Edwards e di Valentino Rossi. Lo schianto, tremendo, lo ha lasciato esanime sulla pista, senza casco. SuperSic è stato immediatamente trasportato al centro medico del circuito in ambulanza. "Simoncelli è arrivato già in arresto cardiocircolatorio, e ha un vistoso segno di una ruota sul collo. Stiamo cercando di rianimarlo ma è molto difficile, ha il segno di una ruota sul collo", aveva ammesso ai microfoni di Italia1 il dottor Giuseppe Russo, uno dei componenti dello staff medico del Motomondiale, pochi minuti prima della notizia del decesso. La gara è stata immediatamente annullata.



Ricci e successi - Volto tra i più famosi del motociclismo italiano e mondiale, sia per la classe in pista sia per il look stravagante, Marco Simoncelli era arrivato al successo giovanissimo. Nato a Cattolica il 20 gennaio 1987, si è laureato campione italiano a 12 e 13 anni. Nel 2002 il salto nel motociclismo dei grandi,  con la vittoria del titolo europeo di 125 e il debutto nel Motomondiale. Nel 2004 la prima vittoria, in Spagna, e nel 2006 il salto in 250. Il 2008 è il suo anno magico, con la vittoria del titolo mondiale, sfiorato anche l'anno successivo con il terzo posto finale. Nel 2010 passa alla classe regina, la MotoGp. La prima stagione si conclude con l'ottavo posto in classifica. Quest'anno sesto posto, con il miglior risultato in carriera nella categoria: il secondo posto al Gp d'Australia a Phillip Island, il 16 ottobre. Sette giorni prima della tragedia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mauriziospagna

    28 Ottobre 2011 - 18:06

    No, non è possibile! Ancora non ci credo e passo il tempo a testimoniare la mia tristezza. Sporco dolore e sino all'ultimo ho sperato ma poi il silenzio è calato. Dicono indietro non si torna ma il dolore è in corsa e mi prende il fiato. Di nuovo in cielo c'è un altra anima buona ma mi chiedo c'è ancora posto per noi prossimi? Dicono la vita continua ma io penso che quando parli con la morte ti accorgi che vale la pena vivere, che vale addormentarsi con i genitori, che vale russare dalla parte del tuo amore, che vale stonare insieme agli amici, che vale avere poche parole, banali, ridicole ma intense fino al cuore... che vale la pena correre nel Mondo con un mito come Vale. Il vero problema è che siamo infelici e quando ci lascia uno che era armato di tanta felicità e gioia di vivere, soffriamo anche noi. Oltre al suo sorriso, al suo corpo stirato e privo di sensi appoggio il mio coraggio e ti saluto, ti saluto e cerco un luogo giusto per piangere e rinascere. TRIBUTO A MARCO SIMONCELLI MAURIZIO SPAGNA www.ilrotoversi.com

    Report

    Rispondi

  • BLACKMAGIC

    24 Ottobre 2011 - 09:09

    Una triste notizia che sconvolge il mondo intero, per la tragica morte del campione MARCO SIMONCELLI. Dio benedica la sua anima. Un caloroso abbraccio ai genitori. Ciao Marco

    Report

    Rispondi

  • meliodora

    24 Ottobre 2011 - 09:09

    Non sono appassionata di motociclismo ma vedendo Marco e Valentino in diverse trasmissioni ho imparato a conoscere delle gran belle persone di questo mondo. Sono affranta sinceramente perchè eri unico. Un abbraccio ovunque tu sia, con grande affetto da una mamma. Ciao SIC.

    Report

    Rispondi

  • paolo956

    23 Ottobre 2011 - 20:08

    Purtroppo sono sempre i migliori ad andarsene.... ciao Marco....

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog