Cerca

Juve, lite Ranieri-Trezeguet

"È un bambino viziato"

Juve, lite Ranieri-Trezeguet
Ora che non c’è nient’altro a cui pensare se non al campionato – per lo meno stando alle dichiarazioni di dirigenza e staff tecnico -, la Juventus deve fare i conti con David Trezeguet, il bomber che ha fatto esultare i tifosi bianconeri un sacco di volte e che da poco è tornato disponibile dopo un lungo infortunio.
Ranieri: David si comporta come una bambino viziato - Martedì sera il francese è stato sostituito dall’allenatore Ranieri nel corso della sfida con il Chelsea. David non l’ha presa troppo bene, lo si era intuita all’istante con quella espressione un po’ così del giocatore. Oggi è arrivata l’ufficialità: i rapporti tra il tecnico e l’attaccante sono alla frutta e domani Trezeguet non ci sarà con il Bologna nell’anticipo del sabato sera: c’è di mezzo l’intervista rilasciata al quotidiano transalpino L’Equipe nella quale Trezeguet si era lamentato per essere stato sostituito.
Claudio Ranieri non ha fatto nulla per nascondere il proprio disappunto: “Poteva anche aver ragione – ha dichiarato -, ma non doveva passare per la stampa”. Un fiume in piena, il tecnico della Juventus: “Io non gli parlerò, farò altrettanto. Avevo spiegato che mi serviva uno per allargare il gioco e lui non ha queste caratteristiche. Aveva giocato sei palle nel primo e sei nel secondo. Quando non fa gol, non è contento. E’ il comportamento di un bambino viziato. Anche quando la Juve era in serie B aveva detto di volersene andare, ma nessuno ha detto che lo voleva mandare via. Evidentemente non ha considerazione di me. Eppure lo avevo coinvolto nel progetto molto difficile di ricostruire la Juventus e lui si era detto disposto a collaborare. Noi vogliamo che chi lo fa si assuma un compito e lo svolga e io devo capire chi è con me. Danno fastidio queste voci fuori dal coro, sospetto che dietro ci sia qualcosa. Mi sento tradito dall'uomo, più che dal giocatore”. Parole chiare che hanno avuto il consenso del presidente della società Coboldi – Gigli: “Ranieri non ha sbagliato nulla”, ha affermato prima di tentare di smorzare gli animi, sostenendo che “certamente il francese vorrebbe giocare tutte le partite 90 minuti. Di sicuro resterà”.
Amauri fuori per un mese - Da un battibecco ad un infortunio, l’ennesimo, e che stavolta riguarda uno dei pezzi grossi della squadra: Amauri si è procurato una distrazione muscolare all'ultimo tiro dell'ultimo allenamento, in uno scontro con Manninger, anche lui fuori causa. Il brasiliano resterà fuori un mese, costretto a saltare match importanti contro Roma, Genova, Inter e forse Milan. E va ad aggiungersi alla lunghissima fila di assenti: : Camoranesi, Sissoko, Zanetti, Amauri, Trezeguet, Nedved, Marchionni, Legrottaglie, De Ceglie, Manninger.
Una mezza strage che per Ranieri dipende da due cause: “Tanti impegni ravvicinati senza poter fare le rotazioni perchè siamo pochi e la fretta di voler recuperare i giocatori”. In casa Juve si contano ormai 57 infortuni, un record che non fa piacere a nessuno.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • angelo.Mandara

    23 Marzo 2009 - 16:04

    Consuntivo Juventus...a nove giornate dalla conclusione,ossia...ragionando al "meglio". Se accettiamo l'idea che il rapporto di organico tra Inter e Juventus è paragonabile a quello tra Golia e Davide, allora provo a focalizzare almeno tre dei principali motivi che stanno consentendo all'Inter di continuare ad avere sette punti di vantaggio :...arbitri "squilibrati" a favore dell'Inter ed il solito vecchio discorso Ranieri e staff tecnico sanitario (al seguito di Ranieri) che con le sue letture della partita (del tutto originali) hanno portato a tristi sconfitte (oltre che ad acquisti inconcepibili...ma il tutto andrebbe analizzato caso per caso sui singoli infortunati). E',comunque,arduo esprimersi in questo modo, nel momento in cui Ranieri sta recuperando credibilità dall'ondata dei passati detrattori. Ci sarebbe da pensare che screzi e possibili malumori con i vari Del Piero,Camoranesi,Iaquinta,Giovinco,Trezeguet sui possibili assetti tecnici in campo lascino indovinare che il mister con i Campioni faccia più fatica a legare, mentre siano più abbordabili "i secondi livelli", dove necessita minor carisma. I giochi sembrerebbero fatti su un 2° (o 3°) posto e se ciò sta bene alla Juventus...evviva Ranieri !Ma quest'anno il sorpasso(all'Inter) poteva realmente avvenire..la rabbia di...quello che poteva essere e non è stato. Il carattere nell'Inter non arriverà mai a quello presente nella Juve...altro temperamento, altro attaccamento alla maglia (...altro "stile") !! Allora prendiamoci un altro anno per mettere a posto le cose. Infine...strano calendario, l'attuale, che fa sognare il tifoso juventino il sabato sera...per poi risvegliarlo la domenica pomeriggio. Saluti. Angelo Mandara

    Report

    Rispondi

  • angelo.Mandara

    23 Marzo 2009 - 11:11

    Amauri : brutte avvisaglie di distacco ? Come per i politici all'estero, così Amauri dalla lunga vacanza infortunistica concede interviste, a dir poco, indisponenti per gli attuali suoi tifosi. Leggo dal "Tuttosport" una frase di Amauri, del tutto irriverente ed agghiacciante: "Del Piero ? Un grande. Ma il più forte è Miccoli". Dichiarazione che fa riflettere, alla luce di quelle sperticate al suo arrivo alla Juventus...dove, per lui, era il massimo poter giocare vicino a Del Piero. Quella che considero una certa "involuzione" dell'italo-brasiliano, nasce da dopo Natale, periodo fino al quale, in campo, ha fatto vedere il "diavolo a quattro"...per poter convincere Dunga a convocarlo e...quando, finalmente (grazie ad infortuni altrui che lo hanno agevolato), Dunga si è deciso...è poi intervenuto il veto della Juve, che (penso) lo avrà davvero contrariato...e non vorrei se la sia "legata al dito". Sta di fatto che il suo rendimento ed i goals, da allora, hanno cominciato a mancare...fino all'infortunio (in allenamento). Recentemente il nome di Amauri è stato pure collegato ad un incontro(?), a Milano, col brasiliano Leonardo...ed il tutto lascia molto perplessi (...e preoccupati). Faccia pure ciò che vuole...sperando soltanto che se la cosa dovesse avvenire...la Soc. Juventus (nuova gestione) metta finalmente a segno la sua prima vendita...in guadagno. Ricordando, che solo recentemente il milanista Gattuso ha dato uno splendido esempio, al mondo intero,...di volersi ridurre lo stipendio. Grande Ringhio !!! Saluti. Angelo Mandara

    Report

    Rispondi

  • angelo.Mandara

    23 Marzo 2009 - 11:11

    Amauri : brutte avvisaglie di distacco ? Come per i politici all'estero, così Amauri dalla lunga vacanza infortunistica concede interviste, a dir poco, indisponenti per gli attuali suoi tifosi. Leggo dall'odierno "Tuttosport" una frase di Amauri, del tutto irriverente ed agghiacciante : "Del Piero ? Un grande. Ma il più forte è Miccoli". Dichiarazione che fa riflettere, alla luce di quelle sperticate al suo arrivo alla Juventus...dove, per lui, era il massimo poter giocare vicino a Del Piero. Quella che considero una certa "involuzione" dell'italo-brasiliano, nasce da dopo Natale, periodo fino al quale, in campo, ha fatto vedere il "diavolo a quattro"...per poter convincere Dunga a convocarlo e...quando, finalmente (grazie ad infortuni altrui che lo hanno agevolato), Dunga si è deciso...è poi intervenuto il veto della Juve, che (penso) lo avrà davvero contrariato...e non vorrei se la sia "legata al dito". Sta di fatto che il suo rendimento ed i goals, da allora, hanno cominciato a mancare...fino all'infortunio (in allenamento). Recentemente il nome di Amauri è stato pure collegato ad un incontro(?), a Milano, col brasiliano Leonardo...ed il tutto lascia molto perplessi (...e preoccupati). Faccia pure ciò che vuole...sperando soltanto che se la cosa dovesse avvenire...la Soc. Juventus (nuova gestione) metta finalmente a segno la sua prima vendita...in guadagno. Ricordando, che solo recentemente il milanista Gattuso ha dato uno splendido esempio, al mondo intero,...di volersi ridurre lo stipendio. Grande Ringhio !!! Saluti. Angelo Mandara

    Report

    Rispondi

  • ercole.bravi

    17 Marzo 2009 - 09:09

    una z sola nonn sarebbe bastata per presentare il soggetto. Trezeguet era da vendere l'anno scorso, e a maggior ragione quest anno. Non gioca più per nulla e si lamenta a piè sospinto. Questi giocatori dovrebbero prendere esempio da del piero; anche lui ha i suoi alti e bassi ma da grande persona li tiene dentro....il più possibile. Trezeguet ormai non gioca decentemente da una vita a parte l'infortunio.......segna solo sulla stampa; Ranieri ha fatto tantissimo per lui e lo stare zitto sarebbe stata una prova di minima riconoscente verso l'allenatore e la società che malgrado tutto lo paga profumatamente anche quando fluttua dal lettino d'ospedale al massaggiatore.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog