Cerca

In India c'è soltanto Vettel: sempre il tedeschino in pole

Tempo record della Red Bull. Le Ferrari inseguono. Hamilton penalizzato lascia la prima fila a Mark Webber

In India c'è soltanto Vettel: sempre il tedeschino in pole
Pista nuova, qualifiche vecchie: in India, Sebastian Vettel fa 13 con la Red Bull da record. Il pilota tedesco, già campione del mondo, conquista la pole position anche sul tracciato di Buddh e partirà davanti a tutti nella prima edizione del Gp. Il copione è quello visto a ripetizione: il fuoriclasse domina la terza manche delle qualifiche con il tempo di   1'24“178. Domenica, quindi, scatterà al palo per la 13esima volta in   stagione.

Il team con le ali, inoltre, archivia la 16esima pole del 2011: nessuna squadra, nella storia del circus, ha fatto altrettanto. L'inglese Lewis Hamilton, al volante della McLaren-Mercedes, mette a referto il secondo crono (1'24“474) prova a rovinare il sabato dei campioni ma spara a salve: perderà 3 posizioni in griglia per un’irregolarità commessa nelle prove libere di ieri. L’australiano Mark Webber, al volante dell’altra monoposto iridata, con il terzo tempo (1'24“508) si garantisce un posto accanto a Vettel: prima fila monocolore e nel mirino c'è l’en plein.

“Noi partiamo per vincere, magari con una doppietta”, dice il campione di Heppenheim. “Penso sia stata una sessione positiva, anche  se insidiosa. La monoposto è stata fantastica sin dalle libere di venerdì e sono molto soddisfatto. Ci aspetta una lunga gara: le McLaren e le Ferrari ci metteranno sotto pressione, non sappiamo esattamente come risponderanno gli pneumatici”, aggiunge.

La Ferrari, dopo i verdetti incoraggianti delle prime sessioni di libere, torna ad inseguire. Fernando Alonso (1'24“519) chiude il sabato con la quarta prestazione al volante della Ferrari, davanti alla McLaren-Mercedes dell’inglese Jenson Button (1'24“950) e alla rossa di Felipe Massa: il brasiliano (1'25“122) è sesto e nel finale della sessione danneggia la sospensione anteriore destra della sua monoposto.

Il paulista ottiene un risultato migliore rispetto alla Mercedes Gp del tedesco Nico Rosberg (1'25“451). Tra i piloti al via della   terza manche delle prove ufficiali, nessun riscontro cronometrico per il tedesco Adrian Sutil (Force India), lo svizzero Sebastien Buemi (Toro Rosso) e lo spagnolo Jaime Alguersuari (Toro Rosso).

 “Il podio è l’obiettivo più realistico, è difficile puntare alla vittoria”, dice Alonso facendo il punto alla fine della   giornata. “Era importante riuscire a piazzarsi nelle prime due file: da qui è più semplice lottare per un bel risultato. Non credo che ci  sia una gran differenza fra le due file verticali della griglia perchè sul rettilineo di partenza la linea ideale passa in mezzo: entrambe sono piuttosto sporche”, prosegue, evidenziando che tra   terza e quarta posizione, al semaforo verde, cambia poco.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog