Cerca

Il prefetto rinvia Napoli-Juve Torino: furbata napoletana

Maltempo, non si gioca. De Laurentiis: "Giusto così". Scoppia la polemica sulla data del recupero. Pressioni per far "rifiatare" gli azzurri?

Il prefetto rinvia Napoli-Juve Torino: furbata napoletana
Chi gioca se la gode, chi non gioca fa polemica. Solo il maltempo ferma la capolista Juventus, che si vede rinviare la gara dell'11° turno di A per maltempo. Nel weekend delle allerte massime e delle tragedie, il calcio italiano riesce a strumentalizzare anche la pioggia. In un senso e nell'altro. Perché il campo impraticabile in questione era quello del Napoli, dove alle 20.45 era in programma il big match tra gli azzurri di Mazzarri e i bianconeri capolisti. A Napoli, però, un nubifragio riempie d'acqua il quartiere dello stadio San Paolo mentre il vento uccide un pensionato a Pozzuoli, schiacciato da un pino. Intorno alle 12.30 il prefetto Andrea De Martino decide per la sospensione. Apriti cielo, in tutti i sensi: da quel momento il tempo migliora, tanto che in molti campi minori del Napoletano si gioca regolarmente. E Tuttosport, quotidiano sportivo torinese, non ha dubbi a titolare polemico: "'O sole Mio", con tanto di foto di un San Paolo assolato e vuoto, con dicitura "Ieri pomeriggio". Come dire: si poteva giocare, eppure...

Veleni e sospetti - La motivazione ufficiale del prefetto è garantire la sicurezza dei 60mila tifosi attesi allo stadio nonchè l'impiego delle forze dell'ordine per la sicurezza della città, sottraendoli alle incombenze sportive. In un primo momento l'ad della Juve Beppe Marotta si è dimostrato comprensivo: "Purtroppo i fatti di questi giorni prevalgono sul resto e il calcio non può e non deve vivere al di fuori della realtà". Poi però si inizia a pensare alla data del recupero e tornano i veleni. I bianconeri si dimostrano irritati per non essere stati invitati alla riunione in prefettura, al pari di altre istituzioni calcistiche. Il Napoli propone di giocare la partita il 14 dicembre, giorno per gli uomini di Conte impossibile perché due giorni prima c'è Roma-Juventus. La Signora chiede la data più vicina, il 30 novembre, ma il Napoli si troverebbe nelle stesse condizioni di ieri, cioè reduce da una partita di Champions. Una guerra aperta, anche perché c'è chi sospetta che sul rinvio ci sia lo zampino del presidente De Laurentiis e addirittura del sindaco De Magistris, tifosi napoletani preoccupati per la stanchezza della squadra e un gradino sotto la Juve attuale. Nel bailamme ci si mette anche la Lega calcio: "La sicurezza di tutti è un valore prioritario ma è un fatto che la scelta sia stata presa senza consultare la Lega, che è l'organizzatore del campionato".

Poker Milan - E così non resta che assistere a una domenica monca, già senza Genoa-Inter per gli ovvi motivi. Il Milan ride con Ibra e Robinho (star nel 4-0 al Catania), la Lazio e l'Udinese resistono e addirittura vanno in testa (Sculli stende il Parma, Basta e Di Natale il Siena) approfittando dello stop della Juve. E dietro, mentre il Cesena affonda sempre più, l'Atalanta si toglie un'altra soddisfazione: 1-0 al Cagliari con bomber Denis: i bergamaschi, senza penalizzazione, sarebbero a 18 punti. Altro che salvezza.

Serie A, 11° turno
Palermo Bologna 3-1 (Zahavi, Silvestre, Ilicic; Ramirez) sabato
Novara-Roma 0-2 (Bojan, Osvaldo) sabato
Atalanta-Cagliari 1-0 (Denis)
Cesena-Lecce 0-1 (Cuadrado)
Chievo-Fiorentina 1-0 (L. Rigoni)
Genoa-Inter rinviata
Lazio-Parma 1-0 (Sculli)
Milan-Catania 4-0 (Ibrahimovic rig., Robinho, aut. Lodi, Zambrotta)
Napoli-Juventus rinviata
Udinese-Siena 2-1 (Basta, Di Natale; Bolzoni)

Classifica

Udinese 21
Lazio 21
Milan 20
Juventus* 19
Palermo 18
Napoli* 14
Roma 14
Catania 14
Siena 13
Cagliari 13
Genoa* 12
Atalanta** 12
Fiorentina 12
Chievo 12
Parma 12
Bologna 10
Inter 8
Lecce 8
Novara 7
Cesena 3

* una gara in meno
** 6 punti di penalizzazione

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • araia

    08 Novembre 2011 - 12:12

    E' facile fare umorismo quando di mezzo c'è Napoli ed i napoletani. Chiederei cortesemente a chi ne ha voglia di discutere seriamente di quanto è successo (mi riferisco soprattutto al Sig. Biasin). Napoi-Juve per i napolitani è LA PARTITA e quindi in quell'occasione un'intera provincia si reca allo stadio. La gente arriva allo stadio almeno 3 ore prima e chi abita in provincia si mette in viaggio verso le 16. Domenica ha piovuto in tutta la provincia fino alle 14 e quindi si sarebbe assistito ad un esodo di tifosi verso Napoli su strade a dir poco allagate. In prossimità dello stadio poi avrebbe trovato il caos a causa degli allagamenti sistematici dei sottopassaggi che "passano" sotto il S.Paolo. Per chi non lo sa alle 19.30 c'è stato un altro nubifragio che ha allagato di nuovo le strade. Non oso immaginare cosa poteva accadere se si fosse verificato all'uscita dei tifosi dallo stadio quando il traffico normalmente va in tilt soprattutto nei sottopassaggi dello stadio

    Report

    Rispondi

  • air79

    07 Novembre 2011 - 17:05

    mi accodo a coloro che non capiscono cosa vogliono questi signori di bianco nero vestiti.... ma veramente fate? e certo il campo era in buone condizioni ma il resto? ma soprattutto il cervelletto vi funziona oppure se state nelle parti alte manca l'ossigeno e non ragionate bene??? bhaa daltronde da chi fa finta di aver rubato per una vita ma cosa ci si vuole aspettare..... p.s. comprate un televisore ad agnelli & Co. probabilmente non hanno visto bene

    Report

    Rispondi

  • angelo.Mandara

    07 Novembre 2011 - 17:05

    Ennesima furbata partenopea...e l'Italia sta a guardare ? Per carità, grande rispetto sul rischio "mal tempo" (ma il marcio non è lì...anche se nella stessa domenica, lì, s'è visto del bel sole)...ma come s'è avuta la notizia,mi sono subito sorte strane considerazioni (escludendo che il Prefetto possa essere tifoso,ma che invece abbia ricevuto pressioni interessate ?)...Se non ho capito male, pare che in tutta la Campania solo a Napoli non si sia giocato ?...Sarei curioso di conoscere la data dell'ultima partita ufficiale rinviata in quel di Napoli ?...Se è vero che la Lega calcio sia stata del tutto ignorata ? ...Memore della partita Perugia - Juve, inviterei al debito confronto meteo. Infine, ricordando il rollino del Napoli, gia dalla serie B...mi piacerebbe che un pò di quella "furbizia"...si trasferisse alla Juve, chiedendo il recupero, dopo successiva impegnativa partita del Napoli in Champions... Angelo Mandara

    Report

    Rispondi

  • otello52

    07 Novembre 2011 - 16:04

    tanto per non diemticarlo lo stile juventus è quello detta da Moggi "orologgi', Bettega etc. tutte persone perbene e inquisite. quanto alla partita, confermo che ierisera alle ore 19,00 era in atto un pioggia volentissima; il problema non era lo stadio, ma le vie di accesso alla stadio, in quanto per la pioggia del mattino e della nottata precedente le stazioni della metro limitrofe allo stadio e le strade di accesso erano allagate. era davvero pericoloso far accedere 60.000 spettatori in una zona ad altissimo rischio. questo anche un deficiente lo capisce, ma uno juventoino proprio non ci riesce. per la cronaca negli ultimi anni hanno lasciato più punti a napoli che altrove. dunque silenzio e poi siverdrà sul campo.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog