Cerca

La Fiorentina esonera Mihajlovic Al suo posto Delio Rossi

Sinisa e la Viola: storia al capolinea. L'ex ct laziale ha già firmato un contratto fino al 30 giugno 2013: si prende in mano una patata bollente

La Fiorentina esonera Mihajlovic Al suo posto Delio Rossi
Le voci sono state confermate: la Fiorentina ha esonerato Sinisa Mihajlovic. La comunicazione al tecnico serbo è stata data già lunedì mattina dal direttore sportivo Pantaleo Corvino, che aveva spiegato a Sinisa come i Della Valle fossero già alla ricerca di un allenatore per sostituirlo. La Fiorentina ha comunicato subito il "cambio della giuda tecnica della prima squadra". A Mihajlovic, "che ha ricoperto questo ruolo con impegno e professionalità, vanno i più sentiti ringraziamenti della società e i migliori auguri perché la sua carriera possa continuare con crescenti soddisfazioni e meritati successi - recita la nota -. Un ringraziamento particolare anche allo staff tecnico che lo ha assistito. Il nuovo allenatore sarà Delio Rossi, che ha raggiunto un'intesa per guidare la prima squadra fino al 30 giugno 2013".

I rimproveri dei Della Valle - Mihajlovic paga così l'inizio di stagione deludente, ma anche le accuse della società, che rimprovera al serbo di non avere avuto il pugno sufficientemente duro con lo spogliatoio. I Della Valle rimproverano a Sinisa l'eccessiva liberà concessa ai giocatori - tra notti nei locali e viaggi in treno - ma anche alcune scelte di mercato. La proprietà infatti aveva affidato a Corvino la 'cassaforte' Fiorentina, e oggi Mihajlovic parlava di una squadra con scarsa personalità e ricambi non all'altezza.

La patata bollente - A Delio Rossi capita in mano una patata abbastanza bollente. Il gruppo infatti pare in crisi di identità, e molti giocatori cercano nuove motivazioni. I Della Valle, inoltre, sono delusi dallo scarso rendimento dai componenti di maggior classe della rosa, su tutti Riccardo Montolivo, già fiaccato da un'estate di trattative e di sostanziale rottura con la società (andrà via a parametro zero al termine della stagione). Resta poi da risolvere il caso Vargas, e anche Alberto Gilardino, giusto per scimmiottare un'espressione in voga nella cronaca politica degli ultimi giorni, pare avere un acuto maldipancia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog