Cerca

Calciopoli, condannato Moggi: Per l'ex dg 5 anni e 4 mesi

La sentenza di primo grado dei giudici di Napoli: accolte le richieste della nona sezione del Tribunale e le richieste dei pm

Calciopoli, condannato Moggi: Per l'ex dg 5 anni e 4 mesi
Cinque anni e 4 mesi a Luciano Moggi, 3 anni e 8 mesi a Paolo Bergamo, 2 anni e 2 mesi a Innocenzo Mazzini. Con 16 condanne e 8 assoluzioni è andato in archivio il primo grado del processo di Napoli su Calciopoli. La sentenza pronunciata dal giudice Teresa Casoria ha riconosciuto la sostanziale validità dell’impianto accusatorio dei pm: per il collegio giudicante, c'era un’associazione a delinquere che influenzava il calcio italiano e che ruotava attorno all’asse formato dall’ex direttore generale della Juventus (che ha abbandonato l'aula senza rilasciare dichiarazioni), dall’ex designatore arbitrale e dall’ex vicepresidente federale.

Le condanne - Giudicati colpevoli anche l’altro ex designatore Pierluigi Pairetto (1 anno e 11 mesi) e gli ex arbitri Massimo De Santis (1 anno e 11 mesi), Salvatore Racalbuto (1 anno e 8 mesi), Paolo Bertini (1 anno e 5 mesi) e Antonio Dattilo (1 anno e 5 mesi). Condanne per frode sportiva anche per una schiera di dirigenti: 1 anno e 6 mesi per Lillo Foti (presidente della Reggina), 1 anno e 3 mesi per Claudio Lotito (presidente della Lazio), 1 anno e 3 mesi per Sandro Mencucci (ad della Fiorentina) e per i fratelli Andrea e Diego Della Valle, proprietari della Fiorentina. Un anno per Leonardo Meani, ex addetto agli arbitri del Milan, e per gli ex assistenti Claudio Puglisi e Stefano Titomanlio. (segue)

La storia - I verdetti sono arrivati a oltre 5 anni dai procedimenti che la giustizia sportiva, basandosi sulle intercettazioni telefoniche disposte dalla Procura di Napoli, ha celebrato tra la primavera e l’estate 2006 accendendo i riflettori   sulla 'rete' capace di alterare la regolarità di interi campionati. Mentre la Nazionale allenata da Marcello Lippi vinceva i Mondiali in  Germania, veniva ridisegnata la mappa del pallone italiano: Juventus in Serie B, penalizzazioni assortite per Milan, Fiorentina e Lazio.

Le telefonate nascoste - I 24 imputati sono stati chiamati a rispondere a vario titolo di associazione per delinquere e frode per competizioni   sportive. Antonio Giraudo, ex amministratore delegato della Juventus, ha scelto il rito abbreviato e nel dicembre 2009 è stato condannato a 3 anni. La fase dibattimentale, in 61 udienze nell’arco di 1022 giorni, ha offerto nuovi elementi nella primavera 2010. Il collegio difensivo di Moggi ha portato alla luce numerose intercettazioni inedite che hanno svelato le conversazioni tra dirigenti di altre società, compresa l’Inter, e i vertici arbitrali. Le novità hanno indotto la Juventus a modificare la propria posizione in ambito sportivo. La Vecchia Signora ha presentato nell’aprile 2010 un esposto alla Figc chiedendo la revoca dello scudetto assegnato all’Inter. La procura federale ha stigmatizzato le   condotte dei dirigenti nerazzurri, coperte comunque da prescrizione e quindi non oggetto di procedimenti disciplinari. Dopo oltre un anno, il Consiglio della federcalcio si è dichiarato non competente sulla questione relativa al tricolore 2006.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ercole.bravi

    09 Novembre 2011 - 08:08

    al di la del fatto che è una condanna i primo grado (quindi non colpevole....condannato, se il concetto di giustizia ha un significato) vorrei solo dire a Luciano Moggi di resistere (anche se capisco la difficoltà del momento, ma conoscendolo so che si rialzerà e tornerà più combattivo) e la seconda cosa che vorrei evidenziare: una sentenza simile era quasi nell'aria; troppi interessi che sarebbero stati messi in ballo e di conseguenza stravolgimenti politici e di immagine che nessuno, avrebbe avuto il coraggio di coinvolgere, ergo: Moggi doveva essere condannato e cosi è stato. Speriamo che la Giustizia torni a far parlare di se in senso positivo. Gli intoccabili so n rimasti tali e via cosi. Aspettiamo fiduciosi la smentita.

    Report

    Rispondi

  • puzzailsignorvincenzo

    08 Novembre 2011 - 23:11

    E chi lo vota? Nemmeno i parenti, poveraccio, ha 90 anni, ormai fa anche pena.

    Report

    Rispondi

  • romano75

    08 Novembre 2011 - 22:10

    Per Moggi e De Santis era una sentenza scontata, assolto Carraro una vergogna, dategli un'altra poltrona importante a quel pover uomo.

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    08 Novembre 2011 - 22:10

    Goditela pure questa giornatap,erchè ci sarà l'appello per Moggi e le elezioni, sempre con Berlusconi.Allora ripenserai a questa giornata e asciugandoti le lacrime dirai,era meglio soffrire per poi giorire che illudermi e poi morire.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog