Cerca

Terrore per l'agente di Cavani: pistola sulla compagna incinta

Rapinato Claudio Anellucci: i malviventi gli rubano rolex e portafoglio tenendo sotto tiro la compagna. Ultimo caso di una lunga lista

Terrore per l'agente di Cavani: pistola sulla compagna incinta
Far west in salsa partenopea. Nel mirino, sempre più spesso ci finiscono i calciatori del Napoli e le loro famiglie. L'ultimo episodio pulp di una lunga lista ha coinvolto l'agente di Edinson Cavani, il bomber uruguagio e stella del team di Mazzarri: Claudio Anellucci è stato rapinato mentre era nella sua auto del Rolex e del portafoglio. A rendere ancor più drammatico l'ultimo episodio di violenza la minaccia di una pistola, puntata al ventre della compagna del procuratore, al settimo mese di gravidanza.

Anellucci in difesa di Napoli - L'episodio è accaduto venerdì sera nei pressi della stazione in corso Garibaldi. Anellucci ha riferito agli inquirenti che due uomini con il volto coperto dal casco hanno affiancato la sua auto a bordo di uno scooter. Dopo aver rotto con il calcio della pistola il vetro anteriore dal lato di guida, gli hanno intimato di consegnare soldi e orologio. Dopo le prime esitazioni di Anellucci hanno puntato l'arma al pancione della fidanzata, seduta al suo fianco, e hanno minacciato di aprire il fuoco. Anellucci, però, vuole difendere la sua città. All'agenzia di stampa Ansa ha dichiarato: "Ci tengo a dire che la città di Napoli è fatta da persone eccezionali e, così come in molte metropoli, c'è anche gentaglia. Comunque Napoli non può essere rovinata da 20, 30, 40 o 50 delinquenti".

I precedenti - Le parole di Anellucci escono dal solco di quelle rilanscate dalla moglie di Lavezzi dopo che le fu rubato il Rolex a Posillipo: la compagna della stella argentina disse che Napoli è "una città di m...", per poi rettificare spiegando di aver parlato a casa. L'episodio che ha coinvolto il procuratore di Cavani resta l'ultimo di una lunga serie. Il primo giocatore del club di De Laurentiis caduto nella trappola dei rapinatori è stato Marek Hamsik: l'episodio risale ai giorni che precedevano il Natale del 2008, quando in pieno centro, Mare Chiaro fu assalito e rapinato sempre del Rolex mentre era alla guida della sua vettura. Quest'anno un'impennata dei casi: in ottobre il furto in casa di Cavani. Quindi il mese scorso nel mirino ancora la famiglia Hamsik: la consorte, incinta, è stata rapinata dell'auto. Quindi, per ultimi, il furto ai danni di Yanina Screpante, la ragazza di Lavezzi, e quello subito da Barbara Fideleff, la moglie del difensore argentino Igancio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mark51

    16 Ottobre 2014 - 13:01

    e poi si parla sempre di albanesi rumeni ecc ecc

    Report

    Rispondi

blog