Cerca

In Azzurro chi ha denunciato Sto con il Ct, complimenti

La convocazione non è buonismo, ma un gesto d'aiuto: mi schiero dalla parte di Cesare Prandelli, che ha avuto coraggio da vendere

In Azzurro chi ha denunciato Sto con il Ct, complimenti

Era stato ventilato, ora è confermato: il ct dell’Italia Cesare Prandelli ha convocato in nazionale Simone Farina, il difensore del Gubbio che lo scorso 30 novembre rifiutò 200mila euro dall’ex compagno Zamperini per alterare la gara di Coppa Italia Gubbio-Cesena, denunciando il fatto alla giustizia sportiva. Farina parteciperà così al ritiro azzurro di Coverciano a fine febbraio, preparazione della sfida amichevole Italia-Usa in vista degli Europei 2012. Segue il pensiero di Alessandro Dell'Orto ("Sto con Prandelli, un gesto coraggioso: complimenti) a cui risponde Martino Cervo ("La convocazione è uno spottone demagogico che trasforma gli Azzurri nell'Idv").

No, non riduciamolo a un semplice e banale riconoscimento buonista. Non lo è. Farina in maglia azzurra è qualcosa di più. È un’ammissione audace, una presa di coscienza, forse addirittura una richiesta di aiuto. Il football italiano che traballa conosce perfettamente i propri difetti e chi ha giocato - a qualsiasi livello - o ha vissuto l’ambiente da vicino (basta essere tifosi) sa benissimo che il gesto di Prandelli è qualcosa di forte.

Sì, perché premiare uno che ha semplicemente fatto il proprio dovere (denunciare un tentativo di corruzione) ai più sembrerà buffo, ma in realtà è coraggioso: equivale a denunciare tutti quanti non lo hanno fatto. E, non illudiamoci, sono tanti. Tantissimi. Il calcio è ed è sempre stato un ambiente omertoso e c’è da scommettere (ops...) che il giocatore del Gubbio per molti colleghi, nelle discussioni sotto la doccia, non è passato come eroe, ma come spione. Traditore. Infame. Già. Il meccanismo di corruzione dell’organizzazione - secondo gli inquirenti - funzionava soprattutto grazie al passaparola e al proselitismo.

I capi di Singapore mettevano i soldi, gli zingari contattavano i giocatori che a loro volta cercavano altri calciatori, tra compagni o ex, disposti a stare al gioco. Chissà quanti sono stati tentati. Chissà quanti hanno detto no. Nessuno, però, a parte Farina, ha avuto le palle per denunciare. Via, non facciamo finta di scandalizzarci. Stiamo parlando di un ambiente, quello del football italiano, in cui è raro dire ciò che si pensa («Mi rimetto alle scelte del mister»), in cui se sei fuori dalle righe te la fanno pagare (Zeman), in cui l’argomento omosessualità è un tabù che guai a parlarne, in cui “i panni sporchi si lavano nello spogliatoio”. Ecco perché Prandelli ha ragione. Convocare Farina in nazionale, in questa nazionale che ha precisi codici etici, è fare qualcosa di concreto senza fermarsi ai soli - e ipocriti - bla bla bla. È dare l’esempio. E chissenefrega se il giocatore del Gubbio non è un fenomeno. Di campioni in campo la nazionale ne ha avuti tanti. Di campioni nella vita, meno.

di Alessandro Dell'Orto

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pinet47

    25 Dicembre 2011 - 09:09

    ...un gesto che va apprezzato nella società attuale, dove tutto è fine al denaro e all'affermazione individuale, senza più alcun rispetto per i valori e gli ideali per i quali vale la pena di vivere.

    Report

    Rispondi

  • ansimo

    24 Dicembre 2011 - 20:08

    Credo che erroneamente ho commentato precedentemente l'articolo di Dell'Orto invece di quello di Cervo il quale definisce Farina un fortunato non un onesto. Molto probabilmente per Cervo l'onestà è ormai un valore inesistente, più probabile è vincere al "gratta e vinci". Con Dell'Orto invece mi complimento e condivido il suo parere. Comunque Buon Natale a tutti e due.

    Report

    Rispondi

  • ansimo

    24 Dicembre 2011 - 20:08

    A dire la verità mi sentivo uno sfortunato. Invece è stato solo l'errore di aver seguito il consiglio di mio padre il quale mi raccomandava di frequentare solo gente onesta. D'ora in poi si cambia, via dai piedi tutti questi amici noiosamente onesti e vado a cercarmi amici disonesti e delinquenti che sicuramente mi forniranno l'occasione della mia vita. Sarò anch'io un fortunato.

    Report

    Rispondi

  • dbell56

    24 Dicembre 2011 - 18:06

    Sono d'accordo con Dell'Orto. Premiare chi fa il proprio dovere secondo me è sacrosanto. La potenza della lode è dirompente nella sua efficacia. Mettere alla gogna chi sbaglia scientemente ed artatamente è altrettanto sacrosanto. Qui non si tratta di ipocrisie o altro di negativo. Si tratta di diffondere il messaggio che la disonestà e la furbizia non pagano mai; ma che paga viceversa, la legalità e che se tutti la professano si può vivere in un mondo migliore perchè si realizza la giustizia sociale attraverso la legalità stessa. Quindi per me ok!

    Report

    Rispondi

blog