Cerca

Guerra in casa Berlusconi: Milan contro Mediaset

La società rossonera ha vietato ai giornalisti di Sportmediaset le interviste con i giocatori dopo il diverbio tra Allegri e Paparesta

Guerra in casa Berlusconi: Milan contro Mediaset

Una guerra in famiglia scuote l’universo sportivo berlusconiano. Il Milan caccia Sport Mediaset dal paradiso di Milanello, vietando ai giornalisti della testata sportiva il contatto con i giocatori rossoneri. Un divieto pesantissimo nella settimana che porta al derby di Milano.  «Con grande rammarico l’assemblea dei giornalisti deve segnalare pubblicamente un episodio preoccupante sul fronte dei rapporti sport-comunicazione», si legge in una nota diffusa dal cdr di SportMediaset, «l’Ufficio stampa del Milan ha fatto sapere alla nostra redazione che quest’ultima non potrà in questi giorni avere a disposizione interviste a tesserati del club dopo le divergenti valutazioni sul rigore concesso in Atalanta-Milan, emerse durante il dibattito televisivo post-partita tra l’allenatore rossonero e gli ospiti presenti nello studio di Premium Calcio».
Tutta colpa quindi dell’ex arbitro Gianluca Paparesta, moviolista del canale digitale di Mediaset che domenica sera aveva litigato con Massimiliano Allegri sulla legittimità del penalty assegnato al Milan per un fallo su Pato. «L’episodio  si qualifica da sé», conclude il comunicato, «e purtroppo sono sempre più frequenti le ritorsioni delle società di calcio nei confronti dei media che esprimono opinioni non gradite». Nessuna smentita dai responsabili della comunicazione rossonera che hanno invece rimproverato i giornalisti della testa di aver disertato - unica emittente tv - l’allenamento a porte aperte di ieri mattina. I panni sporchi si dovrebbero lavare in famiglia, magari senza chiudere Paparesta nei camerini.
di Francesco Perugini

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • scorpio53

    14 Gennaio 2012 - 12:12

    non è certamente solo l'ultimo episodio che fà dei giornalisti , opinionisti e quant'altro di mediaset, una forza ostile al Milan. quanto detto non è lo sfogo di un milanista, ma una analisi sui singoli rappresentanti della testata. Tutti, o quasi (specialmente gli opinionisti o le voci tecniche) sono rappresentati da una area di provenienza opposta. Il Milan è l'unica squadra che non ha un commentatore sportivo e tecnico di sua provenienza. Il Napoli è ben assistito da ultrà di curva, l'inter idem, la roma uguale e così via. Se poi ci mettiamo i conduttori, dalla prima donna Calcagno (seguitene la storia e la provenienza) all'antimilanista e poco credibile (già allontanato e poi ripreso assieme a Serena) Maurizio Pistocchi, al pari antimilanista ex arbitro Cesari all'ultimo arrivato e radiato Paparesta. ed infine chiedete la squadra per cui tifano o hanno simpatia: Castagner, Agostinelli, Ferri, Longhi, Rambaudi, Pellegrini, De biasi, Cravero, Paglica, Ravanelli, Nela, Graziani, Camol

    Report

    Rispondi

  • Borgofosco

    12 Gennaio 2012 - 23:11

    Non è casuale che Maurizio Pistocchi litighi con qualcuno. Il personaggio è saccente e si è introdotto arrogantemente nei chiarimenti, sui regolamenti calcistici, che stavano cercando spiegarsi: Gianluca Paparesta e Massimiliano Allegri. Non fosse intervenuto, inopportunamente, il commentatore televisivo, la disputa sarebbe terminata, all'italiana, con un compromesso. Era rigore però... Il fatto grave è che chi era presente allo stadio ha giudicato che il fallo fosse netto(me lo ha confermato un ex calciatore bergamasco). Persino il telecronista e l'allenatore De Biasi hanno giudicato l'intervento come una netta scorrettezza. Inoltre Nicola Rizzoli è uno dei migliori arbitri internazionali e non ha avuto titubanze nel sancire la penalità. E' il solito discorso dei commentatori tifosi(non vogliamo pensare ad altro). Pistocchi e Paparesta hanno più volte, dimostrato la loro antipatia per il Milan. Che Allegri e Galliani si siano arrabbiati è del tutto plausibile!

    Report

    Rispondi

  • bolognini mauro

    12 Gennaio 2012 - 19:07

    secondo me il presidente Berlusconi dovrebbe richiamare i suoi perche Paparesta ha interpretato bene la moviola sul fallo di rigore per il milan, anche io sono d'accordo(sono tifoso del TARANTO). Secondo me la societa' ha fatto una brutta figura.

    Report

    Rispondi

  • porrzuz1492

    12 Gennaio 2012 - 16:04

    le ritorsioni sono ridicole,però Paparesta e gli ex arbitri moviolisti sono arroganti presuntuosi che non ricordano le castronerie combinate

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog