Cerca

Il Manchester "bastona" Tevez E stoppa il Milan

Ammenda da 500mila euro per l'argentino: si è rifiutato di entrare contro il Bayern in Champions. Oggi Lazio a San Siro

Il Manchester "bastona" Tevez E stoppa il Milan

Dopo un mese di dispetti incrociati è guerra fredda nel triangolo Tevez-City-Milan. A scatenare il tutto gli sceicchi, con uno doppio colpo basso. Da un lato le frasi del presidente dei Citizens, Al Mubarak, al quotidiano “The National” di Abu Dhabi («Al momento il Milan non è un’opzione»); dall’altro una multa pesante al giocatore: 1,2 milioni di euro - sei settimane di stipendio - per essere scappato in Argentina. Arriva così a 9,3 milioni di sterline (11,1 milioni di euro) il bilancio della fuga di Tevez da Manchester: 500mila euro di ammenda per il rifiuto di entrare contro il Bayern in Champions; poi la multa e la cancellazione di una serie di bonus  previsti nel contratto (7,2 milioni di euro). In più lo stipendio sospeso da novembre (circa 2 milioni di euro). «Ma è stato Carlos a rinunciare ai pagamenti pur di rimanere a casa», ha replicato ieri l’alter ego di  Kia Joorabchian, Paul McCarthy, alla stampa inglese.

Il “trucco” ha già funzionato in passato (per gli addii al Corinthians prima e al West Ham poi) e perciò la trattativa col Milan resta in piedi. Anche perché i rossoneri non hanno fretta di chiudere, forti di un’alternativa come Maxi Lopez già sotto chiave. Galliani terrà così aperta la porta per almeno altre 48 ore a Tevez, atteso oggi in Europa. Il Milan continua a chiedere il prestito con diritto di riscatto, il City chiede che i rossoneri si accollino l’obbligo di comprare l’Apache a giugno, probabilmente con la formula del prestito oneroso, cioè un sostanzioso anticipo adesso. C’è tempo fino al 31 gennaio, poi toccherà alle carte bollate. Per il primo di febbraio, infatti, il City è pronto a far partire una causa per risarcimento danni contro Tevez. Un modo per spaventarlo e, forse, fargli accettare le avances del Psg, destinazione preferita dagli inglesi, anche perché è l’unica squadra che pagherebbe subito. Tevez però potrebbe presentare ricorso contro la multa per la fuga, ma soprattutto (in caso di mancato trasferimento al Milan) una causa molto più pesante: mobbing. Intanto, a San Siro arriva la Lazio per il quarto di finale di Coppa Italia. Allegri dribbla le domande di mercato e sprona i suoi: «Dobbiamo cercare di passare il turno, la prospettiva è sfidare la Juve». Idea affascinante, ma non tanto da esigere uno sforzo extra da parte di Ibra. «Non è un robot, ogni tanto deve riposare». Dentro El Shaarawy.
di Francesco Perugini

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Borgofosco

    26 Gennaio 2012 - 13:01

    Questo impuntarsi del Manchester City è incomprensibile. Il Milan non ha alcuna responsabilità sulla cattiva gestione del calciatore da parte della società inglese. Dal caso Bosman in poi è determinante la volontà dell'atleta nella scelta della destinazione lavorativa. I problemi tra i Citizen e l'Apache erano noti. Galliani, da grande manager, ha profittato meglio di altri di questa opportunità. Negli affari disquisire sulle modalità, purché non vi siano illegalità, appare come discutere sul sesso degli angeli. Naturalmente nessun milanista farebbe drammi se l'argentino non dovesse vestire il rossonero della società milanese. Del resto in questo momento di gravi crisi economica,mi sembra alquanto lungimirante il comportamento del team rossonero. Acquisire, al campionato italiano, un campione come Tevez, dovrebbe inorgoglire tutti. Come avrebbe detto, di Tevez, Nereo Rocco: -nemo,ciò, xe un mulo come voialtri!-

    Report

    Rispondi

  • teomondo scrofalo

    26 Gennaio 2012 - 12:12

    Dopo aver letto l'articolo, Crapa Pelada (galliani) ha tentato il suicidio. Trovasi ricoverato presso la clinica veterinaria.

    Report

    Rispondi

blog